Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/09/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Essere Philipe Marlowe
di Claudio Palmieri
Pubblicato su PB1


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4322
Media 79.47 %



Ancora una volta sei qui, inattesa.
Ti lascio entrare.
Decisa, come al solito, senza dire una parola vai verso il salotto, lasci cadere il soprabito sul divano e ti siedi su una delle due poltrone.
Chiudo la porta e ti raggiungo; il tuo profumo ha già invaso la stanza.
Mi chiedi da bere; conosco i tuoi gusti, scotch liscio, niente anestetici per la tua gola, né acqua, né ghiaccio, vuoi sentire tutto il ruvido di quel liquido raschiarti l'esofago mentre scende ad ampie sorsate. Hai i gusti decisi di una che sa troppo bene il fatto suo, che ha fatto e visto troppo.

Non ti lascio bere da sola, anche se non è la mia ora per un drink, ma sorseggio lentamente dal mio tumbler il liquido color ambra.
Mi siedo sulla poltrona di fronte e ti guardo, splendida, con i capelli neri lucenti che ti scendono sulle spalle.
Ti accendi una sigaretta; sai che non mi piace che fumi, ma tu non concedi molto alle mie opinioni, le ritieni inconsistenti come le volute di fumo che lente lasci uscire dalle labbra rosso fuoco e che sornione si perdono salendo verso il soffitto rosa. Mi guardi in silenzio mentre le tue labbra si serrano di nuovo sulla sigaretta. Odio quando fumi, ma lo spettacolo di quelle labbra mi fa trasalire.

Ti guardo, sei perfetta come al solito, il trucco aggressivo, ma per niente volgare, gli abiti di classe che esaltano il tuo corpo senza ostentare il lusso in cui sei cresciuta. La gonna al ginocchio che volutamente non copre molto delle tue gambe accavallate, le mani dalle dita lunghe con unghie laccate di un rosso scurissimo. I miei occhi, indifferenti agli ordini interiori di non farlo, si posano curiosi sulle cosce velate da sottili calze di seta nera.

La gamba destra poggiata elegantemente sull'altra accompagna la lenta rotazione del piede coperto solo in parte da un sandalo nero con la punta chiusa. Alla fine il mio sguardo resta ipnotizzato da quel movimento circolare attorno a quella caviglia sottile che, da sola, riuscirebbe a farmi perdere la testa.

Stai lì, davanti a me in silenzio, eppure alle mie orecchie è come se stessi urlando. L'averti così vicina, vedere quelle labbra ardenti, quegli occhi scuri così profondi e spietati, quelle gambe affusolate che accavallate creano un provocante incrocio tra le cosce, tutto questo e' un gridare al mio corpo: vieni, abbracciami, prendimi. A niente vale il monito del mio cuore che, irrimediabilmente in pezzi, cerca di fermare i pensieri che nati dal basso, inesorabili salgono fino al cervello.

Vorrei essere come Philip Marlowe, guardarti dritta negli occhi e dirti una frase tagliente, una di quelle che fanno male, tanto da farti capire una volta per tutte che non puoi avermi. Non più. Vorrei essere capace di stare alla porta e guardarti uscire, mentre ti invito a non farti più vedere.

Ma non succede, io non sono Marlowe e so già come andrà a finire. Ancora una volta mi farò ammaliare da quel tuo corpo stupendo esaltato dai tuoi vestiti eleganti. Mi perderò ancora dentro di te, toccherò i piaceri profondi e perversi che sai dare, lascerò che tu mi trascini in fondo all'oblio. Berrò i tuoi calici di estasi e le tue coppe colme di piacere. Mi perderò ancora ed ancora, in una notte di passione e lussuria che finirà in un'alba che mi troverà ancora una volta solo, gettato via, su di un letto sfatto con le lenzuola che avranno l'odore dolce del ricordo e velenoso dei sensi di colpa.
Starò male, resterò a fissare un angolo della stanza ed ad espiare l'ennesimo mancato rifiuto, a punire la mia debolezza, schiantato dalla coscienza contro i miei limiti. Sarò miseramente di fronte a quello che veramente sono, vigliacco e sofferente per essermi fatto derubare ancora una volta.

Quante volte avrei voluto essere come Philip Marlowe ...

© Claudio Palmieri



Recensioni ed articoli relativi a Claudio Palmieri

Nessun record trovato

Testi di Claudio Palmieri pubblicati su Progetto Babele

(1) Nero Italiano di Giampietro Stocco- Il Parere di PB
(2) Cadute di Claudio Palmieri - RACCONTO
(3) Natalie di Claudio Palmieri - RACCONTO
(4) Palla di cannone di Claudio Palmieri - RACCONTO
(5) La Collana di Claudio Palmieri - RACCONTO
(6) Essere Philipe Marlowe di Claudio Palmieri - RACCONTO
(7) Il creativo di Claudio Palmieri - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2002-05-20
VISITE: 12433


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.