Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [27/11/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L\'AMORE E\' scadenza 2021-11-30    PREMIO STORICO LETTERARIO METAUROS scadenza 2021-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
35 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Scorci
di Alessandro Mantegna
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 288
Media 82.26 %



Come tutte le mattine si era infilato assonnato in macchina. Sameer lo aveva accolto con il solito sorriso sommesso e gentile fino all’eccesso.
“Good morning Sir, how are you?”
Temeva sempre quella domanda, soprattutto a quell’ora. La riteneva del tutto superflua, per di più se rivolta da un autista. “Fine, thank you” rispondeva frettolosamente con un sorriso di circostanza che non pareva corretto negargli.
Ci erano voluti un paio di mesi per imparare a memoria il percorso che lo portava al lavoro. Si attraversava tutta la città, da nord a sud, passando nel lato periferico est che permetteva di evitare il traffico delle minuscole viuzze del centro. Con il tempo aveva imparato a dormire, ma per chi vi si avventurasse per le prime volte, era difficile resistere allo spettacolo che si poteva osservare attraverso i finestrini.
La cosa che colpiva di più era la mescolanza di antico e moderno. La tecnica stava lentamente cercando di cancellare le tracce di una povertà secolare che erano però ancora affatto visibili.
Nella prima parte del percorso si attraversava il quartiere residenziale in cui abitava. Solo avendo in mente quanto sarebbe venuto dopo si poteva apprezzare la ricchezza di quel luogo. In quell’area erano sorte costruzioni che la stavano rendendo irriconoscibile per chi fosse mancato da qualche anno. Hotel a cinque stelle, ipermercati, grandi banche e negozi di noti marchi di abbigliamento. I prezzi degli appartamenti si avvicinavano ormai a quelli delle città europee. Attraversando la via centrale si potevano vedere uscire dalle stradine laterali macchine lussuose guidate da autisti in divisa.
Al primo semaforo, che era anche il limite sud di quel quartiere, si veniva sempre affiancati da qualche mendicante. Il confine della zona più ricca della città era sicuramente il posto giusto per questo tipo di attività. Chi vendeva oggetti di ogni genere, chi metteva in scena un improvvisato spettacolo da saltimbanco, chi, più semplicemente, chiedeva l’elemosina mostrando quanto di meglio potesse alzare il basso livello di empatia della popolazione benestante di quel quartiere: un bambino magro e immobile, un arto menomato o semplicemente un viso disperato.
Col tempo ci si abituava e in genere si prestava ben poca attenzione a queste persone, inserendole nel panorama complessivo della città e ogni tanto, qualora il semaforo segnasse troppi secondi allo scattare del verde, liberandosene distrattamente aprendo il finestrino ed allungando una banconota da dieci rupie.
Per un certo periodo al medesimo semaforo si poteva vedere quella che era stata soprannominata la bambina cane. Poteva avere quattro anni, ma aveva dimensioni ridotte per la sua età. Aveva decisamente un bel viso, era una bella bambina con la carnagione piuttosto scura e i capelli ricci.
Purtroppo aveva una gamba menomata, la doveva trascinare e non riusciva a stare in posizione eretta. La si vedeva arrancare procedendo a quattro zampe, passando tra una vettura e l’altra con il suo bel viso proprio all’altezza dei tubi di scappamento, battendo con la manina sulle lamiere delle macchine per segnalare la sua presenza. Faceva una certa impressione vedere un essere umano così piccolo aggirarsi in quel modo tra enormi fuoristrada e camion, e il primo timore era che qualcuno dall’alto della sua visuale potesse non accorgersi della bambina cane e la schiacciasse sotto le enormi ruote.
Per fortuna a un certo punto non la si vide più e tutto poté ricominciare come prima. L’indifferenza degli abitanti di Koregaon Park non era così forte per potere ignorare completamente la bambina cane.
Superato quel semaforo maledetto, si procedeva sul ponte che scavalcava la ferrovia e subito sotto, sulla sinistra, si poteva osservare una piccola tendopoli. Le abitazioni erano fatte da diversi strati di plastica bruciata dal sole e sorretti da paletti di metallo inarcati. Guardandole veniva in mente il fetore che si poteva sprigionare al loro interno, specie nella stagione calda, per non parlare dell’umidità’ durante i monsoni, quando si aveva il dono di tre mesi di pioggia ininterrotta. Minuscoli bambini correvano nelle stradine di terra nera che dividevano una tenda dall’altra, donne con vasi di rame sul capo si recavano a prendere l’acqua alla fontana vicina, gruppi di uomini trattavano chissà quale scambio di oggetti trovati nelle cataste di immondizia ai bordi della strada.
Più avanti, su entrambi i lati, si potevano scorgere antiche ville coloniali nascoste dietro schiere di alberi, dai quali scendevano lunghe file di liane, gli stessi che si potevano vedere sui libri di Salgari, torinese di adozione, che in India non ci era mai stato. Le strade erano qui ancora ampie, seppur spesso interrotte da disconnessioni del terreno e buche che costringevano le vetture a improvvisi scarti o rallentamenti.
In questo tratto a un certo punto le file di case erano interrotte sulla destra da una pozza d’acqua semistagnante, formata da un piccolo rivolo, sempre affollata da persone che lavavano veicoli di ogni tipo o si facevano più semplicemente il bagno.
La strada proseguiva in un panorama che si faceva sempre più povero, sparivano le case e si vedevano solo grandi campi brulli, talvolta calpestati da maiali che mangiavano la poca erba resa gialla da mesi di siccità. Poi, d’improvviso, l’ultima curva a sinistra introduceva una brusca soluzione di continuità, uscendo dall’estrema periferia della città, ormai quasi deserta, per condurre in un sobborgo affollatissimo dal nome esotico, in cui si veniva spediti indietro di almeno cento anni.
La strada si restringeva e subito a sinistra si scorgeva quello che a prima vista pareva un tombino fognario rimasto aperto ma che in realtà era un pozzo di approvvigionamento di acqua, davanti al quale si formavano file di persone che al loro turno vi scomparivano dentro per poi uscirne con una brocca piena di prezioso liquido.
Poche decine di metri dopo si entrava in quello che era poco più di un vicolo. Su entrambi i lati file di baracche metalliche ospitavano piccoli esercizi commerciali di ogni genere. Insegne scolorite scritte in Hindi, dipinte sulle lamiere, risalenti a chissà quale decennio del secolo scorso, si alternavano a sprazzi di modernità, rappresentati da cartelli con noti marchi di compagnie telefoniche.
In certi istanti la vettura rallentava a causa di qualche persona o animale che attraversava la strada o del traffico che si accumulava in corrispondenza delle numerose strettoie che rendevano ancora più difficile evitare chi veniva in senso opposto. Era allora che si riusciva meglio a gettare lo sguardo dentro qualcuna di quelle botteghe buie anche in pieno giorno e a malapena si riuscivano a scorgere fabbri intenti a battere il ferro rovente, donne chine sul pavimento che preparavano impasti di chissà cosa, arrotini, ciabattini che ricucivano a mano vecchi sandali.
Ai lati della strada, l’avanzare del veicolo faceva scorrere un flusso continuo di umanità. Se a prima vista si veniva colpiti da quanti camminavano ovunque, intenti ad andare, con diverso passo, chissà dove, uno sguardo più attento non poteva mancare di notare quanti fossero intenti a fare assolutamente nulla, seduti o in piedi, per strada o in quelli che potevano sembrare dei bar o delle tavole calde.
Aprendo il finestrino, l’odore stagnante di smog delle vetture veniva talvolta coperto dal puzzo intenso delle fogne che passavano poco dietro o dal profumo delle collane, fatte di coloratissimi fiori, vendute nelle bancarelle in occasione delle numerose feste religiose.
La vita umana era affiancata da una altrettanto intensa vita animale. Colpiva vedere con quale indifferenza mucche e capre rimanessero immobili, adagiate in mezzo alla circolazione dei veicoli che le evitavano senza mai nemmeno sfiorarle. Altre volte si formavano vere e proprie mandrie che procedevano in fila in mezzo al traffico, dirette chissà dove. Piccoli branchi di cani di media taglia trottavano sparsi sul ciglio della strada fermandosi qua e là a scavare dentro l’immondizia che si accumulava negli spazi privi di costruzioni. Era qui che talvolta si vedevano, accanto alle poiane, esseri umani magrissimi che selezionavano accuratamente quanto poteva essere ancora di qualche utilità.
Costantemente, per tutto il percorso, una cosa a cui non si poteva rimanere indifferenti era la circolazione dei veicoli. Era impossibile capire come in mezzo a quel caos tutto sembrasse procedere, a suo modo, in maniera ordinata. I pedoni attraversavano la strada infilandosi tra un treruote e un camion senza scomporsi minimamente di fronte ai continui rumori di clacson e alle macchine che sembravano ignorarne la presenza, ma in qualche modo riuscivano miracolosamente a schivarli. I sorpassi avvenivano ovunque, i veicoli arrivavano quasi a sfiorarsi o a scontrarsi eppure, in qualche maniera, ritornavano nei ranghi senza nessun danno.
Come sempre accadeva in India, alla fine tutto si sistemava, le cose più diverse riuscivano tra loro a stare insieme, quasi in armonia, come guidate da una forza che nessuno spiegava, ma che in qualche maniera tutti avvertivano.

© Alessandro Mantegna



Recensioni ed articoli relativi a Alessandro Mantegna

Nessun record trovato

Testi di Alessandro Mantegna pubblicati su Progetto Babele

(1) Scorci di Alessandro Mantegna - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2010-08-22
VISITE: 1237


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali