Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [07/05/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    OCEANO DI CARTA scadenza 2021-05-07    Premio Drammaturgico LGBT Carlo Annoni scadenza 2021-05-15    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie di Edoardo Firpo     Come prima di Maria rosaria Teni     Mio Padre di Giulia Calfapietro     Mistero ( Silloge) di Jacob Von bergstein     Poesie sparse di Leonardo Taverni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
36 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Lettera d'amore
di Daniela Del Core
Pubblicato su PB19


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 12060
Media 79.24 %



Pablito mio,
tu ancora non mi conosci e forse ti sembrerà strano che sia proprio io a scriverti una lettera d'amore. Già, perché d'amore si tratta, non di affetto, non di amicizia, non di necessità.
Io non ho bisogno di te, non ne ho mai avuto. Da trent'anni che vivo, ho condotto questa mia esistenza a volte bianca a volte nera, ma ti giuro mai grigia, senza il pensiero di averti.
Non mi chiedevo dove tu fossi, né perché eri così lontano.
C'era un tempo Pablo, e te lo racconterò, in cui la vita mi sembrava magnifica, stupefacente, col suo continuo gusto della scoperta, della conquista di nuove verità.
In quel tempo ero solo un germoglio, un seme rigonfio di speranze coloratissime, mi lasciavo trasportare da ogni vento ed ero libera.
Ma anche tu lo sarai, sarai libero da ogni condizionamento.
Ti farò rifuggire l'uomo della “procedura” che si annida insidiosamente nel palmo delle troppe mani che stringerai. Non crederli Pablo, evitali dopo la prima parola che segue il saluto, quello sì, potrai darlo a chi vuoi. Non ti porrò limiti perché te li creerai da solo per poterli abbattere e ridisegnare. Sì, Pablo, ti sembrerò folle, ma scoprirai presto che la normalità da noi è più un concetto astratto che una condizione di vita, un concetto al quale tendiamo e col quale stiliamo classifiche e tracciamo categorie.
So già cosa pensi, Pablo! Ti stai chiedendo quando comincerò a parlare dei miei sentimenti.
Ebbene sì Pablo io ti amo, ti amo per il cristallino del tuo occhio, acqua marina che ho bevuto a gran sorsi perché tu potessi avercelo nel sangue il sale della vita.
Non leggere tutto Pablo, piuttosto viaggia, viaggia per il mondo, scopri cosa si annida all'angolo di un vicolo deserto, scopri il rumore di una piazza troppo affollata, cerca il sorriso della donna sfuggente. Bagnati le ossa, fallo sotto i temporali, sotto le piogge d'aprile, nelle domeniche inopportune. Corri molto, corri sotto il sole d'agosto, prosciugati la lingua, allegati i denti. Sii sfrontato con la vita, chiedile sempre il resto, e lo sconto.
Non vergognarti della fame e della sete, non vergognarti d'essere un uomo.
Io non ci sarò sempre, tu già lo sai, sai che il mio sguardo ti seguirà come l'aquila dall'alto, sai che sarò gelosa dell'estraneo, della scolaretta imbrattata, dell'animo ingenuo.
Sai che ti amerò come la luna di giorno. A volte, non nego, mi sono pentita.
Il tuo nome era troppo pesante, la tua presenza incessante, il tuo sangue un veleno quasi mortale. Mi volevi stare accanto, mi afferravi le mani, mi pregavi di non lasciarti, piangevi per il mondo, mi desideravi nel pianto e nel riso. Ho fatto di tutto per renderti selvaggio, poco sensibile agli affetti, ma non ci sono riuscita. Tu me lo leggevi in faccia il sorriso di panica accoglienza, avrei accettato tutto da te, tutto tranne che stupido dolore, inutile violenza, e l'arma doppia dell'ignoranza.
Non farti trascinare dalle mode del momento, abbandona tre soldi per strada come se non fossero i tuoi. Lanciati nel mare in tempesta, piangi in silenzio, o nel buio della tua camera affollata di gente. Sii al di sopra delle parti come un giudice imparziale quando non le hanno ucciso la figlia. Non lamentarti troppo, soffri il male, soffri il bene, bevi il calice rosso, sorseggia il bianco.
Ti ho perduto quando apristi gli occhi. So che sarà dura la lotta per capirci, sarà dura la battaglia che vado a incominciare; perché sono io Pablo che vengo a disturbare il tuo sonno chiamato niente, sono io a lanciare la sfida.
Tu sì, sei nato tempo fa in un angolo della mia mente, sei nato come un desiderio che pian piano è divenuto immagine. Ma non ti bastava aleggiare come una purissima potenzialità, volevi nascere, nascere per forza, nascere nella carne che fa di un uomo un vero uomo.
E così eccomi qua, a darti un senso, a darti forma, con un miracolo chiamato amore.
Benvenuto figliolo, accomodati alla vita!

© Daniela Del Core



Recensioni ed articoli relativi a Daniela Del Core

Nessun record trovato

Testi di Daniela Del Core pubblicati su Progetto Babele

(1) Lettera d'amore di Daniela Del Core - RACCONTO
(2) Tuono sterile di Daniela Del Core - POESIA



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-10-12
VISITE: 27035


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali