Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [04/12/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Di luce e d'ombra
di Agnese Moretti
Pubblicato su PBSA2021


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1
Media 80 %



I racconti di Progetto Babele

Ciao Penelope. Sono io.

So di non essere nella posizione di poter fare richieste, dopo tutti questi anni, e dopo tutto il male che ti ho fatto. Però ho davvero bisogno di dirti alcune cose. Concedimi cinque minuti del tuo tempo, ti scongiuro.

L'altro giorno ero in aeroporto, diretto a Londra per una riunione. Ho fatto carriera; la mia società sta aprendo una filiale lì e vogliono mandarmi a dirigerla. Ero seduto in attesa dell’imbarco, innervosito perché il mio volo aveva un po’ di ritardo. Ero intento nella lettura e la mia attenzione è stata catturata da una risata. La conoscevo, mi era stranamente familiare: era la tua. Ho alzato gli occhi e tu eri dall’ altra parte del corridoio, nel gate di fronte al mio.

È stato un tuffo al cuore. Dio, non ti vedevo da anni! Non sei più bionda, sei tornata al tuo colore naturale, ma ti ho riconosciuto in un lampo. Eri con un gruppo di persone, parlavate e qualcuno deve aver detto qualcosa che ha scatenato la tua ilarità, perché la tua splendida risata è esplosa, cristallina, argentea, proprio come la ricordavo. Ti avrei riconosciuta tra mille.

 Mi sono alzato e ho cambiato posto. Non volevo che mi vedessi, consapevole del fatto che ti saresti incupita di colpo. Mi sono seduto dietro ad una coppia di giapponesi; da quella posizione non saresti riuscita a vedermi mentre io avrei avuto una visuale di te perfetta.

Jeans, scarpe da ginnastica e una semplice maglietta bianca, un filo di rimmel, lucidalabbra e lunghi capelli sciolti sulle spalle. Continui ad essere bellissima con addosso il minimo indispensabile. Quando stavamo insieme non te lo dicevo perché mi inorgogliva che ti vestissi e truccassi per me: eri il mio trofeo. Potevo sfoggiarti in giro e tutti si complimentavano sempre con me per “la mia bella fidanzata”, facendo mio il merito di tanta grazia.

Ero curioso di vedere quale fosse la tua destinazione. Allora ho guardato nel monitor generale che era proprio accanto a me e ho letto GATE 24: Rodi. Partivi per le vacanze.

Ho cominciato a osservare le persone che erano con te e ho riconosciuto la metà di loro. C’era quel tuo amico di Firenze, di cui non ricordo il nome (era inglese se non sbaglio), poi ho visto Claudio, Martina, Damiano e quando ho posato lo sguardo su Carlotta mi sono accorto che mi stava fissando. Per quanto ne sappia potrebbe aver notato me prima che io notassi voi. Il suo sguardo era gelido, un misto di stupore e rancore. Mi ha provocato una sensazione di vergogna. Ti ha subito cercato con lo sguardo sperando che non ti fossi accorta di me, ma tu chiacchieravi serena e cercavi qualcosa in borsa. So di non esserle mai stato simpatico, né a lei né a tutti gli altri. Mi considerava uno stronzo e mi tollerava solo perché eri la sua migliore amica. In fondo anche io sapevo di essere feccia, ma a quel tempo non mi importava anzi, ne andavo quasi fiero. Sarà toccato sicuramente a lei rimettere insieme i frammenti della tua personalità che, con crudeltà e menefreghismo, avevo distrutto. Me lo sono meritato quello sguardo d’odio. Se avessi un migliore amico vorrei che guardasse chi mi ha fatto soffrire esattamente come Carlotta ha guardato me.

Sei sempre stata capace di tenerti stretta gli amici e di farti letteralmente adorare. Me lo dicevi sempre “Non ci si sveglia un giorno e ci si ritrova amici da 30 anni. Bisogna impegnarsi, più che in una relazione”. Io, che non mi sono mai impegnato in qualcosa che non fosse la carriera, non potevo certo capire le tue parole. Le capisco ora però, che a 40 anni ho solo amici di circostanza. Non sono riuscito a tenermi nessuno accanto, neanche mio fratello. Ci vediamo solo a Natale. Sua moglie mi tollera a malapena. Chi può biasimarla, tutto quello che tocco diventa cenere.

