Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [20/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Pagine
di Giuseppe Bonan
Pubblicato su PB14


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4680
Media 79.41 %



Non avevo mai amato la lettura prima d'allora. Non c'era nessuno né nessuna cosa che mi avesse potuto convincere. Non c'era nulla che potesse avermi incollato a quel libro: un maledetto libro che mi stava distruggendo. Non sapevo se lo avessi quasi finito o lo avessi appena cominciato, sapevo solo che lo stavo leggendo. Già, lo stavo leggendo nel più assoluto silenzio da non so quante ore, forse addirittura da qualche giorno. E scorrevo le righe, girando uno dopo l'altro quei fogli che mi facevano quasi impazzire. Non avevo più mangiato da quando, per caso, avevo aperto quel maledetto libro. Sì, ancora maledetto. Mi voleva uccidere, forse mi voleva suo. Non riuscivo a distogliere lo sguardo da esso, non potevo. Le parole mi incollavano, mi costringevano a continuare. E, seppure fossi così forzatamente interessato ad esso, non sapevo se quel libro fosse diviso in capitoli, se avesse degli stacchi, o se fosse compatto come un unico pensiero. Ad un certo punto la testa cominciò a farmi male, ma, pur sapendo che era a causa della lettura, non volevo smettere di scorrere i miei occhi lungo quelle frasi. Un'altra cosa non sapevo: di che cosa parlasse quel libro. Non ne avevo nemmeno una vaga idea, dovevo solo leggerlo.
Con il tempo sarebbe diventato una vera prigione per me. Non potevo bere, né mangiare. E mi dicevo che forse sarei morto proprio con quel libro in mano, con la pelle attaccata alle ossa e con la schiena curva. Solo la morte, a quel punto, sarebbe stata la mia unica amica. Solo lei, che mi avrebbe portato via finalmente da quella lettura affascinante. Sì, perché, anche senza sapere l'argomento e la storia narrati da quel libro, esso mi affascinava. Oh, sì, mi affascinava eccome, altrimenti non lo avrei aperto.
Non so ancora, o meglio non so più, che cosa mi incuriosì, perché non ricordo nessun pensiero che mi avesse attraversato la mente prima di aver aperto quel libro.
Non ricordo nemmeno se ci fosse stato un autore, ed avevo pure un vago dubbio sulla sua esistenza, perché la particolarità di quel libro era troppo rara, anzi, oserei dire unica in assoluto, perché mai prima d'ora mi era capitato un libro come questo fra le mani. Non sapevo dov'ero, non sapevo nemmeno cos'ero, certamente una creatura in grado di leggere. Ma non sapevo che lavoro facevo, se studiavo ancora o se ero già vecchio.
Non potevo sapere nulla. Solo quel libro riusciva ad informarmi di qualcosa, qualcosa di cui non posso parlare. Non perché non ne voglio parlare, e nemmeno per invogliarvi a leggere questo libro, affinché anche voi siate prigionieri delle sue parole. No, per carità, vi auguro di non trovarlo mai, di non passarci nemmeno vicino se per caso esso si trovasse nello scaffale di una libreria. Non vi voglio augurare nessun male, perché questo è il male, non poter fare altro che una cosa: leggere.
E quindi spero che voi non abbiate mai a che fare con questo libro, o comunque che, nel caso estremo, voi non lo apriate mai. Perciò vi avverto, dato che non so nemmeno il titolo di esso e sinceramente non so nemmeno se ha un titolo, ogni volta che vi capita un libro tra le mani, in qualunque posto voi siate, pensateci a lungo prima di sollevare la copertina. Vi prego, pensateci a lungo e ripensate a queste righe che voi avete letto su questa carta, che non sono altro che la reincarnazione dei miei pensieri.
Perché, come vi ho spiegato, non potevo fare più nulla, se non pensare. La mia mente non aveva più nemmeno la possibilità di coordinare i miei arti, perché era occupata a tradurre in parole quei segni ormai insignificanti che mi assillavano.
Ora non so da dove vengo, non so dove sono, non ricordo chi sono, purtroppo non so nemmeno se ci sono o se non esisto più. Non so se sono ancora vivo o se sono già morto, ma so solo che sto continuando a leggere.

© Giuseppe Bonan



Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Bonan

(1) Dal Bar al Binario 7 di Giuseppe Bonan- Il Parere di PB

Testi di Giuseppe Bonan pubblicati su Progetto Babele

(1) Gli occhi di Selene di Giuseppe Bonan - RACCONTO
(2) Necroanamnesi di Giuseppe Bonan - RACCONTO
(3) Pagine di Giuseppe Bonan - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2003-11-19
VISITE: 13488


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.