Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [10/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Cacciatori e prede
di Giovanni Manea
Pubblicato su PBSF2


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3530
Media 79.52 %



"E questo lo chiami un travestimento? Che razza di roba è?"
Il tono della sua voce picchiò più irritante del solito nelle mie
orecchie. Risposi "Sono vestito da tigre. Perché? Non si capisce forse?"
Gli occhi di Sergio vagabondarono sul soffitto come due naufraghi nell'oceano. Parevano cercare la terra ferma.
Disse "Qui siamo a Venezia. Qui non facciamo il Carnevale tanto per fare qualcosa. Questo è, e lo sottolineo, questo è, il Carnevale! Capisci?"
Avrei dovuto, e voluto, dirgli che il suo mascheramento da uomo primitivo faceva pena e schifo. E che l'odore delle sue ascelle faceva venire il voltastomaco. Ma Sergio è uno ricco. Ricco fino al punto da poter permettersi di affittare una vecchia residenza signorile nel cuore del capoluogo Veneto, solo per togliersi lo sfizio di dare una festa in maschera per competere con la manifestazione ben più rilevante che puntualmente si svolge nella città lagunare da tempo immemorabile.
Dissi soltanto "Allora? Posso entrare?"
Mi rifilò una pesante stoccata sullo stomaco con la sua clava di plastica e disse "Sì, sì. Entra. Gli altri duecento invitati sono già qui e… tra poco saranno tutti ubriachi e non faranno più caso al tuo ridicolo costume."
Diedi un'occhiata alle mie spalle. L'oscurità iniziava a impadronirsi dei canali e delle piazzette. Essa avvolgeva uomini e donne e maschere annullandoli a poco a poco, lasciando sopravvivere solo l'odore salmastro e corrosivo di quell'acqua che da tanti secoli cullava premurosamente la sua creatura fatta di ponti, di pietra, e di storia. Entrai, mettendomi in ammollo in un grande salone composto di colori, di schiamazzi, e di eccessi. Vi erano persone che probabilmente si erano indebitate in maniera brutale pur di trovare vestiti da esibire solo per qualche ora.
Vi erano altri che avevano ingurgitato alcolici con costanza e
determinazione, al punto tale che picchiavano la testa sui pavimenti come dei pesci morti. Poi c'erano quelli come me. Quelli regolari e sempre attenti, sempre impegnati a guardarsi intorno affinché nessuno abbia la possibilità di poter sparlarti alle spalle. Dopo aver subito per un'ora tutte quelle esuberanze, mi affacciai ad una grande finestra che dava su di un minuscolo spiazzo. Osservai per un po' le persone che transitavano all'esterno in quella fredda serata. Stavano anche loro festeggiando il Carnevale, e lo facevano con molta calma ed eleganza. Erano
tutti molto disinvolti. Non mi sentivo a mio agio là dentro. E probabilmente non mi ci sarei trovato neanche fuori. Decisi comunque di rischiare e di uscire. Avviandomi verso l'uscio, mi resi malinconicamente conto che nessuno si sarebbe accorto della mia mancanza. Dovevo avere sicuramente una faccia triste e stinta in quel momento. Ero a pochi passi dalla porta d'ingresso, quando una clava di gomma mi colpì in testa.
"Ehi! Proprio te cercavo. Vieni con me. Ci sono un paio di amici
che…dai andiamo."
Guardai Sergio con occhio feroce. Poi dissi "È la seconda bastonata che mi molli con quell'aggeggio! Non è che
potresti piantarla, vero?"
Parve sorpreso dalla mia reazione. Quindi distese il suo volto, e sorridendo disse "Tu non riesci mai a divertirti, eh? Perché credi che ti abbia portato qui? Per la tua bella faccia forse?"
Sentii la rabbia montarmi lungo la colonna vertebrale.
Dissi "Non lo so. Dimmelo tu il motivo!"
