Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [20/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La telefonata
di Lorenzo Spurio
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 106
Media 77.36 %



Io e mia moglie decidemmo di non dire a nostro figlio Luca che sua nonna era morta. Lui le era molto affezionato e trascorreva delle giornate intere con lei. La notizia per lui sarebbe stata devastante. Con l’intenzione di fare il suo bene tacemmo la morte di mia madre.  Appena mio fratello mi comunicò la morte di nostra madre, mia moglie si preoccupò subito di chiamare la nostra babysitter affinchè badasse a nostro figlio ma risultò essere impegnata. Cosi io e mia moglie, che mai avevamo lasciato da solo in casa nostro figlio, cercammo di chiedere un favore alla nostra vicina che pure non ci fu d’aiuto poiché ci disse essere a letto con la febbre.

Pur con grande titubanza decidemmo di lasciare nostro figlio a casa da solo dicendogli che nel giro di un paio d’ore, saremmo ritornati a casa. Gli dissi che poteva guardare tutta la televisione che voleva e lui fu tutto contento di questa mia inusuale concessione. Mia moglie si premurò di spegnere il gas e di togliere alcuni oggetti pericolosi dalla portata di nostro figlio: alcuni elettrodomestici con lama, un accendino e un paio di forbici. Dopo aver lasciato nostro figlio dinanzi alla televisione ed esserci vestiti in maniera elegante ma sobria ci recammo immediatamente all’obitorio che distava da casa nostra solo dieci minuti a piedi.

In una stanzina della camera ardente il corpo di mia madre era vegliato e pregato da alcune persone anziane che solo dopo alcuni secondi riconobbi essere delle sue cugine. Vicino alla bara scoperchiata c’era mio fratello con la moglie e la loro figlia. Mi venne da pensare che avevo fatto un grave errore a non portare con me Luca dato che lì c’era tutta la famiglia al completo, tranne lui.

Mi avvicinai a mia moglie alla quale confidai di essere molto preoccupato per nostro figlio. Non l’avevamo mai lasciato a casa da solo e avevo una certa sensazione  che gli stesse accadendo qualcosa di sconveniente. Cercai di calmarmi e feci una mezza preghiera per mia madre, mentre mia cognata, piangente, accarezzava la mano gelida di mia madre.

Mio fratello mi disse che la mamma era morta nel sonno, senza soffrire. Chi invece stava soffrendo davvero in quel momento era mia cognata, Mara, il cui pianto non accennava a interrompersi. Mia madre le aveva voluto molto bene, erano state amiche e complici da quando si erano conosciute. Mia madre la considerava come una figlia. Quella figlia che aveva sempre desiderato e che mai aveva avuto. Lei stava soffrendo più di qualsiasi altra persona.

Alcune persone si avvicinarono per farmi le loro condoglianze, alcuni mi diedero la mano, altri una breve pacca sulla spalla, altri ancora una sorta di abbraccio, ma più modesto, vista la situazione. Ringraziai delle condoglianze e chiesi a mio fratello se avrebbe potuto occuparsi lui dei ringraziamenti e dei fiori. Aggiunsi che me ne dovevo tornare a casa perché mio figlio si trovava da solo ed ero un po’ preoccupato. Mi chiese come il piccolo Luca avesse preso la notizia e gli dissi che non glie l’avevo detto, per evitargli dolore. Vidi mia cognata in piedi, sporta verso la parte superiore della bara, mentre piangeva e mugugnava una preghiera. Mi avvicinai per farle le mie condoglianze ma poi, quando le fui vicino, vidi il volto bonario di mia madre, il suoi lineamenti arrotondati e i suoi occhi ormai serrati per sempre. Misi una mano sulla spalla di Mara ma sembrò non sentirmi perché continuò a badare alla morta. Le dissi di essere forte e le diedi un bacio sulla guancia e poi me ne andai via. Mia moglie salutò alcune persone, forse parenti, forse vecchi conoscenti e ce ne tornammo a casa.

Una volta entrati nel nostro appartamento, mi accorsi che tutto era al suo posto e non era accaduto niente al piccolo Luca, il quale stava ancora guardando la televisione. Mi disse che avevo una faccia strana e mi chiese se per caso fossi stanco. Gli risposi che lo ero. Poi mi disse che mentre mi trovavo fuori casa, aveva ricevuto una telefonata di sua nonna con la quale aveva parlato per una decina di minuti. 

Andai in cucina e riportai a mia moglie quanto il piccolo Luca mi aveva confidato. Fummo costretti a ritornare in obitorio per verificare se mia madre era realmente morta.

© Lorenzo Spurio



Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Spurio

(1) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE
(2) Flyte & Tallis di Lorenzo Spurio - RECENSIONE

Testi di Lorenzo Spurio pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calcestruzzo di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(2) La telefonata di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(3) Le campane del morto di Lorenzo Spurio - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-26
VISITE: 386


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.