Voi invece siete ancora insieme, tutti quanti, dopo tutti questi anni, nonostante la vita, gli impegni, le diverse città di residenza. Qual è il vostro segreto Penny?. Ho immaginato che le persone del vostro gruppo che non conoscevo potessero essere i rispettivi fidanzati e compagne. Mi sono fermato a guardare bene e ho cercato di immaginare quale potesse essere il tuo. Magari lo conoscevi da poco e questa era la prima vacanza in gruppo, il primo grande test.

Ad un tratto cinque bambini sono arrivati correndo in mezzo a voi, due femmine e tre maschi, seguiti da un uomo con gli occhiali da sole. La più piccola - avrà avuto due anni al massimo - ti è corsa incontro. Tu le hai sorriso, ti sei chinata e hai spalancato le braccia. Mi si è gelato il sangue quando ho capito che quella era la tua bambina! Il pensiero che fossi diventata mamma non mi aveva mai sfiorato la mente. Eppure, eccoti lì, a pochi passi di distanza, che prendevi in braccio tua figlia. Poco dopo ho capito che l’uomo con gli occhiali da sole era suo padre; si è levato i Ray-Ban e la somiglianza tra i due è stata inequivocabile. Si è avvicinato e ti ha baciato, tu gli hai sorriso e vi siete messi in posa al grido di “foto ricordo”. Quando la tua mano ha cinto la sua vita ho notato la fede al dito.

Era fatta. Avevi una famiglia. Sono diventato un pezzo di ghiaccio, folle di gelosia.

Hanno chiamato il vostro volo e l’hostess di terra ha fatto passare il vostro gruppo per primo per via dei bambini. Ti ho vista scomparire nel tunnel che porta all’aereo, vestita della tua bellezza acqua e sapone e del tuo sorriso, seguita da tuo marito con la piccola in braccio.

L’ultima ad entrare è stata Carlotta, che prima di imbarcarsi mi ha rivolto un ultimo sguardo, ancora più tagliente, quasi per dirmi “ringrazia che non ti abbia visto! E ora sparisci!”. Dopo qualche minuto, anche l’ultimo passeggero è stato imbarcato e il gate è stato chiuso. Mi sono ritrovato di nuovo da solo. Come sempre.

Il mio volo era ancora in ritardo e ho cominciato a pensare a noi, a quando eravamo una coppia, a quando eravamo felici e a come abbia sputtanato tutto. Sono uno stronzo Penny. Lo sanno tutti. Quando ci siamo incontrati ero convinto di essere un dio. La mia carriera era in rapida ascesa, i soldi non mi mancavano, e le donne mi cadevano ai piedi per il motivo più vecchio del mondo: perché non potevano avermi.

Tutto ciò che desideravo diventava mio. Non era previsto che arrivasse qualcosa a inceppare questo meccanismo perfetto.

Poi, una sera, ti conobbi. Eri bellissima, solare, divertente. Ho cominciato a corteggiarti come un forsennato. Non capivo per quale motivo, ma non potevo non cercarti, non sentirti, non vederti. Appartenevamo a due mondi opposti: la brava ragazza di buona famiglia e il carrierista strafottente; non poteva funzionare. Invece a discapito di tutto e tutti ci perdemmo follemente, l’uno nell’altra. So che non mi credi, ma la nostra è stata la storia più importante della mia vita. Con te pensavo di aver scacciato i miei demoni. Il mio atteggiamento nei confronti del mondo non era cambiato, ero sempre il solito squalo che tutti conoscevano, ma con te ero diverso. Sapevi di che pasta fossi fatto, e nonostante tutto, mi amavi. Perché Penny, lo so che mi hai amato in maniera incondizionata. So che hai difeso il nostro amore da tutti quelli che ti dicevano “Chi nasce tondo non può morire quadrato, stai attenta”, e la tua risposta era sempre la stessa: “Voi non lo conoscete”.

Per un periodo ho sentito di aver trovato la donna della mia vita. Tutto ciò che credevo impossibile per uno come me stava inaspettatamente diventando realtà. Pensare di poter avere un futuro in coppia non mi spaventava più. Ho creduto di essere cambiato, ma la verità è che avevano ragione i tuoi amici. Non ero l’uomo per te, e i fatti te lo ha dimostrato. Io non sono l’uomo per nessuno, né per un amico, né per una donna. Ti amavo, ma non riuscivo ad andare contro me stesso: l’idillio era finito dopo appena due anni. Sono un uomo fatto di niente Penny, e le mie ombre avevano ripreso a inghiottirmi. Ti ho trascinato dentro al mio nulla. Ti ho fatto violenza psicologica scientemente. Ho pian piano minato la solarità del tuo carattere, le tue certezze, la tua felicità; ti ho iniettato sottopelle il mio demone più segreto e temuto: l’insicurezza. Ti ho trasformata in un mio replicante: piena di rabbia, di rancore, incapace di stare in mezzo alla gente. Nonostante tutto però non riuscivamo a lasciarci; io per vigliaccheria, tu perché continuavi a vedere la luce in fondo al tunnel, pensando che ce l’avresti fatta a risalire la china e a salvarci da me stesso. Avevi smesso di ridere. Non eri più tu, e io mi compiacevo con me stesso per essere riuscito a “plasmarti” a mia immagine e somiglianza. Ero un mostro.

La sera in cui mi hai lasciato sono tornato a casa e mi sono ubriacato. Per la felicità di essere di nuovo solo. Per la disperazione di esserlo di nuovo. “Un giorno smetterò di amarti, spero” sono state le tue ultime parole. Mi hai messo una mano sul petto, mi hai delicatamente spinto indietro e guardandomi negli occhi hai chiuso silenziosamente il portone di casa tua. E di colpo, in punta di piedi sei sparita dalla mia vita, così come ci eri entrata. Credevo saresti tornata da me strisciando di lì a poco; non l’hai fatto.

Mi sono spesso chiesto come sarebbero andate le cose non fossi stato l’uomo vuoto che ero e che sono destinato a rimanere. Magari ci sarei io ora con te, a far star buona nostra figlia su quell’aereo. Avrei potuto permetterti di rendermi un uomo migliore. Avrei potuto lasciare che la luce di cui sei fatta distruggesse una volta per tutte il buio della mia anima nera. Sono solo e senza significato Penny. Insieme a quel portone quella notte hai sbarrato anche la mia unica possibilità di avere una vita a colori.

Potrei avere degli amici di vecchia data ora, perché tu mi avresti insegnato il rispetto per gli altri. Potrei sapere cosa si prova quando uno di loro ti citofona e ti fa una sorpresa, così, solo perché passava di lì e aveva voglia di vederti. Potrei aver sentito il cuore esplodermi in petto nell’attesa di vederti arrivare in chiesa, per giurarti amore e devozione eterna di fronte a tutti. Potrei aver conosciuto la gioia di veder nascere nostra figlia. Invece sono qui, a distanza di anni, a fare ammenda per tutto il male che ti ho fatto.

Questo incontro è stata la mia punizione. Potevo salvarmi da questa vita in bianco e nero. Sarebbe bastato credere in te la metà di quanto tu credevi in me, e la vita oggi sarebbe un arcobaleno di emozioni, di amici sinceri e di noi. Merito di essere da solo. Merito la mestizia di questa vita che mi sono cercato.

Hai fatto la scelta giusta quella notte, mentre io commettevo il più grande errore della mia vita. Dovevo buttare giù il portone a calci e prometterti che sarei cambiato, per poi riuscirci.

Ma non l’ho fatto. Ti sei salvata. Hai scelto te stessa, hai scelto la luce.

Tutto questo per dirti “Grazie Penny” per avermi fatto assaporare per un minuto, senza saperlo, la meravigliosa semplicità della vita che avrei potuto avere, ma che scomparve quella notte insieme a te dietro al tuo portone.

Perdonami se puoi. Per tutto.

Ti rimpiango. Ti amo.

Sempre.
Leonardo

© Agnese Moretti



Recensioni ed articoli relativi a Agnese Moretti

Nessun record trovato

Testi di Agnese Moretti pubblicati su Progetto Babele

(1) Di luce e d'ombra di Agnese Moretti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2014-02-21
VISITE: 54


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali