Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'ultima onda
di Ettore Bonato
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2493
Media 79.13 %



Ieri in palestra ho incontrato un amico dei tempi del liceo. Era 30 anni che non lo vedevo. L’ho riconosciuto appena, sono stato identificato miracolosamente. Stava solo, in disparte, con due peli in testa, i denti rovinati, lo sguardo assente. Non sapevo cosa dirgli, gli ho detto tutto, come faccio di solito. Di quella volta che feci un incidente con il BMW 1200, correvo a 160 all’ora per la via Sacramora, mi spazzò via una Rover metallizzata scura che marciava nella mia corsia. Finii la mia corsa contro un albero pietoso, mi spezzai la schiena, il casco e la testa, oppure rinsavii. Di Marco, il liceale, mi ricordo il suo fare lento, macchinoso, tutto sommato lo invidiavo. Parlammo di quella gita compiuta in Australia mentre in Italia Moro fu preso in ostaggio dalle BR. Lui aspettava l’onda, quella giusta, con il suo surf rosso, i capelli lunghissimi e biondi, io un lavoro sicuro e una collega da fottere in banca. Ero moro con i capelli alla Beatles. Com’è strana la vita, fu lui a finire in banca. Io come Vittorio del Grande Fratello, inseguii i miei sogni, morti come i miei amichetti della strada, per vie traverse. Nel liceo Einstein della Colonnella volavano cazzotti in viso, fascisti contro comunisti, e comparvero lì le mie idee solide. Pensavo che noi, a Rimini, per famiglie e tempo storico, eravamo cattocomunismi fin dalla nascita, andavamo in chiesa e possedevamo la tessera del “gran partito,” il resto era solo malattia mentale o devianza. Le varie stragi non ci facevano paura, anzi, fomentavano il nostro credo duro come il marmo delle lapidi e rosso come il sangue. I gay, tanti già allora, vivevano di sghimbescio, i drogati che convivevano con noi, rappresentavano il nostro lato oscuro, l’esempio da non seguire. La mia è, fu una generazione malata: drogati, gay, etero, assassini, ladri, figli di papà e di puttane. La coca ancora non girava, l’erba fu il simulacro cui tutti si dedicarono. Il giorno in cui Moro periva, morì la mia giovinezza e quella dei miei compagni di scuola, i più sensibili, e così i sogni si tramutarono in incubi spaventosi dal futuro incerto. Non eravamo né carne né P38, solo pezzi di tonno maciullati in un mare di merda e sangue. Marco vive ancora con i suoi a Viserba, forse era gay, non lo seppi mai con certezza, di sicuro è stato l’unico che non ha fottuto le giovani sgallettate segretarie in banca, zeppe di sogni e con il sorriso grintoso e gli occhi fieri, come si può notare nelle fotografie dell’epoca. Io aspetto ancora l’onda, quella più grande, sotto un cielo plumbeo minacciante pioggia e con gli occhi bagnati, ma so che non arriverà mai o, se per caso fosse già passata, non me ne sono accorto. L’oceano australiano ora è il mare di Rimini, zeppo di mucillagini color arancio, ma placido, tranquillo. Troppo. Non mi resta che deporre il surf e ritornare alle solite abitudini: gli anni ’70 sono terminati, i drogati sono morti, i gay, quelli di allora, diventati etero. Le fanciulle in fiore, ricce e more da fottere in banca, sono scomparse dal nostro orizzonte per sempre. La ricerca del tempo perduta inizia ora, con i nostri nuovi ideali e cose ancora da fare.
Marco, che cazzo ci fai in palestra, va al comizio del PDL e riferiscimi cosa dicono, io ho ancora tanto da dare.

© Ettore Bonato




-

dal 2010-01-08
VISITE: 4860


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.