Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [19/01/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Università Popolare Città di Spinea scadenza 2019-01-22    Urbanità tentacolare scadenza 2019-01-30    Premio InediTO - Colline di Torino 2019 scadenza 2019-01-31    Carlo Ulcigrai scadenza 2019-01-31    Concorso Letterario scadenza 2019-01-31    Caffè delle Arti - Il bivio scadenza 2019-01-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
55 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
10 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Riflesso
di Andrea Vallarino
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2812
Media 79.96 %



Per Natale Arianna chiese in regalo uno specchio.
I genitori si stupirono per la semplicità della richiesta e le domandarono se fosse sicura di non volere altro, ma lei fu assolutamente decisa: tutto ciò che desiderava era uno specchio da appendere sopra il suo letto.
Così la mattina del 25, mentre i fratelli non sapevano scegliere fra i molti pacchi che li circondavano, lei ricevette quell'unico dono, e al contrario di ciò che sua madre temeva, non si pentì affatto della scelta: appena scartato chiese al padre di aiutarla ad appenderlo subito “Aspetta di aver finito il pranzo tesoro” le disse questi “poi lo montiamo”
Ma la bambina si dimostrò assolutamente irremovibile, e in capo a cinque minuti il regalo troneggiava sul muro della sua stanza.
La madre guardandolo appeso si convinse che la decisione di Arianna era davvero ottima, lo specchio che aveva scelto era perfetto: “E' una bambina davvero matura” disse al marito quando la sera furono soli “Ha voluto una cosa sola e l'ha scelta davvero bene”
La bambina nella sua stanza era al settimo cielo, aveva dovuto aspettare tutto il giorno, ma ora che era sola poteva provare ciò che progettava da mesi: allungo una mano verso il suo riflesso e tastò la superficie. Con un brivido di eccitazione constatò che non si era sbagliata, prese un respiro e avanzò con decisione, ma in quel momento entrò sua madre per controllare se era ancora sveglia “Che fai ancora in piedi, vuoi stare tutta la notte a rimirarti?” chiese in tono scherzoso. Arianna rise e accettò di indossare il pigiama e di mettersi a letto, poi quando sua madre lasciò la stanza, si chiese se era il caso di riprovare, : decise di aspettare che la lasciassero sola in casa.
In realtà non era facile aspettare ancora dopo aver aspettato tanto, ma lei sapeva che il momento sarebbe arrivato presto, nel periodo delle feste i genitori uscivano spesso di sera e ormai non chiamavano più la baby sitter.
E proprio come aveva previsto già a Santo Stefano i genitori andarono a cena da alcuni amici di vecchia data: l'occasione era perfetta.
Arianna ascoltò impaziente le raccomandazioni della mamma e appena questa ebbe richiuso alle sue spalle la porta di casa corse in camera sua, si chiuse dentro e si avvicinò allo specchio, la sua mano scivolò nella superficie fredda senza incontrare resistenza, un brivido le percorse la schiena, per un momento fu sul punto di ritrarsi, ma solo per un momento.
Invece affondò anche il braccio e poi l'altro e poi era dentro con tutto il corpo nascosto dalla superficie dura e liquida.
Era un sogno, non era più se stessa, si trasformava in ciò lo specchio vedeva: era la sua piccola libreria ed era il suo vestito poggiato sulla sedia, ma c'era ancora una prova da fare, a malincuore uscì fuori per un attimo, corse alla porta e chiamò “Marco, Giacomo, salite un attimo in camera mia” Ascolto i commenti stizziti dei fratelli distolti dalla play station ma li sentì anche alzarsi. Con l'adrenalina che la percorreva corse verso il letto e sta volta senza indugiare si gettò nel vetro liquido, appena in tempo. Marco e Giacomo entrarono dopo poco “Dov'è andata adesso?” chiese il primo “prima ci fa salire e poi se ne va” “Sarà uno dei suoi scherzi” rispose l'altro, poi volse lo sguardo verso lo specchio “Ma secondo te, perché fra tante cose si è fatta comprare quell'affare?” “Non lo so proprio, vorrà guardare quanto è bella...” concluse Marco ridacchiando, poi si avvicinò un poco per guardare la sua immagine.
Arianna lo vedeva avvicinarsi, ed era lui che si avvicinava, il cuore le batteva a mille e non le importava nulla se la prendevano in giro, lei era al sicuro e nessuno l'avrebbe disturbata se non l'avesse voluto lei.
Ben presto i fratelli si stancarono di aspettare e tornarono in sala chiudendo la porta dietro di sé, lei stette ancora un poco ferma e poi piano piano uscì e si mise a letto, per quella sera era contenta e non le serviva altro. Non le riuscì di addormentarsi, sentì la madre entrare nella camera e tenne gli occhi chiusi mentre le dava un bacio sulla fronte, la sentì chiudere piano la porta e dire al padre “Dorme tranquilla, è proprio un tesoro, non come quei due discoli, per metterli a letto bisogna inseguirli”
Poi finalmente prese un sonno tranquillo e senza sogni sino al mattino dopo.
Il giorno dopo decise di provare l'ultimo pericolo possibile: disse che usciva per andare da un'amica, poi scivolò in camera e si nascose nello specchio.
La madre aveva l'abitudine di riordinare la stanza quando lei era fuori, dopo poco entrò e si avvicinò al suo riflesso “Qualche ruga si nota” pensava “Ma nel complesso penso di dimostrare non più di trent'anni”
Arianna la osservava e si osservava, neppure lei aveva notato nulla: ora non aveva più nulla da temere.
Trascorse il resto del pomeriggio comodamente celata nel suo personale rifugio: passarono il padre, ancora i fratelli curiosi, e ancora la madre, e lei in cuor suo sorrideva completamente felice.
Iniziò a trascorrere sempre più tempo nel suo nascondiglio, trovava scuse per giustificare la sua assenza e si rifugiava lì o semplicemente spariva un minuto e poi riappariva ridendo dello stupore dei suoi famigliari: proprio non capivano dove andasse a cacciarsi.
Ma solo dopo qualche mese scivolato in questa routine iniziò ad avvertire un piccolo problema nel procedimento, quando voleva uscire lo specchio faceva resistenza costringendola a fare forza con le sue piccole braccia ogni volta di più, ma non le parve un vero problema: entrare non era mai stato così semplice e tanto le bastava.
Sino a che una sera di autunno inoltrato non le fu possibile uscire, insistette ma le mancarono le forze, così decise di aspettare un po' prima di riprovare: vide l'ansia dei suoi genitori crescere non potendola trovare e riprovò ma ancora si arrese. Vide sua madre piangere disperata e suo padre col volto rigato di lacrime, e vide i suoi fratelli che non ridevano più e tentò un ultima volta con tutta la forza che le restava ma ormai era diventata parte del riflesso, ma in fondo non si sentiva triste: loro non lo sapevano ma lei era vicina e avrebbe potuto stare in pace osservando la vita scorrere.

© Andrea Vallarino



Recensioni ed articoli relativi a Andrea Vallarino

Nessun record trovato

Testi di Andrea Vallarino pubblicati su Progetto Babele

(1) Riflesso di Andrea Vallarino - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-03-28
VISITE: 4703


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.