Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [16/05/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    Alcova Letteraria II Edizione scadenza 2021-05-23    "Antonietta Rongone" scadenza 2021-05-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il signore delle nuvole. di Antonio Parente     Terra infranta (sonetto elisabettiano) di Donato Caione     Lux di Roberta Stracuzzi     Papaveri rossi di Elisabetta Santirocchi     La chimica dell’odore di Amedeo Bruni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Un amore particolare
di Chiara Del soldato
Pubblicato su SITO


Ascolta la versione audio Ascolta la versione audio di questo racconto!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 13008
Media 79.88 %



La mia storia è analoga a quella di molte donne di oggi.
Mi sono innamorata a quarant’anni, mi sono innamorata di nuovo e non perché fossi insoddisfatta della mia vita, anzi avevo raggiunto un mio equilibrio di saggezza, di appagamento, e stavo proprio bene con me stessa; insegnavo e insegno tuttora , avevo ed ho un ottimo rapporto con mio marito, avevo ed ho tre bellissimi figli.
Quindi, non è stata colpa dell’insoddisfazione, come spesso si crede, né di un difficile matrimonio. Tutt’al più avevo una percezione antipatica dell’inesorabile scorrere del tempo, che presto mi avrebbe trascinato con sé verso le rughe, la pelle flaccida, mentre mia figlia splendeva della sua femminilità appena scoperta. Sì, ero un po’ impaurita, a dire il vero, dall’idea dell’invecchiamento, dalla vita diversa che mi aspettava, con i figli cresciuti e lontani da casa, con i genitori vecchi e ammalati, se non già morti, con la spada di Damocle sul collo di un possibile tradimento di mio marito, per colpa di qualche ventenne disinvolta.
Però, se ci penso, ancora non riesco a credere che la responsabilità della mia cotta sia legata a questi stati d’animo latenti.
La verità è che capita, e basta. E quando capita non ci puoi far niente, non conviene nemmeno lottare, perché sei perdente in partenza, di fronte ad un sentimento così totalizzante e coinvolgente.
Ti innamori e perdi la testa. Quelle cose che prima erano prioritarie diventano marginali: continui a farle, è chiaro, ma cerchi di concludere in fretta, perché devi correre da lui e ti pesano, mentre prima erano un divertimento.
Fare una torta per i figli, sferruzzare un maglione, correggere i compiti erano lavori quasi divertenti, ma sono diventati nel giro di un mese occupazioni fastidiose e distraenti dal mio dio.
Una cotta, insomma, con tutti i crismi, di quelle che ti fanno pensare sempre a lui, a dove possa trovarsi in quel momento, a cosa stia facendo, a quali siano i suoi sentimenti, le reazioni ad un dato fatto, quelle cotte che ti fanno pensare ai suoi capelli, alle mani, agli occhi e che ti trasformano. Sei più allegra, vitale, piena di energia positiva, il tuo sguardo è vivo oltre misura, la pelle tesa e luminosa, i capelli lucidi. E poi ami il mondo: niente più ira, risentimento per quello che non hai, per quello che ti fanno, no, ami il mondo intero e vorresti comunicare a tutti la tua gioia.
“ Ehi, mamma, mi stai a sentire?” quante volte a quell’epoca, i figli mi hanno pregato di scendere dalle nuvole e restare tra loro, ma la mia mente volava dietro ai miei pensieri ed era come se vivessi due vite, una lì con loro ed una insieme a lui; un’altra storia che parallelamente portavo avanti. Ed il bello era che la creavo come volevo io, con una sensazione di onnipotenza. Il mio lui, come creta tra le mie mani, mi assecondava, senza replicare.
Più giovane, sì, più giovane di me; non so perché mi siano piaciuti uomini più piccoli. Anche ora che con lui è finita e il mio cuore è volato accanto ad altri, ho preferito uomini sui quaranta.
Come è finita? E’ finita e basta: quando la storia è arrivata al capolinea e non c’era più nulla da dire, ho messo la parola fine ed ho voltato pagina.
Mio marito ed i figli hanno tirato un sospiro di sollievo, pensando che finalmente tutto sarebbe tornato com’era prima; ma nulla torna mai come prima, quando è passato un ciclone come l’amore.
E allora perché mio marito ha accettato tutto questo?
Perché mi vuol bene ed ha capito che per me è troppo importante.
Anche se tolgo tempo a lui e alla famiglia, non mi dice niente, perché ha capito quanto mi faccia felice tutto questo.
E così, quando mi chiudo in camera o nello studio per scrivere la storia del momento, anziché mettermi alla televisione con lui, non se la prende più. Mi accetta per come sono diventata.
Per quello che sono diventata: una scrittrice.

© Chiara Del soldato



Recensioni ed articoli relativi a Chiara Del soldato

Nessun record trovato

Testi di Chiara Del soldato pubblicati su Progetto Babele

(1) Qualche goccia di vino di Chiara Del soldato - RACCONTO
(2) Un amore particolare di Chiara Del soldato - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-05-01
VISITE: 31763


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali