Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/02/2019] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Daniela Cairoli scadenza 2019-02-23    Lorenzo Da Ponte scadenza 2019-02-28    Storie romantiche Contest scadenza 2019-02-28    Senagalactica, edizione 2019 scadenza 2019-02-28    Un Libro per Tutti (ovvero la scrittura per vivere l'emozioni) scadenza 2019-02-28    OBIETTIVO LIBRO scadenza 2019-02-28    Tu, io e i mondi possibili scadenza 2019-02-28    Concorso Letterario Tempra Edizioni - 2019 scadenza 2019-02-28    «Storie di donne» scadenza 2019-03-01    Con gli occhi del cuore scadenza 2019-03-04    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
61 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Carta di riso
di Stefania Loma
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11258
Media 79.84 %



CARTA DI RISO

Daniele.

Avevo riportato dalla spiaggia quel libro, ma mi pesava trovarmelo in casa: mi dava l’impressione di conservare indebitamente un segreto. Quel giorno le guance mi avevano fatto male per il sorriso da mezzo ebete, mezzo perché mi rifiuto di esserlo per intero, che avevo sostenuto tutto il pomeriggio. Buongiorno. Prego. Macchiato? Al Bar Blu i clienti si erano alternati senza sosta.

Era stato un buon aprile, con turisti poco chiassosi ed abbastanza educati. Le giornate calde, ma non afose, mi avevano spesso trattenuto fuori.

La casa non è il mio rifugio, ma lo zaino che contiene le cose che mi servono. Prima di rientrare rimango ore sugli scogli, e leggo i miei fumetti.

Lei non lo capiva, ma io, dopo il lavoro, ho bisogno di stare da solo. 

 

Lisa

Quando è entrato quell’uomo un po’ strano, stavo consegnando lo scontrino ed il Mucovil ad una signora con la tosse.

      -    Sei Lisa? -  mi chiese senza preamboli.

-         Chi lo vuole sapere?

-         Ho una cosa per te.

Lasciai il banco e mi avvicinai, era fermo davanti allo scaffale degli alimenti per celiaci.

     -    Sto lavorando, cosa vuole?

-        E’ importante, credo che questo ti appartenga.

Mi consegnò un grosso volume foderato di carta di riso beige, era evidente che si trattava di un prodotto artigianale.

- Tornerò domani, se mi sono sbagliato lo riprenderò perché…perché non ho alternative.

Non aggiunse altro ed uscì.

Lo posai sulla scrivania nel retro e me ne dimenticai per un po’.

 

Daniele

Uno degli aspetti più belli della nostra relazione era saperla mia. Non importava se non le ripetevo continuamente che l’amavo, ne era certa. Non aveva bisogno di dimostrazioni eclatanti o di fughe romantiche. Vivevamo insieme, dopo tutto quella era la prova d’amore più grande.

Rappresentava tutto ciò che un uomo potesse desiderare, con quel suo mix di dolcezza, erotismo e carattere. Anzi no, era tutto ciò che desideravo io. Ogni cosa passava in secondo piano davanti ai suoi seni rotondi, al viso lentigginoso, alle parole che riempivano ogni secondo ed ogni angolo.

Mi sentivo un uomo soddisfatto. La mia vita è stata una linea continua fino a quel maledetto aneurisma, ed allora  è diventata un segmento. I medici hanno detto che si è trattato di un problema congenito. La mia donna aveva la scadenza ed io non lo sapevo. Come pensate che mi sentissi in quel periodo?  Il  pomeriggio del 5 aprile non era diverso dagli altri che lo avevano preceduto.

Mi ero seduto sul bagnasciuga, non avevo voglia di fare niente. Lei se n’era andata, non mi aspettava nessuno. Non avevo fretta, non ne avevo mai avuta, in realtà.

Tenevo tra le mani l’ultimo numero di Dylan dog, l’ho chiuso e aperto non so quante volte senza leggerlo. Alla fine l’ho rimesso nella sacca.  Erano passati mesi dalla sua morte e mi sembrava che l’amore che ci aveva uniti si fosse dissolto nel nulla, restavano soltanto inutili ricordi. Non era servito a niente averla amata, era tutto perduto. Che spreco.

Stavo per andare via, ho raccolto le scarpe e mentre raggiungevo il marciapiede ho urtato con l’alluce qualcosa di duro. Ecco, il mio incontro con il libro è avvenuto così: inciampandoci.

 

Lisa

Si stava avvicinando l’ora di chiusura, era uno dei momenti più duri per me.  Fino a poche settimane prima lui sarebbe stato fuori ad aspettarmi. Avrei incrociato il suo sguardo e per un momento sarei andata in apnea. E poi ci saremmo abbracciati e baciati ed a  casa mia avrebbe fatto di me quello che voleva.  Ero pazza di lui. Quando me ne resi conto fu come affrontare gli effetti devastanti di una sbornia, perché  capii di averlo investito di un ruolo che non voleva assumersi. Stavo spingendo troppo, mi aveva detto. Mi amava ma non era  pronto per il matrimonio, una scusa fin troppo abusata.

