Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [21/10/2021] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FIORI D’INVERNO scadenza 2021-10-23    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
14 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Vuoti a perdere
di Marina Bisogno
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3847
Media 79.36 %



«A Napoli ci sono più avvocati che in tutta la Francia» penso mentre scivolo lungo il corridoio umano che ogni mattina si forma in questo non luogo chiamato Tribunale.
I corridoi sono stipati, davanti agli uffici file interminabili. Mi divincolo dalla folla con la speranza che a nessuno venga in mente di rivolgermi la parola e con passo svelto mi dirigo verso l’aula in cui dovrebbe svolgersi l’udienza.
I fascicoli sono ammassati su un tavolo, mi avvicino e frugo fra le scartoffie in cerca dei documenti che mi occorrono. Una gomitata mi sfiora il viso, qualcuno mi strattona mentre sto cercando di leggere i verbali delle udienze precedenti. Pigiano come donnette il primo giorno dei saldi.
«Mario. Anche tu qui?» una voce mi richiama all’attenzione. È Clara
«Si, aspetto mio padre per un’udienza. Conosci meglio di me la storia della collezione di firme per l’accesso alla professione forense.» ironizzo causticamente.
Clara allora mi abbraccia dall’alto dei suoi tacchi, un refolo di profumo rigorosamente francese mi assale. Non ha un solo capello fuori posto e dall’acconciatura spiccano le perle bianche dei suoi orecchini sobri ed eleganti. Mi chiede di salutarle mio padre, me lo chiede bisbigliando, con il suo fare di donna sicura e invincibile. La saluto e le auguro buona giornata, mentre torno ai gesti che avevo lasciato sospesi.
L’aula continua a riempirsi: in pochi minuti fiotti di avvocati hanno ingombrato lo spazio, che quasi non basta a respirare. Mi volto, mi guardo intorno e chiedo ad uno che pare spazientito almeno quanto me, quando arriverà il giudice.
« Oggi è in ritardo!» mi dice e penso che dopotutto non è una grande novità.
Cerco un angolino, un anfratto dove potermi sedere. Lo vedo e mi fiondo ad occuparlo. Il vocio della gente cresce minuto dopo minuto e con esso la voglia di allontanarmi da questo posto inutile. Dovrei prepararmi per la discussione della causa e invece non faccio che pensare al racconto lasciato in sospeso sulla mia scrivania e agli occhi di Sara, che avevo incrociato due sere prima alla festa di Luca. Non mi sono presentato ma attendo la prossima occasione propizia.
Richiedo l’ora, il giudice è palesemente in ritardo e intanto la confusione assume la forma di una bolgia di professionisti o presunti tali che strepitano alla ricerca delle loro controparti. Nugoli di praticanti escono ed entrano dall’aula, qualcuna si accomoda sulla scrivania del giudice con fare da diva, leggermente inclinata a sinistra e con le gambe accavallate chiacchiera con il collega di turno.
Fa caldo, la finestra è serrata perché la gente aspetta persino seduta sul davanzale della finestra. Non sopporto la confusione né tanto meno i tempi morti. Mi estraneo per non perdermi nelle more di un’amministrazione inefficiente, effige di un sistema malato e che continua ad ingolfarsi.
Farei ben volentieri a meno di esitare in questo ginepraio ma di poesia e giornalismo non si campa, almeno così dice mio padre. Mi rialzo, una ragazza mi ruba il posto, scivolando dietro di me come un’anguilla.
Abbandono l’aula, ho bisogno di fumare. La sigaretta è il miglior viatico per ogni tipo di attesa e poi mi ispira. Segnali di fumo dalla mia bocca raccontano di un disagio tutto personale, ma si dissolvono prima che riesca a liberarli nell’aria. Continuo a tirare, anche la sigaretta sta per consumarsi del tutto. Sulla scia dell’ultima boccata tiro fuori il mio block notes e inizio a scrivere di getto:

Attese
File, andate e ritorni
inutili attese
che soffocano giornate
spese in vane attività
oltre le quali
si scorge la verità
offuscata dall’impenetrabile
fumo della fretta e dell’indifferenza.
Fragile leggerezza dell’essere,
nelle more mi alieno.
La stanza non è più stanza,
la sedia non è più sedia
e le voci
brulicanti degli astanti
smaniosi
si allontanano.
Perdo i loro volti inespressivi
e tesso le fila
di una nuova poesia.

Vedo mio padre, ha appena parcheggiato, parla al cellulare e sembra furioso. Mi dice di aspettarlo, ripongo la penna e obbedisco sbuffando.

© Marina Bisogno



Recensioni ed articoli relativi a Marina Bisogno

Nessun record trovato

Testi di Marina Bisogno pubblicati su Progetto Babele

(1) In viaggio di Marina Bisogno - RACCONTO
(2) Vuoti a perdere di Marina Bisogno - RACCONTO
(3) Il libraio di Selinunte di Roberto Vecchioni - RECENSIONE
(4) La malattia di un romantico qualunque di Marina Bisogno - RACCONTO
(5) Pastorale Americana di Philip Roth - RECENSIONE
(6) Il libro dell'inquietudine di Bernardo Soares di Fernando Pessoa - RECENSIONE



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2010-05-25
VISITE: 7491


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali