Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [27/11/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L\'AMORE E\' scadenza 2021-11-30    PREMIO STORICO LETTERARIO METAUROS scadenza 2021-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
35 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il supremo principio
di Milos Fabbri
Pubblicato su PBSA2021


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 0
Media 0 %



I racconti di Progetto Babele

ASCOLI PICENO. Troppe volte quel giudice di pace si è dimostrato accondiscendente verso gli automobilisti multati per le violazioni al codice della strada. Troppe volte ha applicato sanzioni ridotte rispetto a quelle previste. E ora, Guglielmo Furfaro, giudice di pace prima in servizio a San Benedetto del Tronto, ora ad Ascoli Piceno, rischia il posto.

Sono le nove del mattino, il cielo finalmente si sta schiarendo. È piovuto tutta la notte. Davanti al grande portone di via Asiago n° 2 c'è già una piccola folla. Non sono più di quattro persone, ma ultimamente succede quasi quotidianamente. Da quando il nuovo giudice di pace si è insediato nel suo ufficio, si è subito sparsa la voce di come sia elastico nell'interpretare la legge.

Guglielmo Furfaro è stato spostato nella sede di Ascoli Piceno dopo essere stato colpevolizzato di non attenersi scrupolosamente alla legge. Nel comune di San Benedetto del Tronto aveva iniziato una campagna contro alcuni vigili, giudicati troppo agguerriti contro gli automobilisti che avevano bevuto anche solo pochi bicchieri. Per questo motivo ebbe una sanzione disciplinare e fu ricollocato.

Ma anche ora le cose non erano cambiate. Il giudice Guglielmo Furfaro interpretava la legge mettendoci molto del suo buon senso.

“Prego entri pure.”

La signora allungò un foglio e una busta al giudice. Insieme a lei era entrato anche il marito, un uomo piccolo e mal vestito, che rimase due passi alle spalle della moglie stringendo fra le mani il proprio cappello.

“In due sul motorino, senza revisione e senza assicurazione.” Alzò lo sguardo puntando gli occhi dritti su quelli della donna; non c'era accusa in quello sguardo.

“Che mi dice signora? Perché siete venuti qui? Non c'è molto da dire, o da fare.”

La signora si avvicinò di qualche passo e posò la mano sulla scrivania, si mise seduta sulla sedia che le stava a fianco ed avvicinò il volto all'uomo.

“Ma come pensa che possiamo pagare 1300 euro di multa secondo lei? Se non abbiamo fatto l'assicurazione un motivo ci sarà non crede? Guardi mio marito...” e si voltò indicandolo con lo sguardo, “... non lavora, è da due mesi che mi sta fra i piedi senza fare nulla. Di lavoro mio caro non ce n'è. Abbiamo due figli, ma anche loro faticano a campare cosa vuole lei, che ci aiutino a noi? Ma lo sa che mi tocca pure guidarlo a me il motorino? Quello è un incapace, ma cosa vuole... è più di vent'anni che siamo sposati”.

Il giudice tolse lo sguardo dal marito e tornò a guardare la moglie.

“La capisco signora, questi non sono certo tempi buoni.” Prese dei fogli su cui scrisse qualcosa e poi si alzò in piedi allungando la mano per salutarla.

“Andate pure, ma mi raccomando cercate di fare la revisione e l'assicurazione. Per la contravvenzione è tutto a posto, buona giornata.”

La persona che entrò dopo di loro era un giovane trentacinquenne, che a dir dalla documentazione che portava con sé, era passato col rosso a un semaforo.

“Per caso lei ha qualche problema di vista?”

“No, ma ho qualche problema con mia moglie.

Stavo al lavoro quel giorno quando mi chiama e inizia a insultarmi: “Sei uno stronzo, ci provi con tutte, anche con le mie amiche, ma come cazzo ho fatto a trovare uno come te...” Strillava signor giudice, lei ha presente una donna quando strilla? Non avevo capito nemmeno di cosa parlasse. Le assicuro signor giudice, se vuole lo metta agli atti...” Venne interrotto dall'uomo che gli stava di fronte, il quale gli chiarì che non si trovavano in un tribunale e non doveva testimoniare nulla, ma quello continuò.

“Giuro non ho mai tradito mia moglie, e perché dovrei? È una bellissima donna e sa... è anche molto brava a letto...”

Il giudice lo interruppe un'altra volta dicendogli che non avevano importanza le prestazioni sessuali della moglie.

“Ha ragione, mi scusi. Comunque, mentre parlavo al telefono capii di cosa si trattava. Aveva letto una e-mail che avevo mandato a una amica, nulla di intimo o compromettente glie l'assicuro. Ma lei ha dato di matto, così sono dovuto correre a casa. Sa, noi abbiamo una bambina piccola, mi sono preoccupato.”

Il giudice sospirò, fece un sorriso quasi impercettibile e salutò il ragazzo dicendogli di stare più attento la prossima volta. Lui non capì se si riferisse alla guida o alle e-mail, comunque lo salutò felice di non dover pagare nessuna multa.

Il giudice stava sistemando la scrivania, fra poco sarebbe tornato a casa. Fece accomodare l'ultimo cittadino della giornata. L'uomo che entrò portava con sé un contenitore di cartone da bottiglie, ne conteneva tre.

“Buon giorno signor giudice di pace.”

“Buon giorno a lei, desidera?”

L'uomo appoggiò la scatola a terra e disse al giudice che gli era stata ritirata la patente perché era stato fermato e aveva il tasso alcolico al di sopra della soglia consentita.

“Ma a lei pare giusto signor giudice di pace? Me ne stavo tornando a casa con la mia famiglia e mi ferma una pattuglia. Dopo avermi chiesto la patente e il libretto mi fa scendere dall'auto per farmi fare la prova del palloncino. Mi vogliono infilare un tubo in bocca per poi farmici soffiare. Pensi che umiliazione con i miei figli. Questo è un paese irrispettoso, mi consenta di dirlo signor giudice di pace.”

Il giudice Guglielmo Furfaro capiva bene quell'uomo.

“Guardi” gli disse “comprendo il suo stato d'animo, il veicolo le serve assolutamente per lavorare, giusto?” e guardò l'uomo.

“Giusto! signor giudice di pace.”

“O.K può andare, le riconsegneranno la patente.”

L'uomo fece per uscire ma si arrestò e tornò verso la scrivania posandoci sopra il contenitore con le bottiglie del vino.

“Queste sono per lei. Alla salute.”

Alle dieci del mattino il sole è pienamente uscito dalle ultime nuvole. Le persone che affollavano l'entrata del municipio sono ancora tutte lì. Oggi il giudice non è arrivato, e non arriverà nemmeno nei giorni seguenti.

Mentre i cittadini multati attendono il suo arrivo, lui è con la moglie a passeggiare in spiaggia. Guglielmo tiene la mano della moglie fra la sua.

“Come mai non sei andato al lavoro oggi, caro?”

“Perché mi hanno licenziato.”

© Milos Fabbri



Recensioni ed articoli relativi a Milos Fabbri

Nessun record trovato

Testi di Milos Fabbri pubblicati su Progetto Babele

(1) Il supremo principio di Milos Fabbri - RACCONTO
(2) Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2014-09-04
VISITE: 26


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali