Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    [31/07/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    3^ edizione 2021 scadenza 2021-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito    Poesie     Lontananza di Jacob Von bergstein     Cielo. di Antonio Parente     Angeli di Manny Mahmoud     Il prossimo della lista di Amedeo Bruni     L’ombra di me di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
56 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Un Amore di Sabbath
di Camilla Vinci
Pubblicato su SITO


UN SOLO VOTO AMMESSO
Riprova tra 24 ore
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9392
Media 79.97 %



Sabbath:

Ti dico amore burattina però rimani, in piedi sul davanzale, mimica di un airone. Quando è freddo e i cristalli ti scendono sul bel nasino, resti, immobile al cambiare del vento con le lacrime che ti strisciano sulle guance annegando le ginocchia, i piedi dove fioriranno le rose.

Però ti amo, bambina. E ti compro un fiocco rosso, due biglie per le orecchie, tonde, come il piombo. Se allunghi le mani non le afferro perché è bello vederti oscillare ricordando una ballerina e, forse, in autunno avrai un vestito mentre le foglie si nutriranno sulle tue guance.

Parli ancora con il vetro, con le mie spalle e sei bella nella circoscrizione dove alloggiano le mie previsioni: amore che mi allestisce la stanza, panorama da finestra senza sorpresa, imperfezione senza imprevisto o ribellione. Sei l'orma che mi mancava nella costellazione delle mie impressioni, aggiustata solo un poco come abito di perfezione, finimento da collezione.

Ti capovolgo e ri-oriento e, se sei stanca, lo dimentico. Io che ti amo ti lego al mio piede così ti trascino fra la polvere e i passi: il sangue ti trucca il viso di un colore bello come è bella la lucentezza di una mela. Amore-reclusione, busto da comodino, nostalgia.


Amore:

Mia madre ha mille braccia e un addome di grasso che si dispiega come stoffa, come un rotolo di seta.
Mio padre un busto di Hitler fra le braccia: lo bacia, occhi lucenti in profusione d'Amore.
Tu sei uno schema, problema sulla perfezione, cubo rosso risolto dove la coccinella rovina il fascino della via. Oltraggio, ferita.

Oggi sono in visita presso una ragnatela dove tre monoliti mi pensano, di spalle. Piango sangue e vomito il tutto che mi include, per chiudere gli occhi e sognare, altrove.

(Nel bosco non si ascoltano le grida di chi ha paura).

Rimangono tre sassi in diagonale a spendersi "amore", coro di film, nenia di canzone.
Quando il fiato finisce il busto si arrocca per essere bagaglio da trasportare, amore, senza persona che lo contiene, altare ideale.
Con il collo decapitato, truce e tagliato, sono bella, vaso di specchi che ti contiene, ti rimanda e, nel non più, ti fu felice, concentrato di te. Amore.

Sabbath! Non fermare la cataratta di parole che getti dall'alto. Dal trespolo non vedrai che i miei occhi sono odio e ballano sotto le ciglia, neri come morte che oscilla al vento delle tue declamazioni. Le ciglie a fessura li contengono appena e tutto il corpo mi fa male di un male involontario per troppe inezie depositate addosso. Le tue inezie hanno l'arroganza di un assoluto, il mento proteso è lascivo quando si sbrodola addosso un elogio compiaciuto. Attacco e chiusa di un'opinione senza vie di fuga, arrotolata in se stessa come il tabacco in una sigaretta e la sigaretta sei tu che accumuli fumo sul mio viso.

Io mangio datteri mentre mi dispensi dogmi sulla perfezione raggiunta di un libro che fu film e poi ancora libro. Dove Frodo combatte contro le lussurie di un anello tiranneggiante.

Ho trovato quel libro infarcito di battaglie e filastrocche, un labirinto alla moda, una moda che non mi piace come a te, Sabbath non piace una femmina che partorisce un'idea invece di prenderla e indossarla dal cesto delle cose già approvate dalla maggioranza. Pensi che se fosse solo graziosa la piccola nata donna risparmierebbe le fatiche di un'educazione. L'hai presa al padre per i sui capelli di rame e la testolina abbassata quando ti ascoltava volare nel transito precario delle tue fatiche quotidiane e speravi avrebbe ascoltato mentre sferruzzava, partorito tue piccole copie coltivando il suo centro nel ventre e ora ti ferisce spostando il centro dell'attenzione su di sé, su una sua assurda opinione.

Io mangio datteri li accumulo in bocca e li sputerò sul tuo viso mascherato d'amore. Mi avete pensata per essere odio. Amore.

© Camilla Vinci



Recensioni ed articoli relativi a Camilla Vinci

Nessun record trovato

Testi di Camilla Vinci pubblicati su Progetto Babele

(1) Un Amore di Sabbath di Camilla Vinci - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2009-03-14
VISITE: 15543


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali