Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [08/12/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La Couleur d\'un Poeme scadenza 2021-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Bartali
di Michele claudio Napolitano
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7821
Media 79.47 %



 

La  Ventimiglia - Torino (per la precisione Via Ventimiglia - Via Po) è forse la tappa più massacrante del Tour. Prima di raggiungere il verde ciclabile del Valentino occorre attraversare il Valico del Traffico della mattina: impervie salite di polvere e asfalto, smog da respirare a pieni polmoni,  e scatolette di latta ultraveloci guidate da teste di latta ultradeficienti.

Sono i gregari su quattro ruote, arrabbiati e ridicoli, che lottano come i più accaniti guerriglieri per un centimetro di strada, per un sorpasso, bestemmiando con la bava alla bocca per le infrazioni dei concorrenti in gara, le stesse infrazioni che avrebbero voluto fare loro. Gli occhi iniettati di sangue degli agonisti motorizzati non vedono altro che maledetti pedoni bastardi, cretini che chi gliel'ha data la patente,  e altri non meglio identificati nemici che se ne stessero a casa. E poi, se, poniamo, fossimo all'inizio della primavera, quando il mondo cromatico si risveglia, e gli alberi stessero già germogliando tra il  verde delle foglie e il  marrone delle cortecce,  i fiori stessero già gemmando, in un prisma di mille rifrazioni, rosse, viola, blu, le donne si stessero già scoprendo un po', mostrando il rosa delle gambe e quello delle spalle, tutto pronto per un nuovo ciclo di vita,  per riproporre il mito dell'eterno ritorno e della  rinascita, questi profani e filistei e malevoli sporchivi (non certo sportivi) riuscirebbero a scorgere solamente i tre colori del semaforo. Per non parlare degli oziosi, che facendo propria l'episteme di De Coubertin, si muoverebbero ipocritamente, seguendo la fila, ingannando il tempo con lunghe perlustrazioni delle cavità nasali, ripulendosi poi accuratamente le dita con quelle orali.

Un inferno.

Dio! la Ventimiglia - Torino non è una semplice corsa: è una sfida al buon non senso comune della maggioranza dei partecipanti, uno sberleffo alla grande imbecillagine del mondo inurbato, imbarbarito, inumano.

La Ventimiglia - Torino è quella che, se parti maglia rosa, arrivi maglia nera, perché sei il solo,  dunque primo ed ultimo allo stesso tempo, a farsela ancora in bici, e perché i fumi dei tubi di scappamento dell'immondezzaio metropolitano renderebbero nero anche un albino.

Un inferno. Il Passo da macinare, metro per metro, sudore per sudore, fiato per fiato è il Contrappasso  per eccellenza, per chi da tempo medita di registrarsi a viva voce l'intera Divina Commedia, ed ascoltarsela poi con un walk-man durante il tragitto. Le allegorie con le cantiche iniziali si sprecherebbero. L'intenzione è quella di impararla a memoria, tramandandola alle future generazioni come in Farhenait 491 di Bradbury. Coi tempi che corrono non è affatto una cattiva idea, eh Nino?

Quanta strada nei miei sandali? Tanta o pochissima, dipende dall'ottica con la quale ci si guarda indietro. Ma io ci scalpitavo davvero su quei sandali, quando ti vedevo arrivare, in lontananza, in fuga, staccando il gruppo in una volata da grande campione: i muscoli che lavoravano con forza sui pedali, divorando i portici di Piazza Vittorio Veneto, il basco sulla testa, la barba da vecchio saggio. La figura di un poeta pittore ciclista librofilo letterato cinefilo musicofilo scrittore che neanche il Buonarroti era riuscito ad accumulare tanti aggettivi, giganteggiava stagliandosi contro le ombre di un contorno anonimo, in una via biancastra come latte cagliato, fino ad arrivare, col naso triste da italiano in gita, con gli occhi dal sorriso maliziosamente malizioso, sinceramente sincero, la bocca ridente e pronta alla chiacchiera, vittorioso, al traguardo della bancarella. Certo, è un giorno appiccicoso di caucciù, una birra fa gola di più e me la bevo in tuo onore, Nino. Brindo a te. Alla tua voglia di correre, nonostante tutto, di metterti in gioco, di gareggiare con te stesso, e non con gli altri, perché la competizione è una brutta parola che non appartiene al lessico famigliare, né mio e né tuo: è una parola ingannevole, subdola, ricorda la semantica della collaborazione, della cooperazione, della condivisione, della comprensione, con quel prefisso messo lì davanti, ma con quella sfera di significato nulla c'entra.  Rammenta semplicemente che in tutte le nostre azioni, come nelle nostre parole, nei nostri verba co-esistano effetti positivi e negativi: noi siamo quei prefissi, il verbo che li accompagna fa il resto.

Quanta strada nei miei sandali. Quanta ne avrai fatta tu? I francesi si incazzano ancora, i giornali svolazzano ancora, nulla è cambiato, forse tutto è peggiorato nella melma di un doping mediatico, di un asservimento delle coscienze, di un servilismo diffuso, di ciclisti che scendono sempre più a patti con loro stessi, che indulgono a commiserarsi, a commiserare lo schifo di Giro o di Vuelta che si trovano a correre, guardando passare tifosi sempre più spenti, pianure sempre più scialbe, montagne sempre più piatte, laghi e fiumi sempre più prosciugati. Il paesaggio è dentro e fuori di noi, non dobbiamo mai dimenticarcelo. Siamo noi che scegliamo. Siamo noi che dobbiamo lottare per scegliere. Siamo noi qui e adesso che dobbiamo trovare forza e coraggio e unione e fantasia e allegria e immaginazione.

La Ventimiglia - Torino è finita con te, Nino.

Ora si tratta di salire in sella al dubbio, ma non il dubbio che non porta a niente, che fa terra bruciata intorno a sé, che rende sterile la marcia, la infiacchisce. E' invece su quel dubbio costruttivo, specola dal quale guardare ciò che sta al di là dei nostri egoismi, che dobbiamo montare, partendo questa volta per un viaggio che solca tutte le strade possibili praticabili, mai pensate fino ad ora, con la determinazione di chi sa che gli ostacoli sono molti, disseminati come infinti birilli, ma che non sono insormontabili. Con la determinazione dell'autodeterminazione, cosciente, fatta di spirito critico, di crescita, di rinnovamento, imparando di nuovo a cadere e a rialzarsi.

E al cinema vacci tu.

© Michele claudio Napolitano



Recensioni ed articoli relativi a Michele claudio Napolitano

Nessun record trovato

Testi di Michele claudio Napolitano pubblicati su Progetto Babele

(1) Via Po di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(2) A lullaby for the poetry - Studio comparato tra Edgar Allan Poe e Dylan Thomas a cura di Michele claudio Napolitano - ARTICOLO
(3) La vera storia della parola "Salame" di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(4) Bartali di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(5) Il gatto di Michele claudio Napolitano - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2009-07-07
VISITE: 13003


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali