Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/10/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    Premio Orizzonti scadenza 2019-11-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccā     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa č cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identitā riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternitā trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscuritā amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzč (2015) - Loris Dalė     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Passi
di Marika Salonna
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3
Media 76.67 %



Il freddo mi riscuote dal torpore. Quanto tempo è passato?
Non lo so. Ha poi importanza?
Il tempo danza intorno a me, inafferrabile essenza. Non ha importanza.
Provo a sedermi: il mio corpo piange per il dolore e la perdita.
Si era abituato alla calda compagnia di un altro essere.
Strano: credevo che non sarebbero bastate le lacrime. Ed invece non provo nulla.
I miei occhi non lacrimano, il mio cuore non batte più forte.
Ma il mio corpo grida. Le ossa del bacino indolenzite e vuote.
Il parto non è stato molto lungo, un'ora forse, un'ora e mezza.
Rido di me e dei miei pensieri, ancorati ad una realtà che non mi appartiene più.
Il tempo qui ha cambiato tempo. Ritmo!
In queste stanze sporche e spoglie, in questo luridume di perversione, non è un orologio a scandire il tempo, ma sono le grida dei compagni, degli amici a cui mani deliranti strappano la pelle assieme alla vita! E' il rumore cadenzato dei loro passi. Agghiaccianti calmi passi.
Sono la nostra unica musica. I passi degli aguzzini della nostra giovinezza.
Quando lei è nata i loro passi l'hanno portata via da me. Ho potuto vederla solo per un momento.
Il suo nome è rimasto poggiato alle mie labbra: non ho voluto dargli vita, corpo.
Lei non mi appartiene. Altre voci la chiameranno. Altri passi seguiranno i suoi. Lei non mi appartiene ( i morti non hanno voce).
Non voglio pensarla. Rifiuto i pensieri.
Altri passi. Altro tempo.
Il rumore sordo della porta che si apre.
Eccoli. So cosa vogliono. Non parlano.
Mi alzo dal giaciglio intriso del mio dolore.
Ho addosso una maglietta sgualcita  appartenuta a qualcun altro ed un pantalone troppo largo per le mie carni consumate.
I piedi sono nudi. Niente scarpe (i morti non camminano).
Attraverso corridoi troppo lunghi. Le urla innocenti li hanno deformati.
Salgo su un'auto con i finestrini oscurati. Non vogliono che mi veda qualcuno? Non vogliono regalarmi almeno l'ultimo sguardo al cielo?
Il loro silenzio è troppo innaturale! Vorrei che gridassero stupidi insulti ed ordini senza senso, come hanno fatto sino a ieri. Ma era ieri?
Di nuovo il tempo! Ma non ho più tempo!
La paura mi assale tormentandomi.
Stai per morire, mi sussurra. Sto per morire, mi ripeto.
Il piccolo viso a cui ho dato la vita mi compare dinanzi agli occhi.
Mi aggrappo a quel ricordo. Dove sarà ora? Ricorderà il mio odore? Le parole sussurrate di notte, quando le urla non facevano dormire! Ricorderà anche quelle? Oh Dio, se esisti, cancella dalla sua memoria neonata quegli istanti. Fa che sia felice!
Fa che senta nel suo sangue scorrere il mio! Che i miei pensieri la sorprendano ad un tratto, come fossero suoi! Che cresca forte e determinata. Che non conosca mai la paura. Che il tempo non le sia mai nemico.
L'auto frena. Ho paura. Uno di loro mi guarda impassibile. Cosa penserà? Avrà esitato mai in cuor suo? Si sarà mai chiesto se era giusto? Distoglie lo sguardo. L'auto riparte.
Fa caldo in questa prigione di lamiere e corpi che mi stringono.
voglio di nuovo respirare aria pulita, che sappia di montagne e frutta. Di pane appena cotto. Di amore fatto di nascosto. Del calore scacciato con un ventaglio. Di bestemmie per la siccità. Di gas di scarico. Di poesie recitate nei caffè, con la chitarra che accompagna il ritmo del cuore. Di discussioni fino a tarda notte sul future del Paese. Su di noi.
Di mia madre che mi chiama la mattina.
Mia madre: che non ha paura  del dolore. Che canta canzoni che non conosco. Che balla solo con mio padre. «Lui solo riesce a capire i miei pensieri» mi sorride.
Mio padre: che il dolore non lo ha mai saputo affrontare. Che ha contagiato con la sua passione tutti noi!
Mio padre che balla solo con mia madre: « Perché solo lei riesce a capire dove voglio andare» mi sussurra.
L'auto si ferma.
Mi fanno scendere. Non riconosco il posto.
La povertà si sente nell'aria.
Ci incamminiamo.
La paura non mi fa respirare. La gola è secca. Vorrei bere.
No! Non voglio morire. Non a ventitré anni. Non in un lurido quartiere!
Perché, perché non riesco a ricordare? Cosa mi dicevi quando ero piccola e ti chiedevo cosa fosse la morte , mamma. Perché non riesco a ricordare?
Mi fanno inginocchiare. (perché non riesco a ricordare?)
Sento freddo alla nuca. (perché non riesco a ricordare?)

«Mammina, mammina che cosa sarà la morte?»
«Un volo senza paura , piccolina».

«Oh figlia, figlia mia che cosa è stata la morte?»
«Uno sparo mamma. Soltanto uno sparo».

© Marika Salonna



Recensioni ed articoli relativi a Marika Salonna

Nessun record trovato

Testi di Marika Salonna pubblicati su Progetto Babele

(1) Passi di Marika Salonna - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-11-20
VISITE: 60


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.