Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Clandestini
di Monika Madrigali
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 568
Media 79.42 %



Sfuggire all’orrore attraverso altri orrori.
Sfuggire alla morte attraverso una successione di piccole morti.
Destini tragici di coloro che non hanno altra speranza se non una morte in sospeso di fronte ad una morte sicura .

Senza nome, solo un viso e un corpo che lottano contro tutto e tutti. Identità per sempre negate dal denaro pagato per inseguire un miraggio di sopravvivenza.
Uomini, donne, bambini dall’esistenza radiata da ogni possibile; uomini, donne, bambini dalla pelle nera o bronzea, dallo sguardo vuoto e ugualmente assente.

Dove risiede la speranza allorché tutto si disgrega?

C’è notte dappertutto, sopra nel cielo di cui non si guardano più né stelle né sole; sotto, dove la violenza delle acque scuote le viscere e l’anima; intorno quando l’orizzonte si chiude su un’immagine di se-stessi moltiplicata all’infinito dal dolore e la disperazione.
Esiste solo quelle che si pensava non dover mai vivere.
Amedh, Leïla, Khaled, chi altro ancora…nella lunga marcia?
Uniti dallo sradicamento. Bisogna pure strapparsi da un luogo- villaggio, tribù, famiglia- rinnegarne lingua e cultura, bisogna pure. Estirpare da sé ciò che poteva essere gioia e amore visto che tutto si era trasformato in odio, violenza e maledizione.
Uniti nell’assillo: cercare/trovare il denaro, cercare /trovare la filiera, cercare/trovare la forza al di là di ogni possibile limite.
Uniti nella paura. Paura, unico sentimento che si è ancora in grado di provare; il motore ultimo, prima e durante, in quanto al dopo- si spera in una paura più dolce-, la sua completa scomparsa risulterebbe un miracolo. Paura nella fame, la sete, nel rollio incessante delle onde, negli schiaffi del vento; paura nella violenza delle mani, delle bocche e dei sessi. La paura, nella sua più crudele estensione.

Partenza

 Non guardare dietro di sé, soprattutto non attaccarsi ad una forma, una voce, un profumo, non portare con sé nemmeno un granello di sabbia di ciò che si abbandona, e meno che mai dei ricordi. E’ il prezzo da pagare per rendere possibile la partenza e anestetizzare quel momento di insostenibile dolore. Una volta lontani, molto lontani, forse il dolore potrà riemerge, se ancora esiste la forza di provarlo.

La lunga marcia

Non pensare al sole plumbeo che strazia gli occhi, che intorpidisce gli arti, fa sanguinare i piedi; non pensare alle labbra screpolate, ad una pelle soffocata da sudore e sabbia; non pensare che all’orizzonte non possa esistere una fonte d’acqua e una qualche sembianza di cibo; non pensare agli sguardi lascivi, arroganti, in tutti i modi minacciosi. Non pensare affatto in questa lunga marcia forzata.

Il mare

E’ da un singolare odore che si percepisce il mare, prima ancora di vederne la riva. Un profumo umido dopo la sterilità secca dei deserti di sabbia o roccia. Il mare- per tanti- mai visto. Il mare e quello che c’è oltre. L’oltre, per alcuni, ormai non più raggiungibile.

Barca, la barca. Solo un qualcosa di ancora galleggiante, puzzolente, dondolante in precario equilibrio come se volesse già affondare. Barca che non ha niente di un buon presagio.

La traversata

E la marcia continua, marcia galleggiante che non offre più la presa di un terreno solido, marcia galleggiante di cui non si può avere il controllo. Sensazione di estrema instabilità esistenziale: cosa si diventa di fronte all’orizzonte ? Nel corso della navigazione, paradossalmente, si intensifica l’angoscia: non vi è qui via di fuga, la liquidità e il pericolo costante tolgono forza e coraggio - il terrore regna, da despote, nel silenzio delle voci, nell’immobilità statuaria dei corpi. Il silenzio delle voci, poche volte infranto solo da sommessi singhiozzi isolati o da grida brevi di disperazione. La barca della morte in sopeso, un huis-closa metà tra la vita e la morte, tra forza e sfinimento, un huis-clos oscuro, maleodorante – insopportabile ma per forza di cose sopportato. La violenza che, fino all’ultimo, non risparmia coloro che volevano sfuggirvi. Lo sgomento acuisce i sensi dei traghettatori infernali mentre si accaniscono su esseri che sembrano non avere più niente da perdere, esseri che hanno già- da tempo- dimenticato se-stessi. Cos’altro potranno togliere loro?

Quando ancora, in un ultimo slancio di dignità ritrovata, nella tregua momentanea concessa dal mare o dagli uomini, si riesce a sollevare il volto, si guarda davanti a sé. Davanti a sé, una linea scura sottile, fragile, si guarda come naufraghi di un terribile viaggio. –Terra-.

© Monika Madrigali



Recensioni ed articoli relativi a Monika Madrigali

Nessun record trovato

Testi di Monika Madrigali pubblicati su Progetto Babele

(1) Clandestini di Monika Madrigali - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2014-10-22
VISITE: 846


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.