Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [16/12/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    LuceNera scadenza 2019-12-30    LUCENERA scadenza 2019-12-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il gatto
di Michele claudio Napolitano
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 15099
Media 79.68 %



Vi ricordate la voluttuosa luminosità, la seduzione delle forme, la brillantezza dei colori, la tensione nell'equilibrio vertiginoso degli opposti del Giudizio di Paride? Ebbene scordateveli perché il Rubens di cui parliamo non c'entra nulla con quel quadro, ad Anversa credo non abbia messo mai piede e suppongo non sappia nemmeno dipingere. Il Rubens di cui parlo è l'anti-Rubens per eccellenza. Nulla del fascino barocco a meno che non vogliamo definire barocco un chiodo che si ostina a portare da quando, credo, ha raggiunto il traguardo della maggiore età (la maggiore età per l'appunto si percepisce solo dall'elegante pennellata di barba e non sicuramente dalla statura, men che meno fiamminga). Più gotica direi, la sua immagine, o meglio cotica: abbastanza irsuto da far invidia a un orango, nascondeva nel folto dei peli la cotenna dell'intellettuale di razza, malinconicamente romantico, di quelli che mi sento felice solo quando piove, farcita però fortunatamente con la sapida ironia dei rabbini. Un Rimbaud ebreo o meglio un Woody Allen bohémien. Così lo dipingevamo noi nei nostri discorsi. A tinte forti,  sfumando qua e là prima che lui arrivasse, il suo ritratto era già pronto. Quando la sua tozza figura si disegnava dal punto di fuga dell'imbocco di Piazza Castello, incorniciata dai portici di Via Po avevamo giusto il tempo di raffazzonare una critica benevola dell'opera. Ed appariva in carne ed ossa davanti ai nostri occhi come una modella pelata e barbuta per nostra buona sorte anche vestita (della Scuola del Nudo parleremo più avanti) della sua inseparabile giacca metal. E noi salutavamo lo sguardo intelligente, il cuore, l'allegria misurata dei gesti di una  variopinta anima bella, fra le tante che conoscemmo da Nino.

Una variopinta anima nullafacente. Argomento delle nostre discussioni di comari accanite era proprio: "come fa a vivere Rubens?". Laureato in Lettere Medievali, poeta dilettante, cultore della terzina dantesca, ex giocatore di calcio dilettantistico, le sue competenze si esaurivano più o meno lì. La voglia di lavorare rimaneva una delle tante voglie, ben attenta a non presagire il parto di alcun impiego.

Insomma erano ben rare le occasioni in cui potevamo improvvisarci scafati ritrattisti perché Rubens era sempre da Nino. Seduto al tavolino di Nino prima ancora che lui arrivasse ad aprire la bancarella, sorseggiando un caffè guardava le macchine passare tra un pedone e l'altro, tra una colonna e l'altra. Seduto allo stesso tavolino era quando noi entravamo all'università. Quando ne uscivamo e ci sedevamo anche noi era ancora lì. La sera lo ritrovavamo lì fino a che Nino non chiudeva la bancarella. Immaginavamo che chissà, avremmo potuto trovarlo lì anche a notte fonda, come un totem urbano, imperturbabile al freddo, al caldo, nella sacra postura del dio (come ogni buon dio che si rispetti) nullafacente (a onor del vero anche noi passavamo tantissimo tempo da Nino, evidentemente, forse più di Rubens, ma ora è il suo turno e dunque non seccateci con obiezioni cronachistiche!).

Rubens sostava dunque da Nino, cercando nuovi e vecchi libri, parlando con noi di cinema d'essai (si andava dai fratelli Marx a Buňel e anche oltre), disquisendo di letteratura tout court, sentenziando di politica e... tecnicizzando di calcio: filosofeggiava sulla fede granata che, chi più chi meno, tutti condividevamo e che professata come la vera religione agli infedeli con tanto di dottrina alla mano, con speculazioni teologiche degne di Tommaso d'Aquino indietreggiava, demone cornuto, solamente innanzi alla cosmica episteme della Giuvents di Nino.

Variopinta anima nullafacente, Rubens come le tante che affollavano la Galleria dell'Usato, la Pinacoteca della Cultura e della Carta Stampata, il Museo dell'Emarginazione Cercata e Consapevole, se ne stava appeso alle pareti esterne dei muri di Via Po, accartocciato sulle sedie di acciaio lucido, davanti alla bancarella verde. I visitatori passando non avrebbero probabilmente fatto caso alla didascalia con il titolo e la spiegazione di questa natura viva, occhialuta, timidamente scaltra. L'unico che forse si sarebbe fermato a contemplarlo, attraversando  caparbio più di un secolo sarebbe stato Carlo Lorenzini, inveendo contro il vostro povero narratore, che quella era una sua creazione, che era uno dei suoi tanti figli fiabeschi e scapestrati. Meglio rimandarlo nella sua ottocentesca Firenze che mostrargli anche il compare del gatto sornione, miope ed arruffato: una fulva, furba e farabutta volpe. Potrebbe morire di crepacuore.

© Michele claudio Napolitano



Recensioni ed articoli relativi a Michele claudio Napolitano

Nessun record trovato

Testi di Michele claudio Napolitano pubblicati su Progetto Babele

(1) Via Po di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(2) A lullaby for the poetry - Studio comparato tra Edgar Allan Poe e Dylan Thomas a cura di Michele claudio Napolitano - ARTICOLO
(3) La vera storia della parola "Salame" di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(4) Bartali di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(5) Il gatto di Michele claudio Napolitano - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-07-07
VISITE: 27349


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.