Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [03/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Buio di mezzanotte
di Fortuna Della Porta
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7157
Media 79.97 %



Danilo sente crescere il nervosismo mentre Zeus, il suo cocker, guaisce e si sposta in rettilineo dalla libreria al divano perché vuole uscire. Di tanto in tanto alza la testa per controllare se si è alzato e ha preso il guinzaglio. Si erge poi sulle zampe posteriori fino alla sua guancia per lambirla con la punta della lingua.
Danilo si maledice per averlo abituato ad uscire ad ogni ora della notte se ne sente il bisogno, ma da quando nella pineta, che comincia di là dalla strada, hanno ammazzato quel ragazzo pulito come la neve, che ogni sera correva nei viottoli ascoltando musica, ha sempre un vago timore quando deve uscire dopo una certa ora.
Mentre disegnava le sue innocenti falcate, gli avevano stretto al collo il filo del suo auricolare e ancora con quella mortale collana lo aveva trovato un passante sopra una panchina come se dormisse la mattina seguente.
Gli era comparsa una curiosità anomala, un vero turbamento, per giorni appresso all’esaltazione della stampa locale, come accade quando la vittima ci è speculare. Con un piccolo appartamento di una periferia ancora poco abitata, ammetteva di essere spaventato.
Ma Zeus non conosce la perfidia degli uomini ed insiste col suo lamento.
Ormai Danilo è completamente sveglio e valuta che il senso di oppressione è scollegato dai sogni. Ha proprio paura di uscire e guarda l’orologio lampeggiare in rosso le cifre dei secondi sul comodino alla sua destra.
Si stupisce che non sia ancora mezzanotte e allora immagina che numerose macchine siano ancora a circolare sulla statale. Magari c’è in giro qualche ritardatario, del resto non ha alcuna intenzione di avventurarsi nella pineta. Da quel giorno non l’ha attraversata che di giorno, gettando una breve occhiata alla panchina sulla quale sempre un fiore pietoso appassiva.
Quando prende il guinzaglio da un gancio dell’attaccapanni, Zeus fa un balzo. Allora gli dice di malumore: Calma, che ti prende?
Zeus gira su se stesso come una trottola, ma alla fine il gancio è al suo posto nell’anello del collare.
Ha piovuto. La strada è resa scivolosa dagli aghi di pino e dalla sabbia trasportati dal vento; un paio di lampioni sono spenti da qualche tempo, ma Danilo sembra notarli per la prima volta. Tira la zip fino al collo e infila la mano libera nella tasca del giaccone. Guarda in avanti e subito dopo indietro, ma la strada è vuota, mentre Zeus dà uno strattone al filo e lo costringe a stare attento se non vuole cadere.
Proseguono per qualche minuto e Danilo fischietta, sempre ruotando gli occhi nella direzione delle zone meno illuminate.
Ad un tratto avverte un’ombra dietro le spalle e si gira di scatto. Rileva una sagoma non ben definita come se la persona che lo segue indossasse un mantello, o un velo nero, lungo fino ai piedi, che svolazza con le folate di vento. Il fiotto dell’oscurità continua a scorrere lungo i contorni della figura e ad assemblarli in maniera inadeguata.
Dapprima prosegue a passi più spediti, poi si mette proprio a correre, perché girandosi a controllare di tanto in tanto, si rende conto che la macchia indefinibile nella diffusa insufficienza di luce continua ad avvicinarsi.
Non c’è dubbio che qualcuno lo stia seguendo e non sa cosa fare. Gli manca il fiato.
Sulla statale non è ancora transitata un’auto. Le finestre non danno indicazioni di attività umane e paiono occhi incavati.
Ha la mente inceppata come non riuscisse a passare da un pensiero ad un altro, consapevole che sta per avere un attacco di panico: cerca quindi di respirare spalancando i polmoni.
Se avesse avuto un cane aggressivo in quel momento lo avrebbe lanciato contro lo sconosciuto. È tanto sconvolto che resisterebbe impassibile nel vederlo fare pezzi. Ma Zeus fa moine a tutti, un amico dei ladri, piuttosto che una bestia con l’istinto di metterli in fuga.
Corre adesso come un forsennato senza guardare dove mette i piedi e gli sembra che qualcuno sghignazzi dietro le spalle, mentre Zeus, che non si rende conto di nulla, per quei cambi continui di andatura è felice come una pasqua.
Sul secondo gradino Danilo appoggia solo la punta della scarpa che quindi non lo sostiene. Poi ha piovuto e la presa non regge.
La fronte batte sul terzo scalino e Danilo non fa in tempo a comprendere l’accaduto perché perde conoscenza immediatamente, come se un velo nero coprisse tutto.

© Fortuna Della Porta



Recensioni ed articoli relativi a Fortuna Della Porta

(1) La sonnolenza delle cose di Fortuna Della Porta - RECENSIONE
(2) Io confesso di Fortuna Della Porta - RECENSIONE

Testi di Fortuna Della Porta pubblicati su Progetto Babele

(1) Zoé Valdés e la poetica della nostalgia di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(2) Jelinek,Elfriede di Fortuna Della Porta - BIOGRAFIA
(3) Sorso di notte potabile di Flaminia Cruciani - RECENSIONE
(4) La nuova poesia modernista italiana di Giorgio Linguaglossa - RECENSIONE
(5) Nascosta e lo Specchio di Maria Carla Trapani - RECENSIONE
(6) Zoé Valdés e la poetica della nostalgia di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(7) Saba: appunti per un percorso di lettura a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(8) Rileggendo Moby Dick - L'attualità della Balena Bianca a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(9) La dimensione del tempo di Fortuna Della Porta - RACCONTO
(10) Buio di mezzanotte di Fortuna Della Porta - RACCONTO
(11) Mosca più balena di Valeria Parrella - RECENSIONE
(12) La memoria dell'acqua di Antonio Messina - RECENSIONE
(13) Lettera da Francoforte di Edith Bruck - RECENSIONE
(14) Nuvole di Norma D'Alessio - RECENSIONE
(15) Edith Bruck Lettera da Francoforte a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-03-30
VISITE: 13938


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali