Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [25/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    AG NOIR scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
59 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Tommy e l'uomo dalla voce gelida
di Emiliano Maramonte
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6645
Media 79.52 %



Tommy spinse la porta ed entrò nei cessi. Si trattenne lo stomaco con una mano. Un conato lo costrinse a piegarsi, ma per fortuna non gli rivoltò le interiora.
Si guardò attorno. Un negro robusto e trendy si lavava le mani dopo aver pisciato, mentre con le gambe seguiva il ritmo di Spitfire dei Prodigy. Due froci si slinguavano con ardore, strusciandosi e palpandosi dappertutto. Un tipo fighetto in giacca e cravatta si risistemava allo specchio la laccatura dei capelli.
Tommy si gettò in uno dei cubicoli e restò in attesa. Un nuovo rigurgito esplose, e un getto di succhi gastrici si riversò sul water. Le lacrime quasi lo accecarono. Stava da schifo. Voleva andarsene a casa. Rivolse rapide occhiate al negro, ai froci e al fighetto e schizzò fuori. Si diresse all’uscita. Ora c’era un remix cattivissimo di Moby. Oltre la folla ondeggiante, scorse un cioccolataio. Finalmente. Forse un’altra pasticca avrebbe cancellato il malessere. Si avvicinò, allungò all’uomo l’ultimo bigliettone da cinquanta e ricevette il confetto verde. Se lo mise in tasca. Si avviò all’ingresso. Uscì.
Gli parve che le luci si abbassassero. Che la musica si affievolisse. Fu come entrare in un tunnel. Fece tre passi e si sentì spingere da dietro. Di colpo tornò tutto normale, ma era sbucato di nuovo nel cesso.
Tommy scosse la testa sbigottito e fissò la stanza. C’erano il negro, i finocchi e il fighetto. Il negro si lavava le mani, i froci si baciavano, il belloccio si aggiustava i ciuffi.
Che cazzo stava succedendo?
Lo stomaco si contrasse, ma di paura.
Spinse la porta. Il baccano del remix di Moby lo travolse. Tutti si agitavano come pazzi con la cacarella. Tommy si diresse ancora all’uscita. Rivide il cioccolataio nella stessa posizione di prima. Si fece largo tra i corpi e varcò la porta con passò deciso.
Visse una specie di dissolvenza. Luci fioche e musica lontanissima. Ricevette un’altra spinta da dietro e caracollò nel bagno, rischiando di cadere.
Il negro era lì. I finocchi si strusciavano senza sosta. Il fighetto riordinava ciocche lucide di gelatina. Il disco di Moby suonava lo stesso passaggio per la seconda volta.
Tommy si mise le mani nei capelli. Era imprigionato in quella schifosissima discoteca, e li odiava quegli stronzi nel bagno! La nausea gli afferrò lo stomaco. Il cervello gli si annebbiò. Forse doveva vomitare ancora. Si catapultò nel cubicolo più vicino e s’irrigidì per uno spasmo tremendo. Si piegò sulle ginocchia e rigettò saliva collosa e amara. Uno straccio avrebbe avuto una salute migliore, al suo confronto.
Spinse la porta basculante e uscì. Dedicò ai quattro stronzi un’occhiata di disprezzo. Se ne sarebbe andato da quel postaccio. Ve la faccio vedere io, pensò. Ora me ne faccio un’altra. Prese dalla tasca il confetto verde e lo fissò con aria di sfida. Lo ingoiò con un’unica rabbiosa contrazione della gola.
Varcò la soglia e ci fu l’ennesima dissolvenza. Poi la spinta.
Si ritrovò nel cubicolo del cesso.
- Che cazzo di scherzo è? – urlò con voce stridula.
Diede una spallata alla porta basculante e, a testa bassa, provò a uscire.
Dissolvenza. Spinta. Di nuovo Moby, nello stesso punto delle altre volte. Tommy era bloccato nel cubicolo. Si sentì mancare. Gli effetti speciali della pasticca cominciavano a manifestarsi con allucinante rapidità. Barcollò, annaspò contro la tazza del cesso e si accasciò vicino alla parete.
Stava per morire, ne era certo.
- Ehi, negro, mi senti? – farneticò. – Ehi, froci, vi divertite alle mie spalle? Uh?
Una risata distorta e asmatica risalì dalla gola ustionata dagli acidi. Tommy strisciò verso la porta e fece un ultimo tentativo di evadere.
Le luci inesorabilmente si affievolivano. La musica s’indeboliva. Il tunnel. La spinta. Riappariva sempre in quel lercio buco di culo.
Tommy pianse e rise finché poté, poi qualcuno bussò. Era ultrastordito e fiaccato dagli acidi che gli strizzavano i neuroni, ma riuscì a chiedere: - Chi cazzo sei?
- Un amico – disse una voce maschile gelida e cavernosa.
- Chi… che minchia vuoi?
- Non sei in forma, mi pare.
Lui rispose con un mugugno malato.
- Lo sapevi che certe cose non si fanno. Lo hai sempre saputo.
- Vaffanculo! – si lasciò sfuggire Tommy, mettendo a dura prova le viscere avvelenate.
- Mi dispiace – disse l’uomo, dall’altro lato della porta – ma purtroppo è andata così. Ti sei bruciato il cervello un po’ alla volta. Alla fine qualcosa si è rotto dentro di te. Sei fatto pur sempre di carne e ossa, e il veleno uccide sia la carne che le ossa. Non sei indistruttibile, Tommy.
- Non me ne frega niente – piagnucolò lui, battendosi pugni disperati sulla fronte.
- Faccio solo il mio lavoro – precisò lo sconosciuto. – Tiro fuori dal Labirinto quelli come te.
Tommy non ascoltava quasi più. Correnti di lacerante dolore lo attraversavano, rendendolo pressoché cieco e sordo.
- Verrai con me. In un certo senso guarirai.
- Voglio… - rantolò Tommy. Poi trasse tre faticose boccate d’ossigeno. - …Andare… - Un’altra lunga boccata. - … a casa.
- Temo non sia possibile – concluse l’uomo dalla voce gelida.
La porta basculante si spalancò.
Il gelo lo avvolse. Tommy guardò il viso terribile dello sconosciuto. Nell’ultimo istante capì che non c’era luce alla fine del tunnel.

© Emiliano Maramonte



Recensioni ed articoli relativi a Emiliano Maramonte

(1) Passi nel delirio di Autori vari- Il Parere di PB
(2) La forma del delirio di Emiliano Maramonte - RECENSIONE
(3) T.R.I.A.M. di Ragnarock Lopez - RECENSIONE

Testi di Emiliano Maramonte pubblicati su Progetto Babele

(1) Tommy e l'uomo dalla voce gelida di Emiliano Maramonte - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-06-04
VISITE: 14263


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.