Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [04/12/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La valigia
di Monika Madrigali
Pubblicato su PBSA2021


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 0
Media 0 %



I racconti di Progetto Babele

Ho inseguito con lo sguardo quell’ombra dal portamento incerto, infagottata in un’assurda sovrapposizione di vesti, senz’altro incapaci di procurare un vero calore, ho osservato le scarpe scalcagnate e sporche: fango, polvere e anche troppo grandi tanto da capire la ragione di quella singolare andatura – quasi danzante -. Poi, ho notato le borse di carta, plastica o tela, quelle borse stracolme che scivolano dalle mani quando il freddo ne irrigidisce le articolazioni.

Ed ho intuito, in questo particolare, la difficoltà di esistere quando il sole non è mai abbastanza caldo. Ho seguito per un istante quest’uomo tanto simile a centinaia di altri e ho sentito nascere la curiosità di vedere il suo viso; così affrettando il mio passo mi sono ritrovata vicina a lui, abbastanza vicina da poter incontrare un viso anonimo, senza altre caratteristiche di quelle che mi aspettavo: pelle scura, segnata, occhi e capelli neri e quello sguardo senza gioia che si sforza di convincere quando insiste:

“Signora, compra! Compra Signora, bella roba…”.

E solo quando la “mia ombra” ci prova anche con me, ho scoperto la sua bocca con le labbra carnose e i denti sciupati, gialli, striati da solchi più scuri, quei denti simili in tutti i visi degli immigrati del Magrheb, quei denti che ricordano il “paese”, che rimandano come un segno distintivo ai campi di canapa indiana, alle pipe di kief, al sole dell’Africa.

Cammina una folla variopinta, quella dei giorni di festa, spinta da un movimento discontinuo ma insieme monotono: qualche passo, una sosta, qualche passo ancora fino alla prossima fermata di fronte a un negozio o una bancarella; loro gli immigrati non sembrano subire lo stesso ritmo, loro sembrano averne uno proprio, regolare, rapido ma senza fretta, a volte barcollante quando la nostalgia di casa stringe forte la gola. Così non fanno nemmeno finta di fermarsi dove si fermano tutti, come se i loro interessi, in nessun modo, potessero coincidere con quelli degli altri.

E questo lo avevo già notato in Francia, in occasione delle feste; ho visto quegli occhi che niente poteva attrarre, né gli addobbi nelle vetrine per bambini né le cataste di cibo tradizionale messe in mostra per la cupidigia generale, ho visto quegli occhi fermarsi soltanto davanti alle valigie.

Ho visto tanti di loro avvicinarsi a queste valigie, soppesarle, girarle e rigirarle, esaminandone chiusure, angoli, cinghie e manici con l’occhio inquisitore di chi volesse nascondervi un tesoro.

E poi in seguito, a esame superato, mercanteggiandone il prezzo – come si fa nei souk dei loro paesi, tiravano fuori una manciata di banconote di piccolo taglio, sgualcite, acquistavano il loro tesoro e partivano quasi contenti con la loro valigia di finta pelle penzolante al braccio – vuota ancora-.

E ho immaginato come poi riempissero quelle valigie, dopo aver frugato nei mercatini dell’usato, dopo aver esplorato i banchi a buon mercato o aver ripulito la soffitta di qualche casa dimenticata. Li ho immaginati riempirle di vestiti, quasi stracci o fuori moda, con qualche giocatolo sverniciato da mandare ai bambini “laggiù” per un Natale che non ha nessun significato sotto il sole dell’Africa.

Eppure, la valigia attraversa il Mediterraneo e arriva a destinazione, stracolma, ricca di sogni e di sacrifici per officiare alla festa del ritrovarsi a distanza. Cosi la valigia diventa mitica, si avvinghia all’emigrato africano come un’ombra che non lo lascia mai, perché anche quando non la compra, anche quando non gli penzola in mano, ce l’ha nella testa e nel cuore e la riempie non con doni o giocattoli o sogni di Natale ma, nonostante tutto quello che subisce, sopporta, di colpo si trasforma in ricchezza, in presenza e amore fino a svuotarlo di se stesso.

E così sempre altrove, solo, esiliato e triste è perfettamente riconoscibile per la particolare identità che si conferisce: la disperazione negli occhi ma un vago sorriso sulle labbra per continuare a vivere.

Per questo, da me può salire un sorriso dal cuore per quella disperazione che capisco, un sorriso che vorrei tanto raggiante quanto il sole che manca, quanto il soffio caldo del deserto che non giunge fin qua, quanto lo sguardo di un bambino assente. Un sorriso per loro, di tenerezza momentanea e fugace che a poco a poco però svanirà per lasciar posto ad un’unica visione di freddo, di vuoto, di solitudine che stringe forte il cuore perché non sembra decidersi ad andarsene mai.

Lucca, Natale…

© Monika Madrigali



Recensioni ed articoli relativi a Monika Madrigali

Nessun record trovato

Testi di Monika Madrigali pubblicati su Progetto Babele

(1) La valigia di Monika Madrigali - RACCONTO
(2) Clandestini di Monika Madrigali - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2015-01-02
VISITE: 60


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali