Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [23/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

A Giamaica in 500
di Cristiano Della bella
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 13855
Media 80.01 %



Eravamo un manipolo male assortito di quindicenni da battaglia e la figura da leader era a quel tempo detenuta da Samuele. Il suo papà era titolare di un’officina meccanica e quando Elviro, un suo garzone, si comprò la macchina nuova, Samuele lo convinse a lasciarci la vecchia Fiat 500 che andava in rottamazione.

Avevamo una vettura tutta nostra.

 
La vecchia 500 era d’un color bianco aspirina. Sembrava un po’ spoglia quando la ereditammo, perché Elviro le smontò la targa. Ufficialmente la vecchia Fiat era morta. Ma il motore ruggiva ancora e noi, al posto della targa di dietro, ci disegnammo una bella A cerchiata.

Quella di anarchia.

 
Cominciammo dunque a fare scorribande in giro per le campagne, nei pomeriggi ancora caldi di un’estate agli sgoccioli. Dietro l’officina meccanica del papà di Samuele partiva una strada sterrata che s’inoltrava nei campi a ridosso del fiume Varaita. L’ideale per giocare a fare rally, correndo a tavoletta tra frutteti e campi incolti.

Samuele, nonostante i quindici anni, era un buon pilota.

 
La strada terminava in una macchia boschiva, oltre la quale c’era il letto del fiume. Parcheggiavamo e, con teli mare disegnati in vario modo, procedevamo balneari nello scorcio più esotico di Costigliole Saluzzo.

Giamaica, la chiamammo.

 
Giamaica era la zona in cui il fiume s’allargava in stagno. In alcuni punti era abbastanza profondo da poterci nuotare dentro ed era, in effetti, una piccola piscina naturale. Trascorremmo la mattinata a prendere il sole, poi accendemmo il fuoco per cucinare della carne alla brace.

Eravamo felici.

 
Cesare spiegava che si masturbava con la mano insaponata per ritardare l’eiaculazione. Io mi occupavo del fuoco mentre Tazio, che del grande Nuovlari vantava soltanto il nome, faceva il bagno. Da parte sua, Samuele preparava la carne e le spezie. Nel bagagliaio della vecchia 500 c’era una cassa di birra, per placare la sete.

 
Dopo pranzo continuammo a prendere il sole, a fare il bagno, a parlare di ragazze. A Costanza puzzava l’alito, Tatiana era brutta come la morte e a Federica bastava un frizzantino per riuscire a convincerla a mostrare le tette.

Due di noi, non dico chi, le avevano perfino baciato i capezzoli.

 
Nel tardo pomeriggio decidemmo di rientrare. Samuele si mise al volante della vecchia 500, noi tre prendemmo posto di dietro. Il sedile di fianco al guidatore era saltato via durante una scorribanda nella settimana precedente e avevamo dovuto rinunciarci.

Il viaggio del ritorno, così breve, fu tuttavia intenso.

 
Ci trovammo la strada, tanto stretta da rendere difficoltoso il passaggio di due vetture, intasata dal lento proseguire di un trattore. Andava a passo d’uomo, il mezzo agricolo. Samuele prese ad accelerare, indeciso se tentare l’azzardo d’un fortunoso sorpasso, oppure restare a pazientare dietro il trattore.

Poi mettemmo a fuoco il tappeto verde d’un prato e la tentazione di giocare a Bo e Luke fu troppo forte per resistervi.

 
Samuele sterzò e accelerò. La vecchia Fiat guadagnò la via sconnessa del prato, come una macchiolina bianca impazzita. Evitammo gli alberi che crescevano qua e là, in ordine sparso, balzammo attraverso una serie di violente sconnessioni, infine tornammo in strada appena davanti al trattore.

Il contadino alla guida ci guardò con aria stupefatta. Avrebbe segnalato la nostra illegale presenza alle autorità?

 
Cesare aveva un bernoccolo in testa. Tazio rideva come un cretino. Samuele era tutto eccitato ed io, che non ero suo zio, mi mettevo in bocca una sigaretta per festeggiare l’avventura.

Quella sera ci sarebbero state cose da raccontare al bar.

 
Nel sorpasso la vecchia 500 si contuse un poco. Il fondo, già arrugginito, cedette in più punti e adesso, correndo per le strade sterrate di campagna, entravano sassolini, polvere e quant’altro. C’era una voragine che guardava di sotto.

Decidemmo che era ora di farla fuori.

 
Quando giunse il camion per la raccolta dei ferri vecchi Samuele salì sul carrello elevatore e infilò le pale di sollevamento dentro l’abitacolo, di fianco. I vetri esplosero in frantumi. La vecchia Fiat fu caricata sul camion e noi, per celebrare la sua dipartita, sorseggiammo solenni una birra. Eravamo un po’ tristi ma era chiaro che sarebbe finita così.

Perché il gioco è bello se dura poco.

© Cristiano Della bella



Recensioni ed articoli relativi a Cristiano Della bella

Nessun record trovato

Testi di Cristiano Della bella pubblicati su Progetto Babele

(1) Il buco di Cristiano Della bella - RACCONTO
(2) A Giamaica in 500 di Cristiano Della bella - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2008-09-22
VISITE: 24486


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali