Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [24/10/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Un sorso di vita
di Giulia Calfapietro
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 304
Media 78.98 %



Io sono la morte!

Lo so, lo so, leggo lo stupore nei vostri sguardi. Vi state domandando: dovremmo stare qui a parlare di vita e, allora, cosa c’entra la morte? Di certo vi aspettavate che qui su questo palcoscenico  giungesse una giovane donna con i fiori tra i capelli o, forse, un gruppo di bambini sorridenti che, tenendosi per mano, accennassero un girotondo. E sì, perchè se pensiamo alla vita, pensiamo alla leggerezza, alla spensieratezza, e le tinte della nostra immaginazione divengono tenui, tendono all’indaco, al rosa, all’azzurro, al bianco...

La vita è due che si amano, è acqua di fonte che sgorga limpida e prepotente; la vita è la conquista di una nuova vetta, è un’ anima che nasce e braccia che la stringono; la vita è il mare al tramonto, un lento ballato guancia a guancia, è una voce serena che legge una fiaba.

No, signori, vi sbagliate! Questa è l’immagine ideale di quella che chiamiamo vita. Quello che i genitori desiderano per i propri figli quando sono ancora piccoli, quello che grandi scrittori sono riusciti a descrivere nelle loro opere con esperta maestria per invitarci a percorrere la strada, per proteggere gli esseri umani da qualsiasi timore o incertezza, per convincerli che sono fortunati ad essere qui.

Io conosco un’altra vita!

Ne incontro gli ultimi brandelli fra i letti d’ospedale, sui campi di battaglia, negli ospizi, sui barconi degli immigrati, nei campi profughi, fra gli ultimi che vivono in strada. Sono scampoli di esistenza che puzzano di abbandono, di solitudine, di povertà, di malattia, di stanchezza, di sofferenza.....

Mi avvicino piano, senza far rumore e resto in attesa dell’ultimo gesto, parola o respiro prima di catturare la scena. Voi penserete che, in situazioni come queste, il mio arrivo sia una benedizione per coloro che stanno per lasciare questo mondo e, insieme,  per coloro che li lasciano andare. Io sono la quiete, il biglietto di sola andata per una condizione di sicuro migliore e il desiderio di me, spesso, appare chiaro e indiscutibile.

Sono pronto a stupirvi! Nessuno, vi dico nessuno, seppure solo, malato, sofferente, povero, è davvero pronto a lasciare questa vita. Al contrario è proprio nel momento del distacco che ognuno riscopre la forza per afferrare, a pugni stretti, le sbarre della pesante cancellata di ferro che divide questo universo da un dove sconosciuto ed impedire che il nulla lo risucchi.

Ogni ulteriore sorso di vita diviene un oceano immenso di ricordi, emozioni, sogni, nel quale ogni uomo sarebbe disposto ad affogare. E i pensieri si affollano, disordinati, e io riesco a percepirli e comprenderli meglio che se fossero parole.

Il malato terminale fra le lenzuola bianche si aggrappa agli affetti più cari e ripercorre, in uno scorrere che non può essere segnato su nessun orologio, il tempo oramai alle spalle: i propositi che resteranno tali, i progetti realizzati, gli affetti e gli incontri di anime.

La vittima di guerra ferita dal proiettile di un mortaio si accascia al suolo, fra gli scheletri spettrali delle costruzioni  che riempiono la scena e fanno da contorno, chiude gli occhi e, fra le lacrime, prega che non sia finita. Solo un attimo in più basterebbe per portare con sé l’istantanea di una strada nella quale ha giocato da bambino, di una panchina sulla quale ha scoperto il primo amore, di un portone che ha chiuso tante volte, cercando di lasciare fuori il mondo.

Guardate! Guardate questa scatola di latta!

Vi ripongo quello che ancora pulsa nell’animo di un uomo quando, per svolgere il mio compito, lo avvolgo nel mantello della notte eterna e lo porto via con me. Soffi, sospiri, respiri, battiti di ciglia, accennati movimenti delle labbra, abbandoni...... sorsi di vita dal valore immenso, inestimabile.

Una volta, curioso quale sono, in un pomeriggio freddo di un inverno ancor più freddo, nella solitudine della mia dimora, per qualche secondo, ho aperto la scatola di latta. Che grande rammarico non avere mai vissuto. Cosa avrei dato, io, per un soffio, un sospiro, un battito.....

Ma nulla nella scatola è mio, nulla mi appartiene. Sono il semplice custode di un tesoro, unico e troppo prezioso per poter avere un prezzo. Sono il testimone di un miracolo: muoiono gli uomini, ma non la vita che li pervade tutti. Si trasforma, si dilata, si ripiega in sorsi di esistenza, ma resta vita dalla quale nasce nuova vita.

© Giulia Calfapietro



Recensioni ed articoli relativi a Giulia Calfapietro

Nessun record trovato

Testi di Giulia Calfapietro pubblicati su Progetto Babele

(1) Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro - POESIA
(2) Angelo invisibile di Giulia Calfapietro - POESIA
(3) Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro - POESIA
(4) Prima di me di Giulia Calfapietro - RACCONTO
(5) Un sorso di vita di Giulia Calfapietro - RACCONTO
(6) L’ombra di me di Giulia Calfapietro - POESIA
(7) In Paradiso c’è di Giulia Calfapietro - POESIA
(8) Mio Padre di Giulia Calfapietro - POESIA
(9) Sono solo una penna di Giulia Calfapietro - RACCONTO
(10) Ipotesi di un epilogo di Giulia Calfapietro - POESIA
(11) La resa di un amore di Giulia Calfapietro - POESIA
(12) Con tanto amore dentro di Giulia Calfapietro - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2019-04-14
VISITE: 1532


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali