Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [02/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Sinistra del porto
di Ettore Bonato
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4709
Media 80.17 %



Gli scogli colorati di vita della Sinistra del porto.
In un pomeriggio assolato incontrai Oreste e mi assalirono i ricordi.
Nonostante il nostro Adriatico sia piatto come una sogliola, io sono un uomo di scoglio. Ho passato tanto tempo, quello importante, sdraiato come una lucertola malata, sugli scogli della Sinistra del porto ove adesso c’è la darsena, che mi sembra impossibile che io abbia vissuto là gran parte della mia vita. Prima andavo in bici, poi in motorino, e incontravo Oreste, l’uomo senza tempo, che mi aspettava con i baffi ridanciani e i pochi ma figurosi capelli, coperti spesso da un copricapo azzurro, colorato esattamente come il suo motorino Ciao. Lui era in pensione ormai, io ero fuori dal tempo e dallo spazio, calettato là dalla disperazione e dal piacere, quello sì, intenso. Chi non ha vissuto la Sinistra del porto ha perso molto: il sole che batte forte all’una del pomeriggio, le ragazze con costumi strani e sexy, le arzdore con la voce roboante che squarcia il petto importante. La Destra del porto era per noi un ricordo vago o un futuro approdo. Quando l’acqua verde come gli occhi di una donna innamorata espresse quelle mucillagini a sterco di mucca, annunciai a Oreste che sarei andato di là, nel mondo dei diversi seppur uguali, dei sani piuttosto che malati. Degli sconosciuti. Mi uccise dentro questa decisione. Il primo pomeriggio nel piccolo moletto con il faro verde era indimenticabile. C’erano ragazzi e ragazze, forse un po’ strane, solitarie, amanti del sole cocente, degli scogli a picco sul paradiso e del mare incontaminato e alto. Troppi anni trascorsi là, senza tempo, con la Vicini azzurra e poi con il Garelli verde, ma non sono pentito, ho vissuto delle cose che solo i matti, i predestinati o gli artisti stravaganti che ora sono a Berlino a fare teatro possono vivere.
Oreste l’ho visto due giorni fa, nel pomeriggio soleggiato e freddo di Marina Centro. Non pensavo fosse ancor vivo, lo dico seriamente, e questo fatto, questa vista mi turbò piacevolmente. Gli avrei voluto urlare i miei ricordi o il mio affetto, ma la voce non mi uscì e stetti a guardare la mia Seat azzurra parcheggiata malamente nelle strisce blu. “Oreste io vado, non ce la faccio più a stare qui, troppi ricordi e così il tempo si getta via”, come quel vecchio arzillo, nostro amico, che si tuffò tra gli scogli e si ruppe il tendine d’Achille, per il nostro divertimento.
L’anziano, che voleva sapere di più di questo giovane bello ma solo, mi disse: “Ettore, ma come farò adesso senza di te? Chi mi guiderà al “centro del largo” o nei pressi della casetta verde? O semplicemente (ma mi spezzò il cuore), chi mi salverà dall’infarto vicino?”
Non salutai Oreste, ma lo vidi ritto che guardava verso la Barafonda e piangeva, piccate lacrime solcarono le sue provate gote. Lasciai dopo tanti anni la Sinistra del porto, l’amata Barafonda, ove andavo anche da bambino con mia madre e gli amichetti, e restai con il telo da spiaggia per un anno al bagno 50 senza parlare con nessuno e senza sogni.
Siamo soli, Oreste, ma forse un giorno non lo saremo più, pensai, e il ricordo tornò agli scogli bianchissimi, malinconici e bellissimi della mia Sinistra del porto. 

© Ettore Bonato




-

dal 2011-12-27
VISITE: 8780


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali