Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [26/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    Premio Svicolando scadenza 2019-07-01    Guido Gozzano - Augusto Monti scadenza 2019-07-08    Eduardo Di Loreto scadenza 2019-07-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nemesi Bancaria
di Francesco Scarrone
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 85
Media 78.59 %



Da piccolo lo chiamavano Fagiolo. O Centino. Giéch Fagiolo o Giéch Centino. Ma di solito Fagiolo o Centino. Per via dell'altezza, naturalmente.

E Giéch Fagiolo, o Giéch Centino, era figlio di un prodigio. Dell'amore vissuto ai confini delle grandezze.

L'amore.

Minuscolo e infinito.

Di un nano e di una gigantessa.

Due persone che avevano scoperto che l'amore non si misura in altezza, ma in profondità. E che si può stare in un nido in mani grandi quanto una monetina, o addormentare tra due seni enormi come un passero sui rami. La gigantessa e il mezzo uomo, scoprirono che un universo può stare sulla punta delle labbra e che un granello di sabbia può esser grande quanto Dio. E che Dio, i suoi granelli preferiti, li trasforma in perle.

Inutile dire che quella volta, la perla nacque minuscola.

Giéch Fagiolo, o Giéch Centino, lo chiamavano. Per via dell'altezza, naturalmente.

Ma non sempre, una perla sa di esserlo, e può fare scelte sbagliate. Come rotolare via sul pavimento inclinato della vita.

Ché quella che era stata una benedizione, per i suoi genitori, per lui, di maledizione aveva preso il nome, nella smisurata piccolezza dell'incomprensione di quell'amore.

Capì. Poi capì. Perché si finisce sempre, presto o tardi, col capire. Ma avvenne quando il suo nome era già cambiato, quando nel sottomondo della malavita lo chiamavano già Giéch Mutanda. Perché quando lo incontri, le mutande che porti non avrai più tempo di cambiarle, così dicevano nel sottomondo della malavita. E ve ne sarebbero tante da raccontare, su Giéch Mutanda, tante da sbancalare gli archivi delle polizie di mezzo mondo. Ma questa, come dicono in certi romanzi, è un'altra storia, e a noi interessa solo il sacro principio del Tao. Che il bene e il male sono concetti del tutto arbitrari. In campo bianco un puntino nero, in campo nero, un puntino bianco. Una piccola perla.

Che capì. Di essere quello che era. E quello che era, era il frutto sproporzionato di un amore vissuto ai confini delle grandezze.

Per questo, avvenne quello che avvenne.

Lo spettacolo non si concluse, perché fosse finito il numero. Se così fosse stato, legittimo il diritto d'urlare "alle barricate" e pretendere a pieno il risarcimento del biglietto, anche a costo di dar fuoco al tendone e far mangiare i leoni dai cristiani.

Eppure, il fatto comunque rimaneva. Nella sua completa ed unica drammaticità, lo spettacolo si era appena concluso con l'elefante stramazzato a terra. Morto stecchito di vecchiaia.

Forse l'ultima immagine della sua proverbiale memoria fu di quando rubava frutti alle piante con destrezza pachidermica del suo proboscitino da cucciolo sotto lo sguardo benevolo di mammaelefanta. Ma non sapremo mai con certezza.

Ciò che invece la certezza, spietatamente, sbatteva sotto il naso, era un promontorio grigio da massiccio centrale, zampe all'aria, nel centro della pista, che intristiva pesantemente il già magramente allegro spettacolo.

Nel silenzio, senza manco un requiem travestito da marcettina d'organetto, cinque clown affaticati, scivolarono geriatrici a valle delle rotondità elefantesche, qui, si misero a spingere la defuntanza da dietro al culone, sprofondandovi nel de profundis assai unto d'imprecazioni.

Dei sei spettatori, uno batticchiò le mani imbarazzato per coprire il disagio. Uno mangiò una nocciolina. Uno cambiò posizione per riconciliarsi col sonno. Tre rimasero silenziosi negli ultimi posti a sedere. Dei tre silenziosi, uno era triste, uno era medio, uno mangiava una banana.

"Madonna che tristezza...!", disse quello triste.

"Mhà, mica poi tanto...", rispose quello medio.

L'adepto alle banane non si pronunciò. S'infilò un casco di banane in bocca e cominciò a triturarle.

Lo spettatore triste sospirò, scosse la testa disperato,infine s'adeguò alla decisione che in cuor suo avea già presa.

Si rivolse allo scagnozzone indrappato in un doppiopetto color carota che ruminava banane in qualcuno dei suoi molteplici stomaci. Si rivolse e gli disse:

"Ursus, voglio vedere il proprietario del circo."

"Oui."

"Che cazzo dici?"

"Sto studiando spagnolo."

"Ah."

"..."

"..."

"..."

"Perché?"

"La mia ragazza è di Lisbona."

"Ah."

"E' uno sfacelo!" piagnucolava il proprietario del circo, scoccodrillando di lacrime una tuba sfondata e rabberciata, ed una tanica di olio d'olivia rimodellata ad altoparlante ammaccato.

"E' uno sfacelo! unosfacelo unosfacelo unosfacelo...come potrebbe andar peggio?"

Uno scheletrico Tarzan settantaduenne dalla crapa pelata si avvicinò e disse:

"C'è il direttore della banca di là. Vuole parlare con te."

Il proprietario del circo, pianse più forte.

Coi pugni serrati sui fianchi in ducesca postura ed il piede che s'allenava a rullare di grancassa, il direttore della banca stava attendendo visibilmente spazientito, circondato dalle ansie degli artisti.

"Sembrano scappati da un circo", pensò guardando con alterigia la carovana di miseria umana che lo attorniava con la reverenza che si usa alla statua della Sacra Vergine. Finalmente il grande Boudinì, un tempo ammaliatore di platee, oggigiorno proprietario di una trappola su carrozzoni messa in ginocchio dall'estro della modernità d'emozioni che non concedono l'onore delle armi, fece il suo ingresso con due occhi arrossati come quelli di una civetta con la congiuntivite.

"Alla buon'ora!", sbottò il banchiere sistemandosi due telescopi ad alta definizione che usava come occhiali.

"Sono costernatissimo di averLa fatta attendere, sua Eminenza...", tentò di ammansirlo il buon Boudinì.

"Mi ci pulisco le scarpe, con le sue scuse- fu il tonfo del tentativo andato a vuoto-. Il tempo è denaro, il denaro è potere, il potere dà le donne. Ed io ne ho un paio che mi aspettano!"

"Lo sospettavo che questo fosse uno di quelli che le deve pagare, le donne, perché ci vadano insieme...", pensò Boudinì.

Ma si limitò a sorridere agrodolcemente.

Con quella profonda malinconia, che solo gli uomini del circo, hanno in fondo agli occhi.

"D'altronde- continuò tignoso il direttore di banca ferendo con uno sguardo la donna barbuta- vedo che ognuno ha quel che si merita..."

"Signor direttore...", osò Boudinì.

"Signor direttore! Signor direttore! Io non ho tempo da perdere dietro alle vostre moine", e si sistemò un riporto lungo come una liana che fece sospirare di nostalgia il Tarzan in pensione. "Qui: o pagate, o raccattate i vostri quattro stracci e vi cercate un ponte sotto il quale andare ad abitare."

Quindi poggiò la valigetta sopra un tavolo. Guardò l'orologio, attese sei secondi, che l'ora fosse in coincidenza con l'apertura del caveau della filiale di Brisbane, quindi rotellò la combinazione sino a comporre un numero pressoché sconosciuto a fisici e matematici composto da 25 cifre, si lasciò pungere i polpastrelli da microaghi imbevuti nel curaro cui lui, da lungo tempo era ormai immune, e quindi, dopo dieci secondi, la serratura s'aprì con uno scatto decompressurizzante che immise nell'atmosfera, un potentissimo gas paralizzante. Al quale, ovviamente, manco a dirlo, lui era immune.

In effetti, una volta usava gas venefico, ma dopo aver per sbaglio annientato l'intero consiglio d'amministrazione d'una prestigiosa società, solo aprendo sovrapensiero la valigetta per prendersi una mentina, ritenne più consono ridimensionare leggermente il sistema di sicurezza.

Comunque, nei minuti che seguirono, mentre la corte dei miracoli del circo si statuò d'irrigiditezza da baccalà, il direttore estrasse dalla valigetta una cartellina, dalla cartellina un faldone, dal faldone una pratica, dalla pratica un foglio, dal foglio una firma. Che sventolò sotto il naso inerme del proprietario del circo.

"Dunque...secondo i calcoli della nostra sezione "estorsione&raggiri"...tra gli interessi appena sotto il tasso d'usura- che per inciso stabiliamo noi- i costi della pratica, l'iter d'instaurazione e/o rescissione delle spettanze contrattuali di cui sopra non menzionato, al netto del prodotto interno lordo diviso per il raggio della terra...ah, certo, più ovviamente il prestito...lei ci deve una bella sommetta" e mostrò il risultato di un conto leviatanico sulla calcolatrice, alla pupilla vitrea dello scultureo Boudinì. La pupilla, in lenta fase deparalizzante, contò una serie di zeri che pensava solo il ministro del tesoro avesse mai visto nel disavanzo di bilancio. L'occhio destro, che stava ritornando alla vita, si mise a piangere, come solo un ministro del tesoro si credeva fosse in grado di fare.

"Non tenti di intenerirmi!" ringhiò il direttore di banca, schiaffeggiando l'immobile Boudinì con il foglio dell'ipoteca "Con me non attacca!"

Quando apparve Ursus, Boudinì gnagnolava in ginocchioni sgorghellando lacrimenti.

"La prego di venirci incontro! Stiamo facendo il possibile per onorare il nostro debito. Abbiamo già impegnato il cannone e adesso l'uomo missile lo tiriamo a mano. I leoni avevano i denti ridotti talmente male che gli abbiamo dovuto mettere su una dentiera e ogni tanto se la perdono durante gli spettacoli! Maciste, l'uomo più forte del mondo, son due mesi che non mangia, ed ora è la controfigura d'un filo d'erba. Gli acrobati sono a terra, i clown così depressi che mi hanno già tentato il suicidio sette volte. E una volta hanno pure tentato di suicidare me. La prego, cerchi di venirci incontro."

Accanto a Ursus, se ne stava Taurus.

"Le uniche cose che vi potranno venire incontro saranno le ruspe. La prossima settimana iniziamo i lavori. Demoliremo questo accampamento da profughi e faremo sorgere un'aiuola di casettine a schiera allegre e sorridenti per la gente per bene."

"Signor direttore, non è giusto, lei ci tratta come criminali!..."

"La povertà è il peggior reato." Tagliò corto il direttore di banca riaggiustandosi i telescopi.

"Mi permetta di dissentire", fece una voce affossata tra le alture di Ursus e Taurus, come un fiume che s'insinui nel fondovalle. "Ci sono reati che lei non può nemmeno immaginare. E tanti, e tali modi di commetterli, che potrei elencargliene per giorni. Vorrei ricordarLe che ha di fronte il Grande Boudinì, se fossi in Lei tratterei con un po' più di rispetto, quell'uomo."

"E tu chi sei? Il nano del circo?"

Lo spettatore triste annusò il garofano nel taschino e sorrise.

"Lasci che Le presenti, Signor Direttore, questi miei due amici. Taurus...", e il molosso in completo color limoncello digrignò i denti facendosi saltare due premolari "...ed Ursus..."

"Enchanté..." si prodigò Ursus.

"Eeeeh?!" fece il direttore colto alla sorpresa.

"E' spagnolo, 'gnorante!" e gli rifilò un cazzotto in bocca.

"Il nostro Ursus ha la ragazza di Lisbona..." spiegò Giéch al direttore rintronato per terra, che stavolta per veder le stelle non aveva bisogno dei suoi telescopi.

"...Vede- proseguì la voce stazionaria sul metro e 23-...Taurus non è un astrofisico nucleare e non ha la crapa di un premio nobel, ma..." e Taurus digrignò di nuovo i denti facendosi saltare altri due premolari e un'otturazione in tungsteno "...ma è uno specialista in reimpianti ipnotici della personalità...quindi La lascio alle gentili attenzioni dei miei ragazzi..."

Il doppiopetto color carota e il completo color limoncello si chinarono a tenaglia sul direttore di banca.

"Adieu", fece Ursus acchiappandolo per il colletto e porgendolo al compagno. Taurus gli abbatté sul riporto un martellata pneumatica che lo accorciò di dieci centimetri e fece partire la sua coscienza per spazi siderali infiniti.

"Bene. Da oggi tu sei Tarcisio Lustrafondo. Sei addetto alle pulizie dei cessi della stazione centrale. Abiti in un sottotetto che condividerai con i pinguini d'inverno e con le zanzare d'estate. Guadagni un po' meno del minimo sindacale, ma tutto sommato hai già un lavoro, il che non è male, al giorno d'oggi. Hai un debito in banca, ed un direttore carogna che ti perseguita tramite fattucchiera. Non mi resta che augurarti buona fortuna", raccontò Giéch Mutanda al corpo esanime dell'ex banchiere mentre gli spiumava il portafoglio e provvedeva a sostituire i documenti con le sue nuove generalità.

"Ah. Ti piace il circo e lasci sempre delle generose mance quando vai."

Poi si rivolse a Carota e Limoncello: "Portatelo nella nuova casa. Se al risveglio dovesse avere ancora qualche dubbio, ripetete il trattamento..."

"Sì", fece Taurus perdendo un canino.

"Oui", spagnoleggiò Ursus con un colpo di nacchere che erano le ossa di Tarcisio Lustrafondo.

I circhici circensi avevano assistito all'intera scena dello spettacolo con l'umore alle stelle di un trapezista euforico che si lancia nel cielo tra Sirio ed Orione.

Giéch si avvicinò a Boudinì, e sotto le froge del suo naso, diede fuoco all'ipoteca che si trasformò in una farfalla ardente; con le ali in fiamme, si spense in cenere la breve vita del suo volo.

Poi estrasse dal cilindro un coniglio a valigetta: "Credo che questi dovrebbero essere abbastanza per permettervi una pensione serena. E per i leoni, questo è l'indirizzo del mio dentista"

Boudinì scavò lo sguardo su Giéch per cercare una risposta.

Ma lo spettatore annusò il garofano nel taschino, sorrise, e si allontanò fischiettando. Non proprio triste, in effetti, a guardarlo bene, ma con quell'espressione in fondo un po' malinconica, che solo gli uomini del circo hanno, appesa in fondo agli occhi.

E a Boudinì, parve in un attimo di rivedere, un amore. Un amore di tanto tempo fa, quand'era ragazzo. Un amore speciale, vissuto ai margini delle grandezze.

Come l'universo in un granello di sabbia, l'amore di un nano e di una gigantessa.

© Francesco Scarrone



Recensioni ed articoli relativi a Francesco Scarrone

Nessun record trovato

Testi di Francesco Scarrone pubblicati su Progetto Babele

(1) Nemesi Bancaria di Francesco Scarrone - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-12-07
VISITE: 408


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.