Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [05/12/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il clima del naviglio
di Massimiliano Favoti
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9188
Media 79.55 %



Il clima finalmente è mite. Passeggiando lungo la mia strada preferita posso ora slacciare il giaccone e togliere la sciarpa che mi ha protetto tutto l’inverno e respirare a pieni polmoni. Quella strada che percorro spesso anche in bicicletta è immersa tra campi coltivati e immensi boschi che si perdono a vista d’occhio lungo tutta la pianura verso sud; questa parte della città mi è sempre piaciuta perché qui anche in piena estate posso stare al fresco delle piante o tuffarmi nell’acqua per un rilassante bagno. Questa non è la mia città natale ma ci sono pian piano innamorato, un po’ per il contrasto tra la bella natura ancora selvaggia e le case che si costruiscono velocemente, un po’ per la sua gente sempre così intraprendente, un po’ per la sua arte e per la sua cultura. E’ una città che ti entra dentro con dolcezza e che ti affascina nei tanti piccoli dettagli; non so come sarà domani, non riesco proprio ad immaginarla con l’evoluzione del mondo.

L’acqua accanto a me scorreva lenta e Pino, il mio amico pescatore sempre seduto sotto lo stesso ponticello da 20 anni, aveva l’espressione ancora più felice del solito e sotto il vecchio seggiolino traballante proteggeva il “bottino” della sua giornata; sembrava decisamente più ricco del solito il contenitore dei pesci, quasi come se anche loro risentissero del cambiamento della temperatura primaverile. Sopra la sua testa le rondini cantavano serene e sfiorava l’acqua quasi a voler giocare con il galleggiante della canna da pesca di Pino, quasi alla ricerca sott’acqua dell’esca per i pesci o magari proprio alla ricerca dei pesci per giocare e festeggiare con loro. Pino era fatto così, un uomo semplice, dal carattere forte ma dal cuore grande.

La casa di Pino, la classica cascina con la corte e gli animali che scorazzano, è a pochi passi dal suo abituale luogo di pesca e sua moglie, con regolarità, gli porta estate e inverno una tazza di caffè caldo almeno due volte al giorno; in pieno inverno, quando dalle nostre parti la nebbia si taglia a fette, la moglie uscendo di casa “cerca” il marito con la voce per poi trovarlo intirizzito con la canna da pesca in mano e lo sguardo perso alla ricerca della preda. Pino ha sempre lavorato alla costruzione della “cattedrale” fino a quando, verso la fine del 1386, (maledetto quel giorno continua a dire ..), un blocco di marmo scaricato dalla chiatta non gli ha spezzato una gamba in due e per sempre una professione che lo avrebbe fatto diventare ricco: la sua vita da allora si è trasformata ed è cambiata e paradossalmente quel canale di fronte a casa sua che aveva sempre maledetto per le zanzare che portava tutti gli anni, ha iniziato a diventare il suo amico migliore e il suo unico confidente di ogni giornata. Stava li, dalla mattina alla sera, salutando i barconi che in silenzio scivolavano piano piano portando il prezioso materiale da costruzione dal paesino di Condoglia, della bassa valle del Toce, fino alla fabbrica della “cattedrale” e tutte le volte con la mente ripercorreva quel tragitto fatto centinaia di volte: dal Naviglio Grande alla Darsena e poi giù per la Conca per immettersi ancora con le imbarcazioni sulla Cerchia interna, nella zona del Molino delle Armi, per giungere infine al “Laghetto”, destinazione finale del carico.
A quel punto il corpo si rilassava completamente al sonno: la forte stretta delle mani veniva meno lasciando in bilico la canna da pesca che come per incanto ondeggiava mossa dal vento e dalle onde del naviglio ma non cadeva. L’equilibrio raggiunto era perfetto.

Il risveglio era brusco più che mai, più che gli altri giorni. La canna da pesca di Pino si era incastrata tra le gambe e il seggiolino e l’esca era ormai un triste ricordo disciolto nelle acque. In compenso, il rumore si faceva assordante e tutto intorno, come sempre succede verso l’imbrunire di questa bella stagione era un fiorire di tavolini all’aperto e di coppie che passeggiano mano nella mano; su questa parte della vecchia alzaia, ormai riservata solo a zona pedonale, i ragazzi con i loro spumeggianti scooter che usano i passanti come birilli per fare lo slalom si fermano proprio di fronte ai numerosi locali, happy hours e gelaterie. Sull’altra sponda le auto in coda aspettano che il semaforo diventi verde o sono alla ricerca di un sospirato parcheggio. La casa di Pino è una rimodernata casa di ringhiera, oggi molto di moda, con al piano terra caratteristici “studi” di artigiani o artisti che espongono e vendono al numeroso pubblico che si accalca nei famosi navigli; sono numerosi i turisti stranieri che chiedono a Pino se si pesca qualcosa su quel finto fiume e lui ripete sempre lo stesso gesto sconsolato con la testa proteggendo con un po’ di vergogna il magro “bottino” della sua giornata.
L’aria di Pino oggi, nel 2005, è diventata triste. La “cattedrale” è vero, è stata finalmente costruita e oggi la chiamiamo “Duomo”, ma gli immensi boschi alle porte della città sono scomparsi, i barconi davanti a casa oggi sono fermi, appoggiati sul fondo e trasformati in bar o ristoranti; le chiatte oggi non passano più: quel percorso di acqua che collegava il centro di Milano con il resto del mondo è scomparso, forse per sempre … di certo scomparso sotto l’asfalto o interrotto da chiuse abbandonate; anche l’aria della moglie di Pino si è fatta più triste perché è vero che oggi la nebbia è quasi scomparsa ma con lei, anche la nostra Venezia, che solo con la fantasia di Pino possiamo ancora ricordare.

© Massimiliano Favoti



Recensioni ed articoli relativi a Massimiliano Favoti

Nessun record trovato

Testi di Massimiliano Favoti pubblicati su Progetto Babele

(1) Il clima del naviglio di Massimiliano Favoti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2009-03-03
VISITE: 18741


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali