Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [23/10/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    Premio Orizzonti scadenza 2019-11-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Giuliano Mitelis
di Silvia Bruno
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7275
Media 79.88 %



RACCONTO SEGNALATO DALLA GIURIA NELLA
II EDIZIONE DEL CONCORSO LETTERARIO UNIBOOK - PROGETTO BABELE

Giuliano Mitelis si svegliò con un gran mal di testa.
Si preparò per andare a lavorare e uscì di casa, come tutti i giorni. Fuori dal portone trovò il signor Prazzi, ottantenne del primo piano che, come tutti i giorni, stava seduto sulla sua seggiolina guardando la gente passare per strada. Giuliano Mitelis notò che, stranamente, aveva un piede infilato in un buco dell’asfalto, giù penzoloni nella terra. Il vicino gli disse:
- Buongiorno signor Mitelis.
- Buongiorno a lei. Come va?
- Eh, ormai ho un piede nella fossa!
Il signor Prazzi era un vecchio depresso ma Giuliano Mitelis non poté non pensare quanto fosse buffa quella combinazione del modo di dire con il piede nel buco dell’asfalto. Sorrise e proseguì.
La strada fino all’ufficio non era lunga, quindi Giuliano Mitelis la percorse a piedi, come tutti i giorni in cui c’era bel tempo. Mentre imboccava via Pirandello, sentì due comari chiacchierare. Colse solo una frase di una delle due che, lamentevole, spiegava:
- …e così adesso ho questo peso sulle spalle.
Si voltò e la vide con un enorme sacco sulla schiena, da fare invidia a Babbo Natale. Giuliano Mitelis sorrise ancora ma cominciò a sentirsi un po’ a disagio. Non gli piacevano le combinazioni. Poi però scollò la testa e provò a immaginare quanto sarebbe stato divertente raccontarlo quella sera a sua moglie. Nel frattempo, camminando di buona lena, era arrivato sotto il palazzo dove lavorava.
Proprio davanti al portone c’era una coppietta che litigava aspramente. La giovane accusò il ragazzo di averla tradita, lui la fulminò con gli occhi e… i capelli di lei presero fuoco! Giuliano Mitelis non poté davvero credere ai suoi occhi e, spaventatissimo, scappò dentro l’edificio senza neanche pensare di prestare soccorso.
I suoi battiti cardiaci riuscirono a placarsi solo alcuni minuti dopo essersi chiuso la porta dell’ufficio alle spalle e essersi seduto sulla sua sedia nera coi braccioli. Cercò di concentrarsi disperatamente sul proprio lavoro dicendosi più e più volte che era solo uno sciocco, che sicuramente c’era una spiegazione e che si faceva impressionare peggio di una zitella credulona. Stava finalmente cominciando a ridere della propria stupidità quando entrò la sua segretaria.
- Buongiorno Luisella.
- Buongiorno signor Mitelis.
rispose lei con voce singhiozzante e il viso coperto da un grosso fazzoletto.
- Che succede?
s’informò subito lui.
- Oh, signor Mitelis, il mio povero gatto Basilio… era vecchio ma gli volevo tanto bene…mi scusi ma ora mi riprendo
- Mi spiace molto per il povero Basilio. Suvvia, non fare così. Hai una voce!
- Sì, io… ho un tale nodo alla gola…
e così dicendo scostò il fazzoletto dal volto. Sul suo collo Giuliano Mitelis vide allora un enorme bitorzolo, grande come un noce.
- Luisella… tu… tu…
ma non riuscì a dire altro e schizzò via dall’ufficio lasciando la segretaria con gli occhi sgranati.
Giuliano Mitelis iniziò a correre quanto più velocemente possibile verso casa sua. Che cosa stava succedendo? Quale bizzarro sortilegio? Oh, ma lui non credeva ai sortilegi! E dunque, come spiegarselo? Giuliano Mitelis stava risalendo via Pirandello quando sentì una mamma sgridare il figlio.
- … hai proprio le mani di burro!
Non voleva voltarsi, no, no, non poteva vedere ancora ma la scena si rifletté in una vetrina proprio davanti a lui e scorse involontariamente quelle manine bianche, flaccide, che colavano giù…
Giuliano Mitelis entrò in casa di slancio e si chiuse la porta alle spalle
- Tesoro sei già a casa?
urlò la moglie dall’altra stanza.
- Io… sì.
fu l’unica cosa che riuscì a rispondere.
- Ah, guarda, oggi ho davvero l’acqua alla gola.
e così dicendo entrò nell’ingresso. Giuliano Mitelis scoprì allora che sua moglie aveva intorno al collo un enorme collare pieno d’acqua che la fasciava.
- Io… lo vedo…
balbettò. Era pietrificato. Ma la moglie parve non farci caso e, baldanzosa, chiese:
- Non sei andato a fare la spesa? Ah, ma sei proprio una testa di legno
- No! No!
sbraitò Giuliano Mitelis. Ma ormai era troppo tardi. Cominciò a sentire i muscoli della faccia irrigidirsi, diventare insensibili mentre la vista gli si appannava, la figura della moglie si faceva sempre più confusa, distante, laggiù…
Giuliano Mitelis si svegliò con un gran mal di testa.
Un brutto incubo gli aveva rovinato il sonno. Come tutti i giorni, si alzò e andò in bagno per prepararsi. Davanti allo specchio vide che in testa aveva l’aureola di cartone che suo figlio, il piccolo, aveva usato per la recita di Natale.
- Che buffo!, pensò, Chissà come ci è arrivato questo cerchio alla testa…

© Silvia Bruno



Recensioni ed articoli relativi a Silvia Bruno

Nessun record trovato

Testi di Silvia Bruno pubblicati su Progetto Babele

(1) Giuliano Mitelis di Silvia Bruno - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-02-15
VISITE: 12547


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.