Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [23/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Tomás
di Laura Bevilacqua
Pubblicato su PB20


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 748
Media 80.25 %



Mi chiamo Tomàs.

È un bel nome, Tomàs, ha un suono austro-ungarico, antico, polveroso, ma non lo troverete sulla mia carta d'identità, né in qualsiasi altro documento.

È solo mio. Mi appartiene.

Quanto al resto, beh, a che serve il cognome se non a pagare i debiti o firmare i conti, o, magari, a… sposarsi?

 

Dunque, Tomás.

Ti chiederai cosa mi spinga a scriverti, dopo così tanto tempo.

Un impulso vanesio, immagino, una ditata su quel tavolo cosparso di polvere; perché di polvere si tratta e di un piccolo segno che, domani, sarà cancellato da altri.

Tomàs.

Provi a sillabarlo, Rachel?

T.O.M.A.S.

 

Mi hanno detto, o mi piace immaginarlo, che sono nato in casa.

A quei tempi era l'unico modo; tra urla e gemiti e levatrice svegliata nel cuore della notte (sempre intempestivo, vero, Rachel?)

Nella confusione che ne è nata (noti il gioco di parole, piccola mia?) sono uscito dal buio anticipando i tempi, di molto, credo.

Sarebbe potuto sembrare desiderio di vivere e invece…

Mi hanno scaldato tra due bottiglie di acqua bollente protette da asciugamani profumati e spessi.

Così mi hanno detto, o l'ho solo immaginato.

Ho ricordi confusi di quei momenti. Del resto, chi non li ha?

 

Rachel.

E' un bel nome, Rachel. Quell'accento spostato sulla prima "e" chiusa e scivolato via sulla seconda, impercettibile.

La dolcezza della elle, l'asprezza della erre.

R.A.C.H.E.L

 

Sono nato con te.

Dunque, tu mi hai salvato, o sono stato io, Rachel?

 

Che sciocchezza, vero?

Io non ho mai vissuto.

 

Eri un essere grinzoso e livido.

Hai aspettato a respirare in attesa di qualcuno che non arrivava mai. Volevi addormentarti, allora, vinta, ma ti hanno ripresa per un soffio e ti sei messa a piangere.

Era un pianto disperato, Rachel.

Scusami, non è colpa mia.

Io ero lì. Con te, ma tu non lo sapevi.

Sono sempre stato con te.

Dovevo dirtelo, ma non ne ho mai avuto il coraggio.

Ora ci provo anche se è tardi, forse.

Mi perdoni Rachel?

Io ti ho perdonato.

Sempre.

 

Del resto non ho il senso del tempo.

Ora mi trovo qui, ma ci metto solo un attimo a frugare tra le cianfrusaglie rimaste nei cassetti e nei nostri pensieri e a perdermi in un groviglio di specchi.

Mi sono perso tante volte, Rachel.

Mi sono perso con te.

 

Nelle foto hai un'aria spaurita.

Raramente ridi, ma quando lo fai sei radiosa.

Una bambina appartata, chiusa in un suo spazio-tempo.

Parli da sola e pensi.

Hai bisogno di pensare. A chi pensi, Rachel?

Io ti seguo, non visto e, allora, hai una specie di trasalimento, un'aria furtiva.

Ti manco Rachel?

Io sono sempre con te.

 

Ricordi, piccola mia?

Ricordi quei suoni attutiti, tutto quello spazio e quel silenzio scandito da battiti.

Stavamo così bene al caldo, protetti.

Quando è successo tutto quello che è successo?

Quando?

IO ti sentivo, un dondolio leggero, una specie di sciacquio di onda rifratta.

Galleggiavamo. Piccoli mostri mutanti.

 

Di notte, mentre dormi, mi avvicino e ti sfioro i capelli con le dita.

Sono così leggeri i tuoi capelli. Appena soffio si spargono sul cuscino.

Un po' del tuo sangue è mio, Rachel.

Lo sai vero?

Ti agiti e parli, parole sconnesse.

Chi sogni, Rachel?

 

Ti sentivo fremere, un rigurgito di carne. Ci separava una parete elastica, sottile che non mi impediva di respirare con te; piccoli colpi regolari che impazzivano, di tanto in tanto, per poi calmarsi, placati.

Quando sono scivolato via, Rachel?

Quel momento mi sfugge; ero distratto, forse.

Non volevo andarmene, Rachel.

Io volevo stare con te.

 

Un giorno ti ho vista mentre ti guardavi allo specchio.

Avevi un'aria scherzosa, sembravi giocare con la tua immagine.

Mi piace quando ridi. Sei bella, Rachel

La tua immagine.

Ti assomiglio?

 

Galleggiavo sempre più lontano affannato, spaventato, recluso, solo, sempre più stanco.

Una goccia di sangue e pelle.

Cominciavo solo allora.

Cominciavo ad essere.

Sei tu che mi hai respinto, Rachel?

Non volevo andarmene Rachel.

Io volevo essere te.

 

Sei così fragile.

Da lontano sembri un'adolescente con quelle braccia magre e le gambe lunghe, eppure, quanto tempo è passato?

Rachel?

C'è un'antica stanchezza nei tuoi movimenti e nello sguardo senza tempo, una specie di nostalgia.

Vorresti tenere sempre con te le persone che ami.

Non le lasci andare e, nello stesso tempo, vorresti restare sola.

Ti soffocano o sei tu che li soffochi, Rachel?

Come hai fatto con me.

 

Sui testi di medicina li chiamano "gemelli evanescenti", quelli che non ce la fanno, risucchiati dall'altro che, invece, vive.


Cannibalismo.

Questo è stato.

Come hai potuto?

È per questo che sei così triste, Rachel?

 

Non devi.

Non è colpa tua, e nemmeno mia, del resto.

Che importa?

È stato il caso.

Potevo essere io a sopravvivere.

Io ti ho salvato, o… sei stata tu, Rachel?

© Laura Bevilacqua



Recensioni ed articoli relativi a Laura Bevilacqua

Nessun record trovato

Testi di Laura Bevilacqua pubblicati su Progetto Babele

(1) Tomás di Laura Bevilacqua - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2008-09-02
VISITE: 1706


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali