Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [02/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Lettera dall’ALTO
di Maria Mangiarotti
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 58
Media 78.79 %



I racconti di Progetto Babele

All’attenzione del Reverendo Don Ernesto
Parrocchia del Divino Amore
5 MAGGIO 2...9

Reverendo Don Ernesto F. nonché nostro figliolo amatissimo,
sappiamo che non ti meraviglierà né stupirà l’arrivo di questa missiva. Sei dei nostri e quindi sai come comunichiamo tra noi.
Abbiamo informato tempo fa tutti i nostri confratelli dell’attivazione del sevizio COSEFU (Controllo Servizi Funebri) che ha il compito di monitorare ogni messa funebre e stilare poi un report per offrire consigli e suggerimenti affinché sia rispettato il diritto alle onoranze del defunto e il diritto dell’officiante a celebrare secondo le norme esequiali del nostro credo.
Ci addolora vedere il faticoso impegno di tanti sacerdoti che si trovano a correre da un funerale all’altro per mancanza di colleghi disponibili, con il risultato che il rito è spesso frettoloso e ripetitivo. Ci preoccupa il registrare nei partecipanti alle esequie disattenzione, noia, incapacità di ricordare le preghiere più comuni che si devono ad un morto.
Il Nostro quotidiano impegno sono per una conversione delle anime di quegli uomini e di quelle donne che vivono il momento della dipartita di un loro caro senza più quel rispetto che la morte merita.
D’altro canto, proprio perché dobbiamo essere noi i primi a non peccare di presunzione ,è necessario con sincerità mettere a fuoco dove, come e quando anche i confratelli possono essere in difetto.
I mezzi di cui da sempre disponiamo ci hanno permesso di seguire in tempo reale le esequie del signor L.V. di oggi 4 maggio 2….9. I nostri esperti sono già in grado di offrirti un quadro abbastanza completo da cui partire per eventuali osservazioni, riflessioni personali e miglioramenti.
Il funerale si è svolto , purtroppo ,alla presenza di un numero esiguo di partecipanti: pochi parenti, alcuni amici e vicini di casa.
La moglie molto provata, come era naturale che fosse, non ha versato una lacrima e ha mantenuto una mimica facciale raggelante. E per empatia nessuno ha mostrato particolare commozione .
Non è stato facile per te, caro don Ernesto officiare in un contesto così poco coinvolgente, neppure la parte da te cantata, che è stata molto apprezzata dai nostri consulenti musicali, ha sciolto i cuori
Non c’era neppure un chierichetto: lode a quella anziana signora che ti ha assistito nella celebrazione e dondolando il turibolo dell’incenso ha permesso il levarsi delle volute di fumo profumato. Misurate le tue parole in ricordo del defunto: hai rispettato il principio che solo Dio può giudicare e di fronte alla morte si impone il silenzio.
Hai fatto bene a non esagerare con espressioni di lode; non conoscendo bene chi è nella bara si può eccedere in elogi spesso irritanti per i presenti che invece sanno dell’estinto cose che tu ignori.
Ma, come tu ben sai, Noi possiamo ascoltare anche i pensieri dei presenti e questa nostra facoltà ci permette di scoprire emozioni, pensieri, riflessioni inaspettati e illuminanti. Ciò Ci aiuta a capire dove e come a volte si cade in errore.
Siamo dunque pervenuti alla decisione di suggerirti l’opportunità di modulare il tuo modus operandi o meglio quel protocollo che segui con assertività e convinzione quando celebri messe funebri.
Di questi tempi, ai funerali i presenti sono per lo più appartenenti alla fascia della Terza Età : questo spiega il loro comportamento, sembrano assenti con il pensiero, ma invece il loro cervello elabora immagini ben precise: quelle del loro funerale! Alcuni tacciono perché non c’è nessuno seduto accanto , altri parlano non perché poco rispettosi della circostanza e del luogo o di te ,sacerdote, ma perché in questo modo esorcizzano il pensiero della Morte che vedono non poi così lontana.
E della morte si ha paura, sempre. Non dimenticarlo mai.
Tu, caro don Ernesto hai redarguito in modo deciso due signore che nelle ultime file, ma visibilissime perché la chiesa era mezza vuota, stavano scambiandosi delle osservazioni e si sono lasciate scappare anche un sorriso. E’ tuo dovere ricordare la sacralità del luogo e la specificità del momento, ma forse a volte l’apparenza inganna. La signora che ha innescato la tua reazione certo avrebbe potuto tacere, ma le era venuta spontanea un’osservazione : “ Mi piacerebbe che al mio funerale si recitasse una preghiera per la morte che appartenga anche ad altre religioni”.
L’amica vicina non aveva sentito bene e ha chiesto che le parole venissero ripetute. Una volta compreso il significato, che in fondo, era un omaggio all’ecumenismo in cui Noi crediamo profondamente , il sorriso è stata una semplice conclusione.
L’atmosfera già freddina a causa della scarsa empatia con i parenti del caro estinto si è raffreddata ulteriormente con il tuo rimprovero. Forse un pizzico di tolleranza nei confronti di umanissime reazioni aiuterebbe ad avvicinare di più i fedeli al sacerdote non a Dio, anche perché chi frequenta la casa del Signore DIO lo ama e lo prega davvero. Sono finiti i tempi in cui si frequentava la Chiesa anche se i preti facevano della severità e della rigida osservazione delle norme canoniche un loro punto di forza. Oggi se il prete non piace o si va in un’altra chiesa o in chiesa non ci va proprio!
Anche il sentirsi sempre esortati e sollecitati a comportamenti o pratiche religiose per chi ha DIO nel cuore può suscitare una certa irritazione: hai invitato più volte i presenti a frequentare con più assiduità i cimiteri per pregare i loro morti . E hai paragonato i cimiteri di oggi a “discariche”.
Ci permettiamo di osservare che forse c’è stato un eccesso di zelo da parte tua, anche se in totale buona fede. Ciascuno può pregare i propri defunti ovunque e in qualsiasi momento.
Siamo stati autorizzati daL Nostro Responsabile Supremo a inviarti una preghiera a cui l’ ALTO COMMISSARIATO PER L’ECUMENISMO assegna universale validità:
“Non restare a piangere sulla mia tomba.
Non sono lì, non dormo.
Sono mille venti che soffiano.
Sono la scintilla diamante sulla neve.
Sono la luce del sole sul grano maturo.
Sono la pioggerellina d’autunno.
Quando ti svegli nella quiete del mattino…
Sono le stelle che brillano la notte.
Non restare a piangere sulla mia tomba.
Non sono lì, non dormo.
(Canto Navajo)
La faccenda dei cimiteri discariche, però, non l’abbiamo capita! Anzi a giudicare da certi cimiteri ci sarebbe da pensare che molti trattino i loro cari meglio da morti che da vivi. E comunque , te lo assicuriamo , poiché qui sappiamo e vediamo tutto, dei presenti a quel funerale non ce ne è uno che non vada al cimitero almeno una volta alla settimana a pregare per i genitori o gli amici defunti e non porti loro un fiore.
Un ultimo consiglio, caro fratello: puoi sorridere anche durante un funerale senza timore di peccare o di far rivoltare nella tomba i Padri della Santa Inquisizione.
Marco Aurelio, grande uomo, che noi rispettiamo e consultiamo spessissimo, anche se non è uno dei nostri collaboratori ufficiali, ha lasciato scritto:: “la morte sorride a tutti, un uomo non può far altro che sorriderle di rimando”.
Citalo ! Le parole sembreranno al momento un po’ azzardate, ma faranno riflettere e rassereneranno gli animi. Che le nostre osservazioni ti siano d’aiuto.
Buon lavoro e la Nostra benedizione.
Michele Arcangelo

© Maria Mangiarotti



Recensioni ed articoli relativi a Maria Mangiarotti

Nessun record trovato

Testi di Maria Mangiarotti pubblicati su Progetto Babele

(1) Lettera dall’ALTO di Maria Mangiarotti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2019-05-29
VISITE: 641


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali