Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino     Ore 04.50 Giorno Primo di Consolato Mercuri     Ore 04.50 - Giorno terzo di Consolato Mercuri     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Complicazioni di corrispondenze interiori.
di Alessio Mosca
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2
Media 75 %



I riflettori dai vetri variopinti proiettavano i fasci luminosi che facevano assumere alla cute di tutti gli individui accalcati in quella fosca bettola i propri colori smaglianti. Così nella sala si alternavano ciclicamente uomini dai visi blu, rossi, gialli e verdi mentre, da invisibili meccanismi nascosti chissà dove nei pertugi del soffitto, sbuffavano fumose svapate di vapore bianco che, ottundendo i sensi e penetrando densamente nei polmoni, circondavano i ballerini dalle pelli vivaci di una diabolica nebbia come quella che si potrebbe immaginare attorniare Lucifero nelle sue apparizioni terrene.

Per quanto il volume fosse alto, le note si smarrivano nell’etere costrette a cedere spazio alle potenti e prepotenti vibrazioni che, pulsando dai grossi cassettoni neri, facevano tremare gli organi interni di una lenta e grave peristalsi tecno.

Un giovane perso dentro al bicchiere di plastica trasparente che teneva in mano, era l’emblema di un paradosso Escheriano, un uomo perduto all’interno di un oggetto mantenuto proprio da sé stesso, ed era perso ad osservare le tondeggianti onde tremolanti che, per via di quel luogo popolato da maniaci dei bassi, venivano originate in un imprecisato epicentro smarrito nel diametro del bicchiere.

Alzò un istante lo sguardo e si rese conto di essere voracemente osservato: una fanciulla  lo fissava dalla parta opposta della stanza.                                                                                                  Le labbra di lei, incerte tra l’essere lustre dal lucidalabbra e il bagnate dall’alcool e dall’erotica bava da eccitazione che regolarmente veniva spalmata dalla pingue lingua a metà tra il rosa e il verdognolo che in maniera incontrollabile le doveva lisciare ogni mezzo minuto, erano protruse in avanti e mosse lievemente a piccoli scatti per dare l’apparenza di essere più traboccanti di carne di quanto in realtà fossero e per seguire un astruso canone di sensualità becera. Questi movimenti della bocca erano accompagnati da una finissima coordinazione tra occhi e collo, quest’ultimo teso e stirato verso l’alto doveva accogliere il mento che premeva forte sotto l’ugola mentre le palpebre, oltremodo appesantite dal trucco, venivano leggermente socchiuse per permettere allo sguardo intensissimo di essere più concentrato e di esplodere in tutta la sua potenza ricolma di desiderio.

Il giovane, perduto l’interesse per liquidi e vibrazioni, sentiva il peso del cipiglio altrui che gli schiacciava la lavanda camicia al petto e, a sua volta, il petto al cuore che, pulsando come il mantice di un fabbro primitivo, gli inebetiva l’espressione e lasciava che dal bicchiere leggermente inclinato colasse la turchese bevanda alcolica, zuppandogli la francesina scamosciata senza che questi se ne rendesse minimamente conto.

La donna si diresse, quasi che potremmo dire che si avventò dall’alto dei suoi trampoli aguzzi, verso il ragazzo. I fianchi stretti ondeggiavano talmente che ad ogni passo il piede oltrepassava la linea della spalla opposta di quasi un metro esibendosi in un scientifico barcollamento saldo e sensuale, di una tale difficoltà e accuratezza che probabilmente presupponeva un intenso calcolo che doveva tener cono sia dello spazio che la separava dell’obbiettivo e sia dell’ampiezza di ogni singola falcata per far sì che l’ultimo passo la portasse perfettamente davanti al volto del giovane.

La bocca di lei continuava a sussultare mentre stavolta il mento si distaccava progressivamente dalla laringe e la sua bocca si avvicinava peccaminosamente alle fauci socchiuse nella tonta espressione dell’altro.

Le lingue si attorcigliarono come flaccide e appiccicose strisce di ciccia in salamoia mosse da spasmi parossistici, i palmi bagnaticci del ragazzo affondavano nelle levigate gote dell’altra impiastricciando il sudore allo spesso strato di fondotinta mentre la punte delle sue dita scomparivano nei sintetici capelli come una in una parrucca di fascette di serraggio.

“Grazie” pensò il giovane “Non so chi tu sia, da dove tu venga, quale sia la tua storia o il tuo nome ma grazie, grazie per essere qui ora, grazie per avermi notato, per aver intravisto qualcosa di più di un goffo insicuro, per esserti soffermata più sui ritti capelli lucidi dall’unto della gelatina che sulla gobba del mio naso che domina le mastodontiche narici che, rivelando l’interno delle mie cavità, mi nutrono di ossigeno. Per aver percepito del fascino nel mio sguardo riservato che per esaltarlo tante ore di  lavoro con specchio e pinzette mi è costato, grazie perché avresti potuto scegliere uno dei tanti  ammaliatori che pullulano intorno a te piuttosto che notare che dietro alla mia incapacità di divertirmi in questo luogo -dove svagarsi pare d’obbligo- si nasconde una sensibilità ed una pacatezza nei gesti che però in altri momenti sanno sorridere, grazie perché cogli la mia timidezza e percepisci che anche se sono qui in disparte e non ballo ho dedicato tanto tempo a scegliere la camicia giusta, la più costosa che il mio portafogli potesse permettersi, la più vistosa che la mia indole schiva potesse sopportare. Grazie per non trovare nei mie chili di troppo la bruttezza ma una presenza imponente, sicurezza e accoglienza, per non vedere i pettorali cascanti ma le mie spalle larghe e poderose. Grazie a te, incantevole creatura, che nonostante non abbia che l’imbarazzo della scelta davanti a questo stuolo di corteggiatori che si prostra ai tuoi piedi, tu sia venuta qui a donarmi la speranza che anche per me possa esistere la felicità, che non tutto è perduto, a ricordarmi che le donne rispetto agli uomini sono belle perché per loro le leggi dell’estetica e dell’attrazione seguono criteri imprevedibili e sregolati, possono vedere armonia dove chiunque avrebbe visto solo un qualcosa di sgraziato.   Questo gli suggeriva lo spirito ma se l’uno parlava forse in modo ermetico e troppo solenne l’altro recepiva filtrato e semplificato dalla grossolanità della propria coclea interna e, staccatosi dal quel vorticoso bacio, la guardò negli occhi e non seppe che tradurre la poesia della sua anima con un: “Maronn’ quant’sì bona!” e si fiondò nuovamente in quell’umido groviglio di lingue.                                

La ragazza avvampò al suono di tali ardenti parole come carezzata da una dozzina di dita esperte e affondò ancor più vigorosamente nella rima altrui mentre le mani gagliarde si immergevano dentro la biancheria del giovane e le dita, munite di lunghissime unghie smaltate, gli carezzavano la pelle soffice e fresca delle natiche ricalcando con le punte delle invisibili venature come contorni di un immaginifico disegno.                                                          

Il giovane dal suo canto, incoraggiato da quello spirito d’iniziativa ed infoiato come non mai, si spostava affamato lungo i neri leggins di pelle che, come un secondo tegumento, gli permettevano di saggiare il sedere alto e sodo aggrappandosi ad esso come ad un sicuro appiglio nel turbine delle danze sfrenate che attorno a loro infiammavano. A questo punto la sua mano si fece sempre più audace e si inerpicò in zone ben più ardite, scavallando una coscia e salendo verso l’origine di questa e dell’altra pure, nel loro punto di congiunzione, dove la carne si fa mistero ma in questo caso un arcano ancora più grande si rivelava al suo tocco. Una massa molle era sottesa alla mano del giovane, provò a seguirla tentoni per poi avvertire una massa dura che saliva leggermente aderente al pube per arrivare fino all’inguine sinistro. Poteva essere? Effettivamente sentiva la possanza di quelle mani mentre gli stringevano il fondoschiena e il dubbio lo attanagliò, chissà se magari il mento schiacciato sul collo più che un’espressione  sensuale voleva celare un pomo d’Adamo troppo prominente. Per un attimo il giovane scostò la mano e ritrasse la testa e un brivido di disgusto lo percorse per poi disegnarsi sul suo volto e nuovamente lo spirito provò a parlargli. “Ma cos’è in fondo un corpo” gli sussurrava “O un appendice in più o in meno rispetto a un cuore? Quest’uomo mi ha fatto sentire più virile di qualsiasi altro essere femminile abbia mai incontrato nella mia vita e questo fa di lui una meravigliosa donna. La mia gratitudine perde forse valore ora? Sono forse meno apprezzato? Cambia ciò che quell’essere ha visto in me o la grazia che io ho visto nei suoi lineamenti?  La sua bellezza è rimasta immutata anzi, se possibile, è addirittura accresciuta, potente dell’imperfezione che è propria della bellezza e di quel fascino misterioso di commutazione fra due elementi opposti che sono separati per le rigide leggi che la natura impone, come l’incanto delle vaporose esalazioni dell’acqua quando incontrano un fuoco rovente”.

Ma ahimè le difficoltà di comunicazione persistevano e nonostante le intense parole il ragazzo fra sé e sé si disse: “Pure se è omm’ me rest’ancor rizzat’, ma lo sai che te dico, chi se ne fott’!” e facendo finta di nulla la cinse col braccio intorno alla vita mentre portava l’altra mano attorno alla nuca, sotto ai capelli, e la lasciò scivolare fra le sue braccia mentre le due bocche unite in un solo corpo respiravano di un unico fiato. 

 

 

 

 

© Alessio Mosca



Recensioni ed articoli relativi a Alessio Mosca

Nessun record trovato

Testi di Alessio Mosca pubblicati su Progetto Babele

(1) Complicazioni di corrispondenze interiori. di Alessio Mosca - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2015-01-09
VISITE: 41


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.