Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [20/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Qualcuno già conosciuto
di Bruno Magnolfi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1
Media 90 %



La ragazza si chiamava Caterina, e quel mattino si era recata alla stazione degli autobus, aveva brevemente osservato il tabellone delle partenze, e infine era andata a sedersi nella sala d’attesa. Accanto a dove lei si trovava, due signore parlavano sottovoce di qualcosa, di altre persone che loro due, scambiandosi con convinzione le proprie opinioni, mostravano di conoscere bene, tanto da apparire sicure nei loro giudizi, anche se pareva che ognuna conservasse il proprio punto di vista. La sala non era affollata, c’erano seduti soltanto sei o sette passeggeri, tutti in attesa della loro corriera, in silenzio, a parte quelle due donne.

Poi un uomo si era alzato dal posto dove stava seduto, era passato davanti alla ragazza, e a lei era parso di riconoscerlo, anche se non avrebbe saputo dire realmente chi fosse o dove lo avesse già visto. Quello si era fermato per un attimo davanti alle due donne che continuavano a parlare di tutti, aveva attirato la loro attenzione guardandole in faccia, ma non aveva detto niente, come se il suo parere fosse già dentro ad una semplice occhiata. Loro si erano immediatamente interrotte, come colte da una critica che dava loro fastidio, avevano gettato uno sguardo fuori dalle vetrate come per assicurarsi che il loro mezzo non fosse ancora arrivato, e infine erano rimaste ferme, in silenzio, almeno apparentemente in accordo con l’uomo.

La corriera era arrivata subito dopo, tutti si erano alzati e in un attimo si erano sbrigati a salire sulla vettura, andando a scegliersi i pochi posti a sedere rimasti liberi. La ragazza si era sistemata accanto a quell’uomo, per combinazione casuale, gli aveva sorriso leggermente, poi aveva messo a posto la sua borsa e le sue cose mentre il mezzo partiva. L’uomo non aveva detto niente, aveva soltanto aperto leggermente il quotidiano che fino ad allora aveva lasciato ripiegato dentro a una tasca, iniziando a leggerlo con attenzione, senza dare alcuna mostra di conoscere chi gli fosse seduta vicino. Le due donne avevano ripreso a parlare esattamente come poco prima, ma essendosi piazzate nei sedili più in fondo, le loro parole si perdevano nei rumori del traffico e del mezzo pubblico.

La ragazza osservava le case, le auto, tutto ciò che scorreva fuori da quei finestrini, e intanto continuava a pensare a dove poteva aver già visto quell’uomo, ma, nonostante tutto il suo impegno, quelle sue riflessioni non portavano a niente, se non a immaginare un vicino di casa o qualcosa del genere, anche se qualcosa continuava a farla sentire curiosa, come se ci fosse quasi un motivo per cui la memoria non volesse aiutarla. Il mezzo pubblico ogni tanto faceva una sosta, qualche passeggero scendeva, qualcun altro saliva, e la ragazza, che stava andando a far visita ad una sua amica, osservava chiunque passasse nel corridoio quasi attendendosi un aiuto da un nuovo arrivato.

Invece tutto proseguiva come all’inizio, con quella sensazione dentro di lei che pareva a tratti suggerirle qualcosa e spingerla a scrutare dentro alla mente tutte le facce che poteva ricordare, al contrario lasciandola, in altri momenti, vuota di tutte le sue congetture. La corriera proseguiva il viaggio, e tra non molto la ragazza sapeva che sarebbe arrivata nei pressi della casa della sua amica, ma mentre rifletteva su questo, ecco che l’uomo le aveva chiesto il permesso di passare, soltanto con un semplice gesto, ed era scivolato con attenzione fino nel corridoio, mostrando di essere ormai giunto alla sua destinazione. La ragazza si era leggermente alzata per lasciarlo passare, aveva osservato con tutto l’acume possibile il profilo di quel viso, e aveva riflettuto di nuovo, cercando, almeno in quell’ultima possibilità, la chiave di tutto. L’uomo, in questa sua operazione, aveva richiuso con calma il giornale, e si era spostato nel corridoio tenendo lo sguardo attento a dove metteva i suoi piedi, mostrando un leggero moto come di perplessità, ma solo nel momento in cui ormai era passato, proprio mentre quasi si allontanava da quella fila di sedili, e infine aveva detto, voltandosi, ma solo di poco: arrivederci Caterina; e con ciò, mentre la corriera ormai si stava fermando, era andato verso lo sportello di uscita.

© Bruno Magnolfi



Recensioni ed articoli relativi a Bruno Magnolfi

Nessun record trovato

Testi di Bruno Magnolfi pubblicati su Progetto Babele

(1) Qualcuno già conosciuto di Bruno Magnolfi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-11-03
VISITE: 55


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.