Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [21/10/2021] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FIORI D’INVERNO scadenza 2021-10-23    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
14 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Mina
di Ettore Bonato
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3461
Media 78.96 %



Gli altri sono la grande dannazione di questo mondo. Prima o poi devi fare i conti con loro.
Pedalavo tranquillo ma incazzato nel marciapiede del Lungomare, avrei voluto sparare a tutti, investirli, dileggiarli, tanto pesano l’odio e la paura che mi causano, quando all’improvviso è partito “Il cielo in una stanza” di Mina, nel fottuto I-pod cui sono collegato da un filo bianco come la vita. Mina è morta, perché si cela dietro tutto: lo sfottò della gente, la minuzia del popolo eletto, il ghirigoro dei lecchini di turno. Eppure è viva, perché chi non c’è in effetti non muore mai, ovvero resta ragazzo. Si sa, gli anziani in questa Italia pallonara e visionaria, sono il nulla, i futuri morti, non contano niente. Un tempo non era così, c'era il rispetto, assoluto e silenzioso, per le rughe, i capelli canuti, l’odore stantio. Sembra che il male, il tempo, non abbiano scalfito Mina, ora forse anziana, chissà. Gli occhiali larghi, l’ovale perfetto, il sorriso sinuoso, l’allure bianca. E pensare che lei ci ha stupito tutti, negli anni d’oro, per le sue camaleontiche performance, i capelli sempre diversi, gli occhi bistrati e grandi. Era sexy la Mazzini, quanti ragazzi si sono toccati quando pensavano a lei, la vedevano un po’ in carne, le curve sinuose, le labbra carnose e saporose di mare lontano e domestico. Trasformò la donna nella protagonista assoluta della scena, si modificava a sua volta: mamma, amante, puttana, ma era sempre toccata da Dio per la sua voce ora squillante, ora bassa, da brividi. Ogni cosa che sfiorava, ogni cantante che aiutava diventava platino. Diede ausilio, con il suo darsi senza ritegno e dolcemente, a canzoni sconosciute, cantautori inascoltati e giovani, poi divenuti essi stessi leggenda. Tutti devono qualcosa alla dea della musica leggera. Osservandola mentre rende “Oggi sono io” di Alex Britti un massimo cimelio, in uno dei suoi unici video, ti viene voglia di sfiorarla, toccare i suoi capelli raccolti, raccogliere le sue lacrime di vento cisposo. I suoi brani sono capolavori, ancora adesso si ascoltano nel caldo sud e nell’operoso e brusco settentrione. Mina era di tutti, appartiene alla radice collettiva, rimarrà sempre con noi. Leggendo il suo sorriso un po’ arrogante, rivedo i personaggi che l’hanno avvicinata. Quasi nessuno è sopravvissuto perché l’eterna macina non concede deroghe, ti asfalta come i dribbling di Cassano e Cristiano Ronaldo. È rimasta solo lei, immortale seppur scomparsa dal ’78, quando la “Bussola domani” incoronò per sempre la sua mitologia. L’importante è finire, cara Mina, recitava un tuo pezzo, ma tu non finirai mai, ferma come il vino di questa Romagna spersa, ancorata come una corda alle bitte del porto, che sembrano uguali ma sono una diversa dall’altra. Ecco, il dorato cosmo della musica è composto di bitte visivamente simili a se stesse, inutili. Tu sei il torpore dolce, il sorriso malizioso, la voce unica e diversa. Piango mentre ascolto il tuo moderno canto. Mi ricordo il tuo corpo cangiante, le donne che forse non ti amavano, gli uomini che sbavavano per te, le tue lunghe ciglia. Viene voglia di gridare il tuo nome, fermare il tempo, sparargli e poi rivolgere il cane sulle tue labbra da azzannare, il collo lungo, gli occhi dolci e ammiccanti. La morte, si sa, è la prerogativa degli esseri umani, quanti di loro compongono per la dolce signora della voce e del silenzio. Tu hai un’arma in più, lo scaturire di note intonate che ti hanno regalato e tu hai coltivato nell’orto del mito. Urlale contro, scacciala, spara! Se tu non lo facessi vorrebbe significare che esisti,che sei come noi, non più lontana ed immortale. Metto sul nuovo Stereo “Grande grande grande” e ti penso immensa e materna, vicina come le madri che oggi, purtroppo, hanno cambiato mestiere. Ciao Mina e ricordati di noi.

© Ettore Bonato

dal 2010-04-30
VISITE: 6785


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali