Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [16/09/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-09-18    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Speranze di Maria cristina Piazza     Le non stagioni del buio di Cinzia Baldini     Non ci sarà tramonto di Doriana De vecchi     MARTA - Ritratto di una donna in punta di matita di Maurizio Canauz     Occhi tristi di Christian Bigiarini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Consapevolezza
di Cesare Furesi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8491
Media 79.26 %



Quando ero piccolo mi succedeva una cosa strana. Una cosa di cui ho goduto, sino a quando ho capito. Poi non ho goduto più.
Camminando, per strada o da qualsiasi parte, le persone mi osservavano. Non so cosa cercassero, o cosa trovassero, però guardavano. In mille modi, sia buoni, sia cattivi. Perché la gente quando guarda… guarda. Cioè, alle volte insiste, arriva anche a rompere i cogl… e se ne accorge, ma continua. Intanto, cosa puoi dire.
Comunque, io mi accorgevo di essere guardato, e quando mi giravo per rispondere allo sguardo, lo alzavano un pochino, il loro, fino ai miei occhi. Che bello! Tanti, e lo sottoscrivo, mi sorridevano, ed erano sorrisi talmente belli da convincermi. Perché, giuro, io ero realmente sicuro di essere simpatico, carino, non zoppo. Purtroppo la mia convinzione che la Polio fosse equivalente ad una varicella o ad una rosolia, non aveva basi concrete, ma solo di comodo.

Non so, attraente per un bambino non si usa, ma qualcosa del genere. Sì, perché sorridevano a me, e soprattutto in quel modo, solo a me. Qualche volta, magari, nasceva il sorriso commiserevole all’indirizzo dei miei genitori, presumo rispedito al mittente. Quanta autostima ho accumulato in quel periodo! Per me passeggiare era rifocillante, anche se mi stancavo per colpa di una gambetta molto più debole dell’altra. Chissà perché gli occhi di un bambino non le vedono le cose dei grandi. Quando sentivo la parola “zoppo”, dedicata a qualcun’altro, non mi dava fastidio, non mi toccava neppure, io ne ero esente. Dopo, ho imparato ad odiarla e, fino a cancellazione avvenuta, continuerò a farlo.
Ero un bambino, forse questa è l’unica spiegazione, ma non mi consideravo uno di quelli, non lo so perché, però non poteva essere. Cioè, la mia testa non lo accettava, anzi non lo considerava affatto… forse si entra in protezione, a quell’età.

Poi in un giorno stupido, come la vita che lo comprende… tutto chiaro, di colpo.

Avevo un gruppetto di amichetti, eravamo quasi tutti coetanei, sette, otto anni. Io li avevo raggiunti, nel solito muretto, sotto casa. Come spesso capitava, uno di loro, Gianni, aveva portato, o dovuto portare, la sorellina più piccola. Tale Monica, quattro, cinque anni, bellina, bellina, con una voce decisamente squillante, e pronuncia non ancora formata completamente. Erano già trascorsi alcuni minuti, e successe la disgrazia. Non sto esagerando.
Monica: «Ma quando arriva quetto “tzoppo”?»

La cosa più strana fu il fatto che nessuno fiatò. L’imbarazzo dei bambini, quando riesce a prevalere, è più imbarazzo, ha qualcosa in più, forse perché viene gestito senza strani preamboli. E io guardavo in fondo alla strada, cercando qualcuno che non poteva esserci. Ancora silenzio, nessuno rispondeva, e quella domanda si rinnovava, con i suoi cinque anni d’insistenza e curiosità. Non ero sveglissimo, vero? Infatti, ho capito solo alla seconda strofa.
Monica: «Allora! Ianni! Ianni! Quando arriva quetto “tzoppo”? Dai! Quando arriva? Vojo vedello!»

Dai… rispondi, Gianni! Fottutissimo stronzo! Quando arriva? Eh? Sei sicuro che arriva? E se fosse già arrivato?
Lo sai, Gianni, quanto stavo bene prima? Di arrivare, intendo? A pensare che ero già arrivato, e non me ne ero accorto. Ma dove avevo la testa? Incredibile, non ho detto niente, mi sono voltato, ho iniziato a camminare verso casa, nel mio silenzio, zitto, zitto. Scoprire il dolore, alle volte può diventare più doloroso del dolore stesso.
Loro sono rimasti inchiodati al muretto, in un silenzio più grande del mio.

Per la prima volta, in quel pezzo di strada, che avevo fatto chissà quante altre volte per tornare a casa, ho sentito che il ritmo dei miei passi non era costante. Sembrava quasi che, trasformando in musica, sì, facessi una stecca. Una nota stonata, continua, che si ripeteva facendosi sentire non solo da me, ma da tutti, diventando sempre più forte, e scostante. Mi stavo incasinando, volevo scappare. Provavo a correre ma non ce la facevo, riuscivo solo a camminare, e molto peggio di quanto facessi di solito. Forse ero realmente ridicolo ma cercavo di dare un ordine al mio camminare, con molta attenzione. Loro, dal muretto, mi guardavano, ne ero sicuro. No, non potevo cadere, assolutamente, perché a quel punto tutte le cadute precedenti, evidentemente, non erano passate inosservate. Non era bastato dire che io non cadevo, che mi buttavo, perché intanto sarei caduto da lì a poco. Che strano come riescono a scomparire i colori, di colpo.
In quei casi Dio è impegnato in altro, ma La Madonna mi stava aiutando. E se non ci fosse stata Lei, ci sarebbe stato qualcun altro (se non c’è, te lo inventi). Mancava poco per uscire dalla loro visuale, ci stavo riuscendo, però quel rumore era sempre più forte, e mi faceva scoppiare le tempie. Il mio camminare stava litigando con non so quale parte del cervello, e mi dava fastidio, per la prima volta fastidio. Penso di aver provato quella che chiamano interruzione cerebrale. In pratica la coordinazione salta, ai comandi non risponde nessuna parte del corpo, tutto sembra che vada per fatti suoi, e abbia deciso di continuare a farlo. L’ho riprovata solo un’altra volta, quella sensazione, nel momento in cui mi è stata regalata la gioia di diventare padre, certo con un diverso significato ma con la stessa brutale intensità.
Poi, di colpo, loro, alle mie spalle, poggiati sul muretto, nelle stesse identiche posizioni di prima, che forti! Se non ci fossero stati loro, sarei caduto, ne sono certo, perché il rumore stava diventando insopportabile. Meno male, davvero, meno male che sono scoppiati a ridere, forte. Tanto forte da coprire i miei passi.

Poi in un giorno stupido, come la vita che lo comprende… tutto chiaro, di colpo. Vedi, che esistono i miracoli!

© Cesare Furesi



Recensioni ed articoli relativi a Cesare Furesi

Nessun record trovato

Testi di Cesare Furesi pubblicati su Progetto Babele

(1) Consapevolezza di Cesare Furesi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-03-30
VISITE: 21373


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.