Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'ultima sigaretta
di Vito Zingale
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 0
Media 0 %



Era seduto in salotto, sulla solita poltrona, quella più vicina al televisore che, a volume bassissimo, trasmetteva immagini dal mondo: guerre e rivolte da qualche regione dell’estremo oriente affetta da instabilità politica. Guardava senza troppa attenzione quel flusso ininterrotto di lampi colorati, la sua mente era occupata da altro. Rifletteva sulle parole del medico, del suo medico curante, dal quale si era recato quel pomeriggio. Si rivedeva con le lastre sottobraccio, quelle ai polmoni fatte qualche giorno prima, davanti al dottore che, abbozzando un mezzo sorriso di circostanza, lo invitava ad accomodarsi. Poi il dottore aveva afferrato le lastre e le aveva osservate alla luce al neon che spioveva uniforme dal soffitto. Quella che a lui era parsa una rapida occhiata, distratta e superficiale, aveva prodotto, invece, l’inappellabile sentenza che adesso, abbandonato in poltrona davanti al televisore acceso, gli girava e rigirava nella testa, senza tregua. La situazione è quasi irrecuperabile! A breve c’è da temersi il peggio se lei non la fa finita con questo suo assurdo vizio!  Era stata una sentenza e un ammonimento, rude e diretto, come solo certi medici sanno darne. Lui, come se la notizia l’avesse colto del tutto alla sprovvista, come se non sapesse che sessanta sigarette al giorno fanno malissimo alla salute, s’era spaventato, impallidendo e quasi tremando, neanche l’avessero informato del rapimento di sua figlia. Si era allora rifugiato, chissà perché, in quell’assurda domanda che aveva tanto irritato il dottore. Gli aveva chiesto quanto tempo avesse ancora da vivere. L’altro l’aveva guardato come si guarda un pazzo nell’attimo in cui, avendolo creduto fino a quel momento una persona normale, ci si rende conto, quasi con dolore, della sua follia. Poi, restituitegli in fretta le lastre, l’aveva bruscamente congedato, gridandogli dietro con voce adirata di smettere quanto prima quell’assurdo vizio. Se n’era andato con la coda tra le gambe, avvilito e muto. Si era subito scoperto preda di uno strano sentimento di costernazione per se stesso e la sua salute, così precaria; era poi precipitato in un morboso stato di autocommiserazione, che sconfinava nel vittimismo. Tornato a casa, non aveva salutato nessuno e, di fronte alla moglie che si stupiva di quel comportamento, svelto e silenzioso si era infilato nel salotto, per poi abbandonarsi nella comoda poltrona lieta compagna di tante ore felici onde riposare la propria afflizione.

Mentre lottava con lo sbalordimento amaro che si ostinava schiacciargli il petto nella sua morsa, la sua mano, esperta e intraprendente, agendo a nome di tutto il corpo che reclamava con forza la sua dose giornaliera di nicotina, afferrò il pacchetto delle sigarette abbandonato lì vicino, finendo con l’estrarne una. La passò poi alla bocca che, dopo aver ringraziato, poté stringerla con soddisfazione tra le labbra. L’altra mano intanto aveva afferrato l’accendino, e si apprestava ad accostarne la fiamma al tabacco quando l’uomo, accortosi con orrore della manovra, ordinò al suo braccio di flettersi e di lanciare lontano, con fare disgustato, l’odiata sigaretta.                                                                           Nel frattempo, davanti al televisore semimuto, pensava con sgomento all’ultimatum del dottore. Nella sua mente affranta presero a passare e ripassare immagini di morte: bare, funerali, camposanti, vedove vestite a lutto, ragazzine rimaste orfane, gesti di condoglianza, sussurri di commiserazione e di condanna. Lui sapeva che sarebbe finito così, ma non ha ritenuto di doversi sottrarre al suo vizio. Ha continuato a fumare con egoistica ostinazione fino alla fine, abbandonando la moglie e la figlia al loro destino. Sentiva i malevoli commenti del suo medico, intrufolatosi chissà come al suo funerale. Non gli sfuggiva la reazione dei presenti, parenti e amici: li vedeva passare dalla calma all’indignazione più accesa; li vedeva poi prendere la bara e lanciarla lontano, con lo stesso fare disgustato e sprezzante con cui lui poco prima si era liberato di quell’ultima sigaretta.

Alla fine, abbattuto dai sensi di colpa che gli sfilavano davanti come un’interminabile processione di fantasmi, per distrarsi, alzò l’audio del televisore, sforzandosi di seguire le notizie del telegiornale.

Quattro ragazzi erano morti in un terribile incidente stradale la notte scorsa; un padre di famiglia pakistano aveva ammazzato a sprangate la figlia diciottenne perché questa si ostinava a rifiutare il matrimonio combinato che i suoi avevano deciso per lei; un operaio venticinquenne aveva accoltellato a morte la sua ex-convivente, rea di non voler avere più a che fare con lui; in una città del Sudan meridionale settanta civili avevano perso la vita durante un violento scontro a fuoco tra i guerriglieri separatisti e l’esercito regolare; un aereo indiano, dirottato da terroristi indonesiani, si era schiantato al suolo a causa di un’errata manovra dell’inesperto pilota-sequestratore; il nipote del magnate dell’automobile Tal dei tali, già designato alla successione dell’anziano zio, era morto in soli tre mesi, a trentatre anni, per un cancro fulminante; il figlio quarantenne di quello stesso magnate si era suicidato lanciandosi nel vuoto da un viadotto dell’autostrada; duemila impiegati di una notissima banca d’affari americana si erano visti licenziare dalla sera alla mattina in seguito all’improvviso fallimento della medesima; un vigile urbano di una città del nord era stato travolto da un automobilista ubriaco, come pure, un quarto d’ora dopo, un pensionato che attraversava la strada; un ciclista era stato scagliato in un burrone da un camion in una strada di montagna; un tassista di un’altra città del nord era stato ammazzato di botte dai padroni del cane finito sotto le ruote del suo taxi; una madre, esasperata dal pianto ininterrotto del figlioletto di tre mesi, gli aveva tappato la bocca con una benda, provocandogli un’atroce morte per asfissia; un’altra giovane madre aveva affogato il figlio di sei mesi nella vasca mentre gli faceva il bagnetto; in un condominio di una tranquilla cittadina di provincia due condomini del piano di sotto avevano massacrato quelli del piano di sopra, ritenuti troppo rumorosi…

A quel punto, spaventato da quanto aveva sentito, spense il televisore, continuando per un po’ a fissarne, con sguardo attonito, lo schermo nero. Poi, tornato faticosamente alla realtà, allungò una mano e si accese una sigaretta.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Vito Zingale



Recensioni ed articoli relativi a Vito Zingale

Nessun record trovato

Testi di Vito Zingale pubblicati su Progetto Babele

(1) L'ultima sigaretta di Vito Zingale - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2012-12-30
VISITE: 63


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.