Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [26/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Grand Comì de Merd
di Andrea Bucchi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 396
Media 79.24 %



Indosso sempre una maglietta di Jimi Hendrix, dei Led Zeppelin o dei Black Sabbath sotto la camicia e sotto la cravatta. E’ il mio modo infantile di trovare un compromesso. Oggi tocca ad Hendrix. Mi passo una mano sulle gote. E’ troppo lunga, non va bene. Prendo il rasoio elettrico e mi ringiovanisco la faccia di una mezza giornata. Il nero della camicia mi accentua il pallore del viso ma almeno fa pan-dan con le occhiaie. Oggi per quella roba da schiaffi nello specchio è una giornata no. E cos’è quella cosa che ho in testa? Un tasso? Una martora morta? Non lo so. La pettino.
Ho bisogno di un caffè. Una volta un ragazzo della mia età ha attaccato bottone con me, mi si è presentato dicendo: “Io sono uno studente di filosofia”. “Uno studente di filosofia”. Per quanto la mente di alcuni genitori possa essere perversa, dubito che quello potesse seriamente chiamarsi così. Ad ogni modo, per gentilezza, gli chiesi se potevo offrirgli un caffè. Lui mi rispose che aveva scelto di “non essere schiavo di sostanze come la caffeina, la nicotina e l’alcol”. Mi disse che non beveva nemmeno la coca-cola, a scanso di equivoci. Stava meditando di smettere di mangiare carne perché tutti i grandi padri dell’umanità non mangiavano carne. I piaceri sensibili imprigionano l’anima, per questo, per diventare un grande padre dell’umanità, bisogna praticare astinenza dai vizi, bisogna astenersi dai rapporti sessuali e bisogna astenersi dal mangiare carne.
Io da quella volta, a scanso di equivoci, il caffè lo bevo doppio, nero e non zuccherato.

Fuori asfalto ghiacciato da un paio di giorni di neve, ma tanto io ho i miei stivali quattro per quattro e via.
Il target del ristorante in cui lavoro è medio, ossia il peggiore: la gente ricca da far schifo che fa parte dell’ “alta società” non ha bisogno di sfogare le sue frustrazioni su di un cameriere ma se prendete uno schifosissimo imprenditorucolo neo-arricchito, allora è un’altra storia. Gente che ragiona in denaro contante e che è convinta in ogni momento di dover dimostrare di essere qualcuno. Andatelo voi a spiegare ad uno di questi che con un piatto di linguine all’astice non si comperano pure la vostra anima. Il miglior modo di sentirsi una merda è servire questa gente.

Prendete un monaco buddista zen, fatelo lavorare una sera al posto mio, poi vediamo se la pensa ancora come prima. Facile chiacchierare quando si è tra le mura di un monastero isolato migliaia di chilometri dalla clientela media italiana.
Camicia nera, cravatta e grembiule bordeaux, pantaloni e scarpe nere. Ci sono due tipi di camerieri: i “comì” -ossia “comis de rang”- cioè i portapiatti e poi quelli come me, i “venditori”. Nel ristorante in cui lavoro io, i venditori li chiamano “Macchinette”. Questo nome deriva dall’affare che utilizziamo per prendere gli ordini: una sorta di antenato del palmare grande una trentina di centimetri che chiamano “macchinetta” e che si porta in una fondina attaccata ad un cinturone, di modo che, quando si prende un’ordinazione, ci si possa sentire più fichi di John Wayne. Spaghetti western è una battuta scontata?
Tutto il sistema delle ordinazioni è computerizzato: nella mia macchinetta è stato compresso il menù – un malloppone di un centinaio di pagine – quindi anziché trascrivere i nomi dei piatti su un foglietto, devo utilizzare un motore di ricerca. In cucina ci sono tre piccolissime stampanti: una per i primi, una per secondi, contorni ed antipasti ed una per le pizze. Il mio aggeggio, quindi, faxa direttamente l’ordine alla zona della cucina interessata. Il casino viene fuori quando qualcuno mi ordina un filetto di branzino al forno però senza i pomodori perché non gli piacciono e lo vuole mangiare assieme agli spaghetti al cartoccio di quello che ha davanti ma dopo l’antipasto dello stronzo a capotavola perché gli sta un po’ sulle palle, quindi vuole il suo primo assieme all’antipasto ed il suo secondo assieme alla pasta ma senza pomodori, mi raccomando, e dov’è l’acqua minerale a temperatura ambiente che ha ordinato? Credo che mi paghino per non rispondere :“Affanculo, signore”.
I cuochi sono tutti egiziani quindi a volte sorgono problemi di incomprensione e quando si incazzano ti chiamano qualcosa che suona come “ caharùff – capra – israeliana”. Sapete che non corre molto buon sangue da quelle parti..

Entro e mi accolgono con una fantastica notizia: oggi ci sono 140 prenotati. I colleghi che mi salutano “Andrea” sono solo in due o tre, gli altri mi chiamano “Bucchi” anche lì: lo trovano più affettuoso. Tra i centoquaranta coperti prenotati c’è anche un ragazzo che odiavo quand’ero al liceo ma il vantaggio di fare il cameriere è che la gente fatica a riconoscervi. Avete presente i quadri di Magritte? Spesso lui nelle composizioni ci metteva dentro dei sonagli, un tipo di sonaglio che in quel periodo era un gadjet diffusissimo e alla moda ma quando la gente lo vedeva nei suoi quadri si grattava la testa e si chiedeva cosa fosse. E’ una menata surrealista che si chiama “decontestualizzazione dell’oggetto”. Più o meno quello che succede quando la gente mi vede al lavoro: magari gli ricordo qualcosa ma al di fuori del mio legittimo contesto perdo la mia reale identità e sono solo un cameriere. Di fatti lui non mi riconosce. Meglio così.

Di sottofondo c’è sempre lo stesso schifosissimo cd di canzoni salsa e bachata.
Alle nove il locale è già pieno ed io devo sgattaiolare tra i tavoli con un’agilità che non mi è mai appartenuta ed incespicando nelle sedie inizio a disseminare la sala di posate sporche. Mi dicono che oggi è arrivato un carico di astici vivi e li propongo a tutto spiano per cercare di racimolare un fatturato decente, almeno questa volta. Quando pronuncio la parola “vivi”, la gente mi guarda come se fossi un assassino criminale. Peccato che non sono io quello che è venuto lì per mangiare.. Riesco a piazzarne un paio ad un tavolo in cui mi ordinano pure una pizza capricciosa senza funghi perché la signora è allergica. Basterebbe non ordinare una capricciosa. Ho delle vesciche sul tallone per colpa di un paio di scarpe troppo piccole e sono piuttosto irritato. Il signore al tavolo in fondo mi guarda con faccetta da sfintere ed alza il ditino. “Ma le trofie gorgonzola e noci tritate, come le fate?”. Brutta testolina di cazzo, riesci a trovarmi un piatto più didascalico di questo? Ma mi pagano anche per non rispondere così. Si bollono le trofie, si fa fondere il gorgonzola e si aggiungono le noci.
“Mi scusi ma sulle mie bruschette c’è l’aglio”. Farà tanta strada nella vita, signorina.

Dalla pizzeria esce la capricciosa. Ovviamente devo portarla indietro perché mi sono dimenticato dei funghi. Mi scuso con Sahid il pizzaiolo e gli chiedo di rifarla giusta . Tanto so già che si limiterà a togliere i porcini con le mani ridendo sotto i baffi di questi caharùffi di italiani che non se ne accorgono mai.
Mi chiama un signore seduto con la sua famiglia, ha un figlio ad occhio e croce della mia età. Mi chiama “professore” con spocchiosa ironia, restituisce il mio sguardo come una persona lo restituirebbe ad un lavandino o ad un posacenere. Non so, forse nella vita fa qualcosa di davvero molto importante che lo autorizza a guardarmi così, oppure ha un pisellone di quaranta centimetri, boh. Mi dice, professore, che i loro piatti non sono ancora arrivati e si stanno innervosendo perché la gente che ha ordinato dopo di loro sta già mangiando.
L’errore è mio: non ho cliccato sul mio baracchino per inviare le comande in cucina. Vado in confusione totale, mi si squaglia il cervello ed inizio a rosicchiarmi le unghie: tento di sparire un pezzo alla volta. Ho un caldo della Madonna e la camicia inizia ad appiccicarmisi addosso. Non ho pelle: ho camicia. Non sono Andrea Bucchi: sono un cameriere. Vorrei essere un astice.
Che ore sono? Sarà mezzanotte inoltrata.. no, il tempo non passa mai quando c’è la sala piena quindi saranno più o meno le undici .. guardo l’orologio.. le dieci in punto. Fuori nevica. Dentro, nella mia testa, sento Wagner, sento “Sarabande” di Haendel. Almeno non è il solito latino americano.


La precedente è un'opera già edita, pubblicata su di un sito internet che non mi obbliga a vincolo alcuno e, pertanto, accerto di possedere tutti i diritti del testo inviatoVi. Non esistendo una reale "terza parte", non v'è motivo apparente di possibili controversie ma in caso contrario, il sottoscritto è pronto ad assumersene la totale responsabilità.

© Andrea Bucchi



Recensioni ed articoli relativi a Andrea Bucchi

Nessun record trovato

Testi di Andrea Bucchi pubblicati su Progetto Babele

(1) Grand Comì de Merd di Andrea Bucchi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2010-01-30
VISITE: 1406


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali