Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Altura Richter
di Gianluca Pavone
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4461
Media 79.76 %



Fu nel corso di un'estate completamente guastata dalla pioggia, che mi innamorai perdutamente di Glenn.

Non uscii quasi mai di casa, a pensarci bene, se non per andare a fare le provviste per il fine settimana giù in paese (c'era in programma il compleanno di Clara quel sabato).

Ricordo che scendendo a valle con la Dyane 6 color giallo canarino di mio padre, pensai a come sarebbe stato bello un giorno ritirarsi per sempre sul monte, come un'eremita.

Non farlo solo per il periodo estivo, come succedeva da 13 anni a questa parte, sempre nella stessa casa di campagna nei dintorni di Salisburgo.

Pensai che sarebbe stato bello fare un passo indietro, sentirsi primitivo, tornare alle origini.

Non parlavo molto, non l'ho mai fatto.

Giusto l'indispensabile, quando serviva.

Pensai che sarebbe stato divertente spaventare con qualche bravata i forestieri che arrivavano sin lassù, sul monte.

Il Mönchsberg.

Solo il nome presupponeva un qualcosa di imponente, un qualcosa a cui portare accurato rispetto.

Ricordo la volta che mio nonno Karl mi portò a vedere il panorama da quella che veniva chiamata l'Altura Richter.

Mi disse che da lassù si poteva godere della vista più bella sulla Germania.

Che contraddizione, mi ritrovai a pensare, ricordando che il Monte Mönchsberg lo chiamavano Monte del Suicidio (si narrava che da quel monte ogni settimana si scagliavano nell'abisso almeno tre-quattro persone).

I suicidi salgono fino in cima con l'ascensore scavato nel cuore della montagna, fanno qualche passo e poi si scagliano giù verso il vuoto, verso la città.

Anche mio nonno Karl aveva provato una volta.

Era salito, dopo aver scritto una lunga lettera a mia nonna Gertrude.

Poi aveva rinunciato, dopo aver fatto un bel sonno che gli aveva portato insieme consiglio e ragione.

La vista più bella sulla Germania, levava le vite, oltre al fiato.

Io ero rimasto a bocca aperta, quella volta con mio nonno, per respirare bene l'aria gelida che prendeva  il suo posto nei polmoni.

A respirare.

A respirare l'aria che prendeva al cervello i pazzi.

Avevo sperato di vedere un matto lanciarsi nel vuoto, quella volta.

Sfracellarsi giù in strada, tra le macchine in passaggio.

Rimasi profondamente deluso.

Cercavo tracce di morte dallo strapiombo.

Chessò, un vecchio scarpone, avanzi di cibo in scatola utilizzato come ultimo pasto.

Vecchi orologi nascosti tra le insenature, abbandonati perchè l'ultima ora era ormai irrimediabilmente scoccata.

Il tempo fugge, portandosi dietro alcuni corpi.

Chiesi a mio nonno la ragione che spingeva qualcuno a fare un gesto simile.

Lui mi rispose fischiettando il Requiem di Mozart.

Mio nonno Karl era un grande appassionato di musica.

I dischi riposavano in perfetto ordine sullo scaffale, accanto al grammofono.

Bach, Beethoven, Brahms, Chopin, Debussy e via dicendo erano in bella mostra in salotto, pronti all'ennesimo giro dato dal caso e dall'umore (e dalle braccia rachitiche di mio nonno).

Il sabato, durante le vacanze estive, li sentivo suonare ad un volume esagerato durante l'ora del thè e dei pasticcini, dalla mia stanza del secondo piano che dividevo con Clara.

A mia nonna sembrava non disturbare, tutto quel fracasso.

I pasticcini rimbalzavano feroci nelle scatole di latta, formando uno strano accompagnamento non autorizzato che sembrava non destare interesse nè in mia nonna Gertrude nè in mio nonno Karl (e forse sarebbe stato tollerato dal solo Beethoven - e per ovvie ragioni - se fosse stata una vera sala da concerto).

Ma non vorrei perdermi in questi discorsi ora.

Torniamo a Glenn e al giorno in cui mi ritrovai perduto sulla sua strada.

Scendevo appunto con la macchina giù in paese, per poter acquistare al minimarket l'indispensabile per la festa di Clara che era alle porte.

Avevo parcheggiato nella piazzola alberata del centro ed ero sceso dall'auto, nel mio impermeabile e sotto una pioggia straordinaria per un 27 luglio qualunque.

Chissà perchè, mi ero ritrovato a pensare che se non avesse smesso al più presto, mi sarebbe risultato assai difficile riportare quella vecchia carcassa su quattro ruote sulla strada verso casa.

Già scendendo a valle, un brivido freddo mi aveva attraversato la schiena, quando i freni non avevano risposto correttamente ad un incrocio, quando avevo scansato per miracolo un daino sbucato da una siepe nascosta.

"Merda!" dissi solamente, prima di ripiombare nel mio silenzio autistico scandito solo dall'acqua, che danzava col tergicristalli ad un ritmo da polka.

Il mio ingresso nel minimarket era stato salutato con stupore dalle cassiere grasse (e truccate come quelle bamboline di porcellana della Germania degli anni '30) che nascondevano uno sgabello su per il culo.

Un HIRSCHER qui? avranno pensato, quasi fossimo una razza in via d'estinzione.

Certo, non ci si vede spesso in paese - non ci piace unirci alle persone - ma rimanere con quelle facce da babbei ogni volta che scendiamo per delle commissioni, questo mi pare un pò troppo.

Ho ereditato la mania per l'isolamento, oltre al cognome famigerato.

Ci piace vivere così.

Non è peccato.

Delle volte provavo un'insostenibile imbarazzo, quando mi trovavo di fronte il signor KIRCHGASSER, il titolare del più vicino minimarket ai piedi del Monte.

Mi guarda con quella faccia inquisitoria che proprio non mi piace.

Forse ripensa ancora a quella volta in cui mio nonno Karl gli puntò addosso il suo fucile da caccia per aver sconfinato nella sua terra e si pisciò letteralmente addosso, come un bambino alle prese con un brutto sogno.

Ma di che si lamenta?

Aveva sconfinato, deve ringraziare il suo Signore se è ancora vivo, dopotutto.

Non ti mettere mai contro un HIRSCHER.

 

Avevo preso tutto e alla svelta, quella volta.

Un senso d'ansia si era impadronito del mio petto.

Le persone in fila alla cassa mi avevano fatto passare, quasi fossi un'influenza da evitare accuratamente.

Di quelle violente, fuori stagione, che ti rovinano le giornate d'estate e che ti legano ad un letto quando invece vorresti essere in riva al lago a pescare grossi pesci siluro.

L'odore di piscio di animale incollato sulle gonne di vecchie zitelle rimbambite, mi aveva preso allo stomaco ed era stato in grado di riportare nella mia bocca - in uno straordinario ordine cronologico - il sapore delle portate che io stesso avevo cucinato con pazienza per il pranzo.

Avevo pagato e, una volta fuori, avevo vomitato sotto il portico le salsicce con le patate, il timballo di zucchine ed il sufflè al cioccolato, che vennero spazzati via dall'acqua (che scendeva dal pendio della pensilina) affamata per cercare un posto dove andare a nascondersi ed esaurire il compito.

Poi, esausto ed indebolito dallo sforzo, mi ero caricato la merce in macchina e lentamente ero risalito su per il monte.

Niente daini stavolta.

Impiegai più di un'ora.

Ero entrato in casa e Clara, mia sorella minore, stava ascoltando uno dei dischi di mio nonno.

Non l'avevo mai sentito prima di allora.

Mia nonna Gertrude era addormentata davanti alla tv nel suo vestito preferito color zafferano.

Mio nonno Karl armeggiava nel solaio pieno zeppo di ricordi andati a male.

"Ti piace Glenn Gould, Walter?" mi aveva detto Clara, con ai piedi le sue scarpe ortopediche lucidissime.

Ecco, adesso sapevo il suo nome.

Sapevo il nome di colui che lentamente mi stava incendiando il cuore.

Non sapevo come facesse - con la musica - a provocare quello sconquasso.

Non mi era mai capitato un qualcosa di così potente, istantaneo, paralizzante.

Il pianoforte scioglieva parti di me, giro dopo giro.

Lo stomaco era andato.

La mente anche.

Sapevo di quella sensazione.

L'avevo provata una sola volta nella mia vita, con Catherine.

Ero innamorato.

Carne sulla brace che prende colore e s'infiamma.

Ero innamorato, come un collegiale alle prese con qualcosa di proibito che lo sovrasta e gli spezza ogni volontà.

Mi sentivo come i pazzi sull'Altura Richter che osservano qualcosa di unico (la vista più bella sulla Germania) prima della fine imminente.

Nella voragine di Glenn fui preso, con la sua stessa follia divoratrice.

Sentii il mio pensiero rattrappirsi, le ginocchia sciogliersi come burro.

Mi lanciai, ad occhi aperti, dall'Altura Richter che Glenn aveva creato per me.

La vista più bella sull'arte aveva bisogno di un corpo.

Mi lanciai, senza pensarci.

Non feci dietrofront come mio nonno Karl anni addietro.

Mi lanciai senza indugio.

Senza applausi da sala da concerto.

Mi lanciai e seppi esattamente a cosa mi avrebbe portato il mio gesto.

In quell'istante, sotto gli occhi di Clara, stavo donando a Glenn il mio cuore.

Per sempre.

 

© Gianluca Pavone



Recensioni ed articoli relativi a Gianluca Pavone

Nessun record trovato

Testi di Gianluca Pavone pubblicati su Progetto Babele

(1) Altura Richter di Gianluca Pavone - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-02-03
VISITE: 7033


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.