Sergio era molto di più che ubriaco. Disse candidamente "Perché ti voglio bene. Voglio che tu ti diverta…vieni con me. Non te ne pentirai."
Le sue parole, anche se provenienti da misture alcoliche improbabili e incontrollate, mi smontarono. Abbassai la guardia e dissi
"Andare dove?"
La sua faccia lampeggiante e ondulata mi fece segno di seguirlo. Qualche corridoio, ed entrammo in una stanza di modeste dimensioni. Oltre alla pregevole mobilia, c'erano anche un paio di individui sparsi malamente sul pavimento a far da contorno. Quello vestito da pirata disse "Era ora. Dove diavolo eri andato?" Sergio, indicandomi, disse "A cercare il mio amico."
Poi sedendosi sul pavimento aggiunse "Anche lui ha un gran bisogno di divertirsi. È pronta la bomba?"
"Sicuro." Disse quello in divisa da alpino.
Il pirata mostrò fieramente quello che doveva essere un suo manufatto di forma cilindrica. Gagliardamente, e con tono da intenditore, disse "Dopo che ci saremo fumati questo, inizieremo ufficialmente, e finalmente, la festa. Con questo faremo tutta una tirata; fino all'alba! Garantito!"
Percepii una pressione allo stomaco: non erano situazioni che
facevano per me. Il trio notò immediatamente la mia espressione di sgomento mista a preoccupazione.
Sergio disse "Che succede? Ti vedo…come dire…"
"Perplesso!" Suggerì sgarbatamente il pirata.
Poi, senza guardarmi in faccia, disse "Be' se il novellino non se la sente e meglio che si levi di torno. Eh, Sergio?"
Non so esattamente cosa mi prese, è veramente difficile dirlo. Quel che è certo è che per rendermi socialmente accettabile mentii spudoratamente. Dissi
"Senti cocco, io di questa porcheria ne ho fumata a vagonate! Ne ho fumata talmente tanta che mi è uscita dagli occhi. E non solo da quelli! Comprendi?"
L'alpino ridacchiò mettendo in bella mostra i suoi denti cariati e
sbilenchi. Sergio parve esitante di fronte alla mia sentenza. L'altro allungò la sua faccia simile ad una zolla di terra arsa verso di me, e disse
"Che irruenza! Che impeto! Hai parlato con un tale slancio che quasi quasi ti credo."
Risposi sprezzante, usando il tono di un generale nell'atto di sorprendere una recluta addormentata durante il turno di guardia.
"Falla finita capitan Uncino! E dai fuoco a quel coso storto e puzzolente! Lo si vede lontano un chilometro che ti hanno appioppato dell' immondizia! Ci vorrebbe ben altro per me…comunque, avanti. In mancanza di altro, va bene anche questo."
Avevo fatto tutto da solo. Non avevo la minima idea a cosa stavo
andando incontro. Il pirata aspirò un paio di boccate.
Disse "Questa è roba fine. Sissignori! Fine e selezionata, e soprattutto sapientemente amalgamata. Non vi dico neppure cosa mi è costato questo mix. È roba da fare un mutuo. Con questa andremo avanti fino a domani mattino. Ve lo garantisco nuovamente."
Fu il mio turno. Il fumo amaro e denso si incollò nei mie polmoni. Dopo qualche secondo di sbandamento, mi sentii stranamente nitido e sgrassato e luminoso. E con una gran voglia di parlare. Scaricai un torrente di ragionamenti addosso al pirata.
"È proprio come dicevo! Ti hanno fregato. Sai cosa ti hanno rifilato? Del the andato a male! Sì, proprio così. Questa mattina qualcuno si è svegliato e per colazione ha deciso di farsi un infuso, ma sul più bello si è accorto che il the che aveva nella credenza era scaduto. E sai cosa ha fatto? L'ha messo in una bustina di plastica. Gli dispiaceva gettarlo nell'immondizia. Sai, la crisi economica e tutto il resto. Sono momenti di magra e…bisogna risparmiare. Sai di cosa sto parlando vero? Poi quel tizio ha pensato bene che avrebbe potuto ricavarci qualcosa da quel the marcio e ripugnante . E così ha pensato di venderlo al primo stronzo che si fosse trovato davanti per la strada. Ed eccoti qui. Ti hanno proprio fregato. Come vedi la tua robaccia non mi fa un cazzo di niente. Chiunque lo può constatare."
Mi resi improvvisamente conto che i tre si stavano attorcigliando uno sull'altro a furia di ridere. Chissà da quanto tempo lo stavano facendo. Iniziai a ridere. E a ruggire. Volevo far onore al mio costume. Mi sentivo proprio esilarante. Mentre Sergio e i suoi compari continuavano a dimenarsi sul pavimento felici di esistere, io entrai trionfalmente nel salone, dove solo qualche minuto prima ero talmente annoiato e fuori luogo che stavo per andarmene. Ridevo con tutti e su tutto. A momenti mi chiedevo se non fossi impazzito. Io che recitavo sempre la parte di un lord inglese infelice, ero lì che saltellavo e strillavo come un bambino. Mi sentivo veramente bene. Poi scorsi lei. Mora e splendida e con la schiena dritta. Era vestita da cacciatrice. Pareva uscita da un set di Hollywood. Mi presentai dicendo
"Sei pronta per un safari?"
I suoi occhi neri si mossero a piccoli sbalzi sulla mia pelle tigrata. Disse "Sono sempre pronta per la caccia grossa. Cosa hai da propormi?"
Ruggii come un pagliaccio e dissi "Me stesso. Ti pare poco?"
Lei sorrise. Poi disse "Bene uomo tigre. Mi sembri un bell'esemplare e sono sicura che la tua pelle me la pagheranno bene."
Mi lanciai a capofitto. Mi sentivo leggero e frizzante. Lei era splendida. Stavo volando dentro ai suoi magici occhi scuri, quando disse "Che ne dici se usciamo da qui?"
La bomba del pirata mi fece esplodere in bocca un sonoro sì carico di aspettative. Lei disse "Ho il mio piccolo motoscafo qui fuori. Ti va di estraniarti per un po' dal rumore e dalla gente?"
In circostanze normali avrei fatto parte dell'arredamento per tutta la durata della festa, ma in quel momento quasi non credevo a me stesso: avevo rimorchiato. Salimmo sul suo piccolo battello. Lei guidava con mano ferma e sicura, attraverso il notevole traffico composto dalle imbarcazioni straripanti di maschere traballanti e chiassose. I ponti, e le piazze grandi e piccole, brulicavano di vita. Anch'io stavo brulicando di vita. Poi lei ad un certo punto diresse l'imbarcazione fuori dalla città. Gli amichevoli lampioni, e le calde luci delle case si allontanavano sempre più.
"Ehi." Dissi "Non è che ci stiamo allontanando un po' troppo? Non sarà pericoloso?"
Mi guardò in volto. Era buio, ma le vidi scintillare gli occhi come
fossero due scimitarre. Disse "Sono abituata a pilotare al buio. Non vi è proprio nulla di pericoloso. E poi…io sono una cacciatrice. Fa parte del mio mestiere il rischio."
La sbornia, a dispetto di quanto aveva assicurato il pirata, mi stava lasciando rapidamente. Sorrisi nervoso e dissi "Eh, già. Vero. E io sono una preda. Ma…che ne dici di buttare l'ancora? Vorrei farti vedere le mie qualità di tigre."
Anche lei sorrise. Era un sorriso affilato e inquietante e allungato verso il cielo. Un cielo nero come mai l'avevo visto prima. Avevo paura.
Lei ormai si stava dirigendo a tutta velocità in mare aperto. Mi decisi a protestare.
"Spegni il motore! Anzi, torna indietro! Mi hai stancato con questa storia!"
"Smettila di frignare! E fai da bravo la tua parte fino in fondo!" Rispose lei con cattiveria. Rimasi sbalordito da quelle parole, e dissi "La mia parte? Ma di che diavolo parli? Gira subito questa barca, o ti giuro che…"
Non mi lasciò terminare la frase. Mi colpì al collo con qualcosa di acuminato. La paralisi fu quasi istantanea. Ero disarticolato come un burattino. Non riuscivo nemmeno a parlare. La mia testa si trovava in una posizione innaturale, scomodamente rivolta verso il fondo dell'Adriatico. Osservavo la massa d'acqua scura e fredda. Non potevo fare altro. La piccola imbarcazione bianca cinta da una striscia di vernice rosso sangue, proseguì la sua corsa sul mare nero e gelido. Il terrore si dilatava e si contorceva nella mia testa senza sosta. La mia mente volava alla cieca. Era simile a un pipistrello. Ma non ero in grado di fare assolutamente nulla. Dopo un'ora la cacciatrice rallentò. Si fermò. Disse "Tranquillo uomo tigre. Tra poco saranno qui. Ti daranno un'occhiata, e se sarai di loro gradimento farai un lungo viaggio."
Lei mi sollevò la testa e mi fissò con aria funebre. Il mio stomaco riversò nell'acqua, e sul mio vestito striato, i postumi delle ore
precedenti. Ero sempre fermo immobile, quando nel cielo qualcosa di tormentoso e luccicante ci sorvolò compiendo delle orbite concentriche. La forma sferica e luminosa si posizionò senza sforzo sopra di noi. Fui attirato all'interno della struttura come fossi stato un pesce preso all'amo. Il buio era totale, totale come la mia angoscia. All'improvviso una luce verdognola rischiarò l'ambiente, e tre individui bassi e biancastri con grosse teste e labbra sottili, mi si pararono davanti. Mi sollevarono e mi collocarono su di un tavolo freddo e lungo. Mi osservarono per diverso tempo, poi, ad un cenno di quello che pareva il superiore, iniziarono a lavorare su di me. La mia testa era reclinata in avanti, e li vidi aprirmi il petto. Poi, per fortuna, la mia anima staccò la spina e fu il buio. Fu buio per molto tempo. L'aria era fredda e il sole s tava sorgendo quando ripresi conoscenza. La cacciatrice, con sforzi enormi, mi stava issando sulla piccola banchina sul lato nascosto del grande palazzo in cui ero stato catturato. I miei muscoli stavano ritornando lentamente alla vita. Ma non potevo ancora pronunciare una sola sillaba. La vidi ripartire. Ero lì nudo e bianco e infreddolito nel corpo e nella mente. Quando finalmente fui in grado di mettermi in posizione da seduto sul piccolo molo piatto e tagliato dal sole, udii una voce alle mie spalle. Era il pirata.
"Ah! Ecco dov'eri! Sono ore che ti cerchiamo."
Mi si avvicinò con prudenza. Poi disse "Ehi…ti ha preso un po' male, eh? Sei nudo. Da quanto sei qui?"
Agitò la testa come un mulo e disse "Dovevi dirlo che non eri abituato a certe cose."
Finalmente riuscii a emettere qualche suono.
"Mi…hanno. Hanno rapito."
Il pirata si dissolse rapidamente, e altrettanto rapidamente ricomparve in compagnia di Sergio. Quest'ultimo esclamò allegramente "Che cavolo stai facendo? Stai prendendo la brezza marina?"
I due scoppiarono a ridere. Mi sollevarono e mi trascinarono all'interno dell'abitazione. Durante l'operazione di trasloco, continuavo a fornire meccanicamente la mia versione dei fatti. Mi distesero su di un divano, e mi gettarono addosso una coperta e delle occhiate divertite. I pochi reduci ancora presenti alla festa mi si accalcarono attorno. Le loro facce strangolate dalla lunga nottata reagivano in movimenti e in espressioni di scherno ad ogni mia parola. Sergio, forse stanco del gioco, si impose con decisione sui miei discorsi confusi. Disse "Calmati. Calmati. La roba che ci siamo fumati era un miscuglio di allucinogeni micidiali. Capisci? L'unica cosa che ti è realmente successa, è che ti sei strappato di dosso la tua pelle di tigre e poi sei andato a gettarti là fuori sul molo. Non hai alcun segno di ferite o di operazioni chirurgiche. Capisci? Tutta questa storia è nata ed è morta dentro alla tua mente. Capisci cosa sto dicendo?"
Reagii con aggressività e disperazione. "Piantala! Mi hanno rapito e torturato! Sei tu che devi capire! Gli alieni…e quella maledetta donna vestita da cacciatrice…mi hanno rovinato!"
Non riuscii più a trattenere le lacrime. Il pirata disse "Qualcuno tra di voi ha visto qualche dannata donna vestita da cacciatrice qui dentro? Forza maledizione! Rispondete. Qualcuno l'ha vista?" Vi fu un coro compatto di dinieghi. Singhiozzando dissi "C'erano almeno un centinaio di persone qua dentro. E non sapete nemmeno come siete vestiti voi. Lasciatemi in pace. Andatevene e lasciatemi in pace." Percepii il mio sistema nervoso scricchiolare. Sergio disse "Dai gente, fuori di qui. Lasciamolo solo. Aspettiamo che si calmi." La piccola folla, delusa dalla calata del sipario su quel tragico quadretto che stavo rappresentando, abbandonò il salone. Sergio, prima di andarsene a sua volta, disse "Senti, ora ti cercherò un sonnifero o qualcosa del genere. Guardami. Ti assicuro che è stato solo il frutto della tua mente. Se ti raccontassi che tipo di allucinazioni ho avuto io…be', la tua storia non è niente al confronto."
Mosse alcuni passi leggeri verso l'uscio. Si voltò di scatto e disse "Ma pensaci un momento. Ammettiamo pure che ci siano degli alieni che si divertono a prelevare la gente dalla Terra per…per fare quelle cose che hai detto tu. Ma secondo te si servirebbero di una donna vestita da cacciatrice munita di motoscafo per procurarsi…pensaci solo per un momento. Non ti pare una cosa da ridere?"
Rientrai a Milano in treno. Non mi fu possibile ritornare al lavoro, e mi diedi per malato. Passai qualche giorno ipnotizzato di fronte alla televisione senza mangiare, senza bere e senza pensare. Lentamente mi stavo convincendo. Doveva essere stato un incredibile incubo. Non vi era altra spiegazione. Ma…Un notiziario serale mise in onda un servizio riguardante il Carnevale di Venezia appena trascorso. L'inviato in questione stava descrivendo l'allegra e gioiosa atmosfera di quella serata che per me, o per la mia mente come diceva Sergio, era stata tanto tragica.
Nel piccolo e chiassoso canale alle spalle del giornalista, passò un minuscolo motoscafo cinto da una striscia di colore rosso sangue. Al posto di guida vi era una donna vestita da cacciatrice. Era seria, mora, e con la schiena dritta. Al suo fianco vi era un uomo vestito da tigre.
Egli si sbracciava e rideva. Il piccolo battello si nascose per qualche istante dietro la figura dell'inviato. Poi ricomparve di lato e uscì dallo schermo. Il cacciatore e la sua preda stavano andando la largo.
Avevano un appuntamento, là fuori sul mare.

© Giovanni Manea



Recensioni ed articoli relativi a Giovanni Manea

Nessun record trovato

Testi di Giovanni Manea pubblicati su Progetto Babele

(1) Cani randagi di Giovanni Manea - RACCONTO
(2) Più o meno disadattati di Giovanni Manea - RACCONTO
(3) Circostanze fuori dal comune di Giovanni Manea - RACCONTO
(4) Considerazioni pessimistiche .... di Giovanni Manea - RACCONTO
(5) Cacciatori e prede di Giovanni Manea - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2003-09-22
VISITE: 11557


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.