Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/10/2019] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo storico Il Barone - Una offerta di lettura agli studenti di un Liceo (NOSCELTA 2019-10-15)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Velocità ZERO
di Carla Montuschi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4200
Media 81.49 %



Velocità uguale Spazio fratto Tempo.
Ricordo ancora il giorno in cui, al liceo, la professoressa di matematica ci spiegò il concetto di velocità. Blaterava a proposito di variabili primarie e secondarie, di rapporti causa ed effetto, quando il rumore di un aereo attirò la mia attenzione.
Mi affascinò il pensiero che, mentre noi eravamo fermi a discutere sul movimento in una dimensione che non stava andando da nessuna parte, esso stava sorvolando, inconsapevole, le nostre vite e perseguiva con sicurezza la propria destinazione.
Sono sempre stata incuriosita dagli aerei. Mi ha sempre attratto il frusciare cupo che fanno i motori, come se raspassero contro le nuvole. Il rumore precede e segue l’oggetto metallico, la scia che si disegna nel cielo e, allontanandosi, si frammenta in rimbombi che assomigliano a tuoni discreti.
Ogni singolo giorno della mia vita è stato attraversato dal rombo di almeno un aereo, che io ho sempre notato. La gente comune è naturalmente portata a guardare verso il basso… io no. Il rombo degli aerei, negli anni, è diventato un appuntamento quotidiano con il cielo, dunque con la parte sognatrice di me.
La prima volta che salii a bordo di un aereo avevo diciassette anni. Avevo vinto un viaggio premio durante una gara d’inglese. Destinazione… Londra!
Sento ancor viva, a fior di pelle, l’emozione del distacco da terra. Quel gigantesco uccello si posizionò all’inizio del corridoio di partenza, facendo manovra come un’automobile.
Si mosse goffamente sia a causa delle dimensioni ingombranti sia di quelle sue braccia aperte, spalancate in una posa rigida. Sembrava che, muovendosi, esso rischiasse di sfiorare qualunque cosa cui si avvicinasse.
Una volta raggiunta la posizione corretta, sostò fissando il corridoio avanti a sé, come se fosse in cerca di concentrazione. I motori andarono su di giri ruggendo, ed il rumore che produssero fece vibrare ogni cosa, dai sedili ai corpi dei passeggeri.
Prese la rincorsa. Le immagini ai lati degli occhi scorsero sempre più rapide, sino al momento in cui la corsa si fece salita e le ruote si staccarono dal suolo. Quel piccolo salto verso il cielo diventò immediato distacco, corrispose ad una sensazione di effimera leggerezza.
La velocità aveva permesso a quell’oggetto di raggiungere l’aria e di acquisire un senso, una fluidità che a terra esso non possedeva. La velocità era servita a comprimere il tempo al fine di coprire uno spazio altrimenti troppo ampio. La velocità aveva permesso di padroneggiare uno spazio diverso, quello dell’aria superando così in poco tempo ostacoli come mare, montagne, città…
Mormorai, al culmine dell’eccitazione:
«Velocità uguale Spazio fratto Tempo…»
Fu il principio di una decisione che riguardò da vicino il mio futuro: mi accorsi che volevo vivere con i piedi “per aria”, sorretta dalla velocità.
Mi iscrissi ad ingegneria aeronautica ottenendo ottimi risultati. In cinque anni coronai il mio sogno. Trovai lavoro, pressoché immediatamente, come progettista e per molti anni mi occupai di rapporti causa-effetto, di variabili primarie e secondarie.
La parte più gratificante del mio lavoro era legata alla fase di collaudo dei prototipi, facevo sempre in modo che durante i voli sperimentali vi fosse un posto anche per me.
Il momento che preferivo era quello dell’accensione motori: mi beavo nell’ascoltare la voce delle mie creature!


Velocità, Spazio e Tempo. Tre variabili che descrivono una condizione.
La Fisica tradizionale sostiene che la velocità viene descritta, e dunque in un certo senso esiste, in relazione al rapporto fra spazio e tempo. Einstein rivoluzionò questo concetto osservando come il tempo e lo spazio, ad elevatissime velocità non siano costanti, ma varino dilatandosi, comprimendosi.

Velocità, Spazio e Tempo.
Sono ancora variabili importanti che fanno parte della mia vita. Ma anche per me, come per Einstein, esse hanno assunto oggi un significato differente.
Oggi la mia vita scorre ad una velocità esagerata, tanto che posso affermare che essa mi stia sfuggendo, senza che però io riesca più a spostarmi.
Sono malata.
I miei motoneuroni invecchiano, degenerano ad una velocità folle. In questa nuova dimensione non c’è più spazio da percorrere, in quanto non riesco più a muovermi, ed il tempo si è dilatato in maniera intollerabile.
Dal momento che non sono più in grado di svolgere alcun compito pratico, vivo di senso di inutilità.
Chi assiste dall’esterno del mio deterioramento cerca di consolarmi, facendomi notare che mi resta lo spazio infinito del pensiero.
Già, ma che senso ha il pensiero, quando non può più essere tradotto in azione?
Mi dicono che la lucidità garantisce ancora una certa dignità al mio vivere.
Ma come si può assistere impotenti alla sepoltura della mente in un corpo che non si controlla più, in un corpo che deve essere assistito in ogni minima esigenza fisica?
Mi citano gli esempi di quanti, prima di me, hanno affrontato la malattia con coraggio, con un’indomita rassegnazione.
Ma io detesto con tutte le mie ultime forze gli eroi. Vorrei trovarmi di fronte uno di questi mitici egoisti, che con il loro esempio mi negano il diritto alla disperazione, per vomitargli in faccia tutta la mia rabbia.
Io non mi rassegno. A me non basta pensare.
Io che ho sempre vissuto sorretta dalla velocità, proprio non mi sarei mai aspettata che un giorno avrei affermato quanto segue.
Aspiro alla velocità zero, quella in cui, un giorno, sfuggirò al morso inesorabile della malattia. Alla velocità zero, potrò forse recuperare uno spazio entro cui muovermi ed un tempo in cui essere.
Oggi, quando sento il rombo di un aereo, volto gli occhi al cielo e mi sento… sbeffeggiata dalla velocità!

© Carla Montuschi



Recensioni ed articoli relativi a Carla Montuschi

Nessun record trovato

Testi di Carla Montuschi pubblicati su Progetto Babele

(1) La porta di Carla Montuschi - RACCONTO
(2) I dispetti di Pandora di Carla Montuschi - RACCONTO
(3) Sembra avere un senso… di Carla Montuschi - RACCONTO
(4) La strada di Carla Montuschi - RACCONTO
(5) Il discorso di Carla Montuschi - RACCONTO
(6) Luoghi comuni (ma non troppo) di Carla Montuschi - RACCONTO
(7) L’incapacità del verbo essere. di Carla Montuschi - RACCONTO
(8) Solitudine di Carla Montuschi - RACCONTO
(9) Riflessioni dello specchio di Carla Montuschi - RACCONTO
(10) Contatto di Carla Montuschi - RACCONTO
(11) Il torneo di Carla Montuschi - RACCONTO
(12) Gorgo di Carla Montuschi - RACCONTO
(13) Velocità ZERO di Carla Montuschi - RACCONTO
(14) Dialogo con un cranio di Carla Montuschi - RACCONTO
(15) Il soffiatore di vetro di Carla Montuschi - RACCONTO
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-08-27
VISITE: 6108


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.