Si sentiva messo alle strette, e pensare che quando mi aveva invitata per un romantico pranzo sulla spiaggia, ho pensato che finalmente si fosse deciso. Aveva organizzato tutto nei minimi dettagli; dentro lo zaino che si era trascinato dietro riuscì a introdurre: due flut, una bottiglia di Ferrari, le meringhe alla panna di cui sono ghiotta e fragole. Mi avrebbe chiesto di sposarlo e saremmo stati insiemi fino alla morte.

Illusa. Dopo due anni l’idea del matrimonio era ancora l’ultimo dei suoi pensieri.  Così, quando per l’ennesima volta gli dissi che desideravo un impegno più serio, litigammo.  Se non mi voleva per tutta la vita,  non mi avrebbe avuta nemmeno per un altro giorno.

Me ne andai, pregandolo di non cercarmi mai più.

 

Daniele.

Portai il libro a casa, ma per molti giorni restò chiuso sulla poltrona. Mi chiedevo se non avessi fatto meglio a lasciarlo dove si trovava. Ricordavo esattamente il momento in cui lo avevo raccolto pensando: che faccio, lo ributto tra la sabbia o lo porto via? Quando l’ebbi tra le mani mi sentii come un ragazzino che trova dieci euro per terra: ci mette un piede sopra, fa l’indifferente e si guarda intorno per capire se qualcuno li sta cercando; poi li mette in tasca e si allontana. Avevo fatto lo stesso.

Una sera ho deciso di aprire la prima pagina, più per noia che per interesse.  C’era una dedica: a Lisa. Nella seconda pagina era incollata la foto  della vetrina di una farmacia; sotto c’era scritto: INIZIO.

Il libro era nelle mie mani ed anche se sentivo che non mi apparteneva, ne ero responsabile. Mi bastò un’occhiata superficiale per capire che chi l’aveva ideato si era  impegnato molto per realizzarlo. Cosa ci facevo con quella roba in casa mia? Erano trentasei pagine piene di immagini,  foto, appunti e post-it, che pur  non rivelando a prima vista un ordine particolare, lasciavano intuire l’esistenza di un progetto.

Mentre voltavo i fogli di cartoncino color avorio, mi sembrava di averla ancora accanto, quando con la sua curiosità  chiedeva cosa stavo facendo. Improvvisamente quell’insieme di foto e note acquistarono un senso; raccontavano una storia, quella di un uomo che ha incontrato una donna e se ne è innamorato. Le strade di Sanremo facevano da sfondo, ma non si trattava di un semplice  reportage sulla mia città. Nelle prime pagine erano ritratti luoghi: vie, negozi, auto. Sotto ogni foto un commento: il primo aperitivo, la prima passeggiata, il primo bacio, il primo regalo. Poi il mezzo busto di una giovane donna e sotto c’era scritto: TU. Ed ancora: un ristorante, una pizzeria, una strada, l’Ariston. La prima cena, quando hai offerto tu, il primo concerto, venirti a prendere. Nell’ultima pagina c’era il disegno di due ragazzi che si baciavano davanti alla farmacia. La ragazza era vestita come la TU dei primi fogli. Sotto c’era scritto: PER SEMPRE.

Era un bel lavoro, un po’ troppo melenso per i miei gusti, ma ne apprezzai la forma e l’originalità.  La questione è che non sapevo cosa farci. Forse, se lei fosse stata ancora con me, mi avrebbe aiutato a capirlo, ma non  c’era.

Stavo così bene prima di incontrarla, ed invece la mia vita dopo di lei era maledettamente vuota. Sarebbe stato meglio non conoscerla affatto, perché la sua mancanza mi provocava un dolore disperato.

Una  sera, mentre andavo in edicola a comprare l’ultimo numero di Dylan dog, ho avvertito una sensazione di familiarità. Non era come distinguere luoghi abituali, quanto piuttosto sentire di trovarsi in mezzo ad una storia che si conosce già. Sarò passato da via Dante centinaia di volte, ma quella fu diversa. Ogni palazzo, ogni portone, ogni incrocio evocavano un ricordo, finché vidi il riflesso della mia immagine sulla vetrina di una farmacia: la farmacia.  Spiai all’interno e riconobbi la ragazza. Ero quasi certo che si trattasse di Lisa, TU.

 

Lisa

Mi ritrovai, senza sapere bene come, seduta in cucina con il libro aperto sul tavolo, davanti ai miei occhi. Era di Marco, lo aveva realizzato per me.  Esprimeva tutti i sentimenti della cui esistenza avevo dubitato. Corsi da lui, grazie a Dio mi perdonò. Scoprii così che lo aveva portato con se’ quel giorno sulla spiaggia per donarmelo, e gli era caduto inavvertitamente dallo zaino.

La mattina dopo il tipo strambo è tornato in farmacia.

-         Allora, era tuo?

-         Si, grazie, il tuo gesto ha cambiato un bel po’ di cose. Pensavo di aver preso la decisione giusta, ma non era vero. Per fortuna i sentimenti ci sopravvivono, nemmeno la nostra azione più stupida può cancellarli.

 

Daniele

Non ho un album di ricordi, ma è lo stesso.

Tutto quello che resta ci sopravvive. Ha ragione la farmacista.  

© Stefania Loma



Recensioni ed articoli relativi a Stefania Loma

Nessun record trovato

Testi di Stefania Loma pubblicati su Progetto Babele

(1) Carta di riso di Stefania Loma - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-09-14
VISITE: 21138


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.