Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [26/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Sogno di Primavera
di Gordiano Lupi
Pubblicato su PB6


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3852
Media 79.38 %



La finestra della nostra aula scopre un panorama di isole lontane e il mare frange la scogliera proprio sotto i nostri occhi.
Voli di gabbiani sulla piazza più antica del paese, rifugio di ragazzini innamorati che si abbracciano sulle panchine di marmo.
Pensionati che guardano e sorridono. Ricordano tempi lontani.
Io e Roberto mettiamo in atto la solita fuga durante l'intervallo e scappiamo tra le antiche scogliere, vicino alla fonte e al vecchio ospedale distrutto. Lo sappiamo che i professori non vogliono e che è vietato uscire da scuola per ogni motivo. Ma è troppo bello volare sul mare per raccontarsi sogni e avventure mai vissute. Perché la scuola è una cosa, ma la vita è un'altra.
"Il mare è perfetto. Sa sempre quello che vuole", dico con gli occhi immersi tra le onde che frangono la costa.
Lui mi guarda sorpreso.
"Non ti capisco, Marina. Cosa vuoi dire?"
"Lo vedi come sa dosare il rumore delle onde, quasi fossero parole? Sa sempre quello che deve dire. E fa risuonare le scogliere di sorrisi e dolori".
"Il mare non ha un pensiero proprio. E' mosso dai venti e dal caso", risponde scettico Roberto.
Mi fa rabbia a volte Roberto. Mai che si lasci andare a ciò che tiene dentro. Tutto per lui deve avere una spiegazione razionale.
La vista del mare muove dentro me una tempesta di sensazioni.
Lo vedo come una persona che si risveglia e si agita in mille pensieri. Il suo umore condiziona il mio modo di pensare e accompagna la mia vita.
"Però è bello quello che dici" aggiunge "sai trovare delle immagini affascinanti. Da grande dovresti fare la scrittrice".
Alzo la testa e sorrido.
"E l'acciaieria, Roberto? Dimmi cosa ti ricorda".
"Non saprei. Solo mio padre che lavora e torna a casa stanco".
"A me quando la osservo di notte fa l'impressione di un bambino che piange. Un ragazzino indifeso che chiede aiuto. Rumoreggia dolorante dalle siviere e dall'altoforno. Perde lacrime di sofferenza dalle immense ciminiere. Mi fa tanta tenerezza".
"Ti vengono delle idee…"
"Di giorno invece mi spaventa. E' un mostro gigantesco, invincibile, che inghiotte tutti coloro che si avvicinano. Non riesco neppure a guardarla, perché ho paura che mi catturi, mandandomi incontro le spire dei suoi fumi rossastri".
"Ne hai della fantasia…"
Credo di averlo sconvolto, come sempre. La vita reale è così monotona. Scuola, genitori, lezione, vasche in corso con gli amici. Se non la condisco con un po' d'immaginazione non riesco ad affrontarla. Per questo vengo sul mare con Roberto. Ogni giorno, quando suona la campanella della ricreazione. Lo facciamo d'inverno, quando il libeccio e il ponente scuotono i vetri della nostra aula e non sarebbe prudente avventurarsi sul muro in granito della piazza sul mare. A maggior ragione ci andiamo ora che le giornate stanno facendosi più dolci e il sole riscalda le ore intermedie del mattino. Marzo è il mese delle mimose e delle prime ginestre in fiore, la natura si risveglia e riscopre i colori. Il mare è calmo e in pace con il mondo. Riesce a parlare con tranquillità, scandendo bene le parole. E io lo comprendo, come un vecchio amico che mi confida gioie e dolori. Per questo le decisioni importanti vengo a prenderle insieme a lui, tra queste rocce di calcare che scendono a picco su barche e rumore di vento.
Il fumo delle lontane ciminiere si scorge in lontananza, proprio dove un vecchio cimitero di mare affoga ricordi e asciuga lacrime di rimpianti. L'acciaieria, dove il padre di Roberto va a farsi inghiottire ogni giorno, macina ancora delusioni e paure. Adesso il suo aspetto di mostro gigantesco mi fa abbassare lo sguardo.
Attenderò la notte per amarla, perché la preferisco come un bambino indifeso. E le asciugherò le lacrime che cadono dagli altiforni.
"Roberto, la senti la primavera nell'aria?"
"Non me lo dire, non ho voglia di far niente. Non riesco a studiare. E la mamma mi sgrida. Apro il libro, lo richiudo, fingo di leggere. Ma penso solo a correre fuori con gli amici".
"Io a primavera sogno spesso una strada coperta di fiori e rami di ginestra. Vedo petali di rosa che sbocciano nel mare e l'infinito che mi accoglie. Stanotte c'eri anche tu nel mio sogno".
"Io? E perché mai?"
"Perché questa primavera è anche nostra".
"Non ti comprendo. Oggi sei più difficile del solito".
"Da quanto tempo veniamo insieme su queste rocce per scambiarci i nostri pensieri?"
"Non ricordo. E' diventata un'abitudine. Prima o poi ci beccano, me lo sento. Allora ci toccherà smettere e stare nel corridoio come tutti gli altri".
"Credo che dovremo smettere prima. E il nostro sogno non avrà il tempo di correre per le strade di questa primavera".
"Che vuoi dire?"
"Io devo partire, Roberto. Lo devo lasciare questo mare che si spalanca di fronte ai nostri occhi ogni giorno con un umore diverso. Non potrò più vederla la gigantesca acciaieria che mi fa provare tenerezza o paura. E non potrò più venire con te su queste scogliere. Mio padre mi dice che tutto questo mi farà diventare grande, ma intanto riesco solo a soffrire…"
Roberto mi guarda e comprende. Il suo volto sorridente si è fatto serio e lascia trasparire la paura di perdere il nostro sogno e di lasciare al vento questa primavera. Le scorribande proibite tra le scogliere, i sogni e le fantasie che raccontavo solamente a lui che estasiato mi stava a sentire. La nostra unione perfetta e complice, mentre nei corridoi di una scuola suonava la campanella della ricreazione. Roberto ha smesso di guardare i pescatori sulla punta del faro e di accarezzare lontani voli di gabbiani sulla costa. Adesso guarda solo me e lo vedo tendere una mano verso i capelli che mi cadono ondulati sulle spalle. Accarezza il mio viso rigato da una lacrima. Si avvicina. Il nostro sogno diventerà primavera, questo è certo. Anche se potrà farlo soltanto per un breve istante.

© Gordiano Lupi



Recensioni ed articoli relativi a Gordiano Lupi

(1) Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan - RECENSIONE
(2) Passi nel delirio di Autori vari- Il Parere di PB
(3) Fuga da mondi incantati di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(4) Sognando mondi incantati di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(5) FAME La trilogia cannibale di G.Lupi e altri- Il Parere di PB
(6) Il palazzo di Gordiano Lupi- Il Parere di PB
(7) Mondi incantati - 14 racconti fantastici ed una storia d'amore di Autori Vari ( Altomare, Lupi, Mongai, Valzania...)- Il Parere di PB
(8) Il Funzionario e altri racconti di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(9) Malefica - 13 fiabe crudeli di Paolo Di Orazio - Ivo Scanner - Gordiano Lupi - Alda Teodorani ed altri- Il Parere di PB
(10) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(11) Velina e calciatore, altro che scrittore! di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(12) Un’ombra anche tu come me di Giancarlo Narciso - RECENSIONE
(13) Questioni d'onore. Storie di Cosa Nostra di Antonino Genovese - RECENSIONE
(14) Cuba magica - Dialogo con un santero di Gordiano lupi - RECENSIONE
(15) Serial killer italiani di Gordiano Lupi - RECENSIONE

Testi di Gordiano Lupi pubblicati su Progetto Babele

(1) Non muoiono le api di Natalia Guerrieri - RECENSIONE
(2) Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan - RECENSIONE
(3) La vera letteratura non è un placebo  a cura di Gordiano Lupi - ARTICOLO
(4) Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov - RECENSIONE
(5) Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio - RECENSIONE
(6) Raúl Castro di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(7) La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli - RECENSIONE
(8) Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa - RECENSIONE
(9) Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili - RECENSIONE
(10) Il cinema horror italiano 1970 - 1990 di Federico Tadolini - RECENSIONE
(11) Io, Daniela di Daniela Giordano - RECENSIONE
(12) L’alba dello scudetto di Simone Manservisi - RECENSIONE
(14) La piccola cineteca degli orrori di Manlio Gomarasca e Davide Pulici - RECENSIONE
(15) Ore Piccole di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(16) Il Maradagàl, una rivista oltre le mode di Gordiano Lupi - RECENSIONE
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2003-04-20
VISITE: 13540


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali