Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE 的LCORSARONERO RINNOVANDO L但BBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/10/2019] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    鏑inee di Paesaggio scadenza 2019-10-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo storico Il Barone - Una offerta di lettura agli studenti di un Liceo (NOSCELTA 2019-10-15)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il 吐olle medico-poeta di Melicucc     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso di Carla Montuschi     Qualcosa cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identit riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     N駑irovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternit trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurit amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanz (2015) - Loris Dal     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L置omo che non sapeva amare
di Marcello Caccialanza
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5
Media 76 %



Lars in quella tiepida sera di maggio, mentre sfatto si guardava allo specchio, non poteva fare altro che odiarsi profondamente.

Nella sua alquanto sgangherata bacheca d’amorosi sensi perduti; l’ennesima débacle all’orizzonte: incauto trofeo di una caccia assurda primeggiava, affannosamente, nello squallore di un monotono déjà vu!

La sua giovane mente, da assuefatto piccolo borghese di vedute assai ristrette, appariva sempre più boriosa e confusa,vomitando, a tradimento, le mute parole di un’antica poesia, partorita da uno  spirito in delirio:

“ Mi sono venduto ai pensieri più neri//di un giorno senza fine; di una notte depauperata da ogni emozione propria.//Non ho più lacrime che bagnano questo mio cuore arido ed affranto. Morta è ogni emozione dentro di me!//Voglio solo vestirmi di questo silenzio ridondante.//Maledico me con estrema dolcezza, mentre affondo in questo mare di nostalgia negata...//”

Il giovane e sprovveduto Lars più si guardava riflesso in quel ventre di opaca ostilità, più si rendeva certamente conto di quanto la sua stessa anima risultasse sdrucita; di quanta immondizia si nascondesse dietro quel suo volto perso … di Angelo nero.

Difficilmente la sua medesima indole –così glaciale d’innanzi al sentimento altrui- si poteva lasciare sedurre da quella strana voglia improvvisa di un sano e benefico pianto liberatorio.

Ma in quella maledetta circostanza così poco definita ed inattesa, le lacrime, senza alcun pudore, gli vestivano, con una delicata tenerezza, quelle gote d’alabastro!

E così in quel suo piccolo mondo di certezze –fatto di castelli in aria e di subdoli tranelli artificiosi- si annidava beffarda l’ombra oscura di LEI, Rebecca la vogliosa!

Lei, la sua lei,meravigliosa geisha del piacere più avvolgente; lei, infernale tormento di una verità celata, di una verità difficile da sussurrare ai quattro venti!

Lars, pallido come un cencio, era sempre là! Ostinatamente immobile e prigioniero della sua immagine, come fantasma in cerca della sua eternità!

Folle pazzia di indigesti frammenti; susseguirsi disordinato di fastidiosi momenti di blanda serenità, vigliaccamente ancorati in un’anima grondante di una utopica malinconia!

Ricordi indelebili di un letto sfatto nella breve passione di uno sbadiglio, mentre i respiri, che prima si cercavano nell’intrigo benevolo di quella voglia primordiale, andavano lentamente morendo nella penombra di una timida candela, che illuminava quel drappo orientale, che sapeva di zenzero e di vaniglia.

Due corpi sudati, uniti in una musica senza tempo, danzavano increduli in quei brividi di tormento, che si completavano a sorpresa nelle stonature forzate di quella nota fuori posto!

Lei, tenera più che mai, lo prendeva per mano in quel malizioso gioco di sguardi, trascinandolo in quella ragnatela metallica di un teorema votato all’assurdo, umiliandolo con quella leggiadra sciarada di baci convulsi, sperando invano in un semplice “TI AMO”!

E lui, bastardo più che mai, si lasciava accompagnare nella menzogna di quell’isola che non c’era, perché troppa era la paura di risvegliarsi l’indomani in un freddo letto vuoto!

Lars, che sia maledetto lui! Si toccava freneticamente le labbra; quelle stesse labbra che si saziavano, boriose, di fresca ipocrisia: tanti inutili ti amo sempre più simili ad affilati coltelli, pronti a squarciare l’inconsapevole preda di turno, una carcassa di beltà vestita, da mostrare, con gloriosa tracotanza, al mondo intero.

Mentre lei vittima perfetta, creatura predestinata era folle d’amore! E certamente, vogliosa com’era, avrebbe fatto di tutto per lui; perfino venduto la sua acerba essenza al primo Mefisto, che le avesse strizzato l’occhio per una notte di fuochi d’artificio! Affinché il suo tarlo amoroso si potesse concretizzare in un grido assoluto di passione ancestrale, senza limiti;  senza confini!

A lei, infelice ed illusa fino al midollo, non pesavano affatto quei quindici anni di differenza; non le interessavano per niente le risatine dei ben pensanti e le frecciatine velenose di un Lars scostante e maligno.

Lei implorava semplicemente amore; anche un amore di circostanza, uno squallido sentimento di plastica!

E lui, quel barbaro invasore, puttana come appariva, lo sapeva benissimo! E così ci giocava a più non posso! Solo sesso chiedeva; un gioco a due, di perversioni reciproche, dove quell’anima debole e folgorata bramava, con la bava alla bocca, un’esplosione incontrollata di sensi galeotti, in grado di innescare una sciarada estrema di piccole schermaglie, da consumarsi sotto quelle lenzuola di seta nera! Del resto, lo stesso Lars nella sua diabolica indole non era di certo capace di manifestare fino in fondo uno straccio di trasporto emotivo! Era come se quel giovane virgulto vivesse ogni suo amplesso in una sorta di palestra virtuale, dove proprio lui era l’atleta di punta, l’uomo dei record!

E così, in quello specchio di avvolgenti amarezze e di fini trabocchetti, non si materializzava che un infingardo labirinto di ricordi funesti, che andavano lentamente frantumandosi nel sorriso spento di un ragazzotto benestante, automa di se stesso.

Era dunque stata lei la parte tarata dei suoi primi trent’anni! Quell’assurdo complotto di anime perse, che si svestivano della propria moralità, per intraprendere una lunga ed estenuante cavalcata alla conquista del loro vello d’oro!

Quel loro primo e furtivo incontro,forse voluto da un destino beffardo, avveniva in quel giardino fiorito, che costeggiava, in un dolce abbraccio, le antiche mura della stessa chiesa in onore di Santa Barbara. Vivo era il sorriso di lei, vestita a festa, in quell’abito corto a pois blu. Un fiore tra i capelli e quella bionda tra le dita ingioiellate. Lei, gradevole ed appetibile, era seduta su quella panchina di cedro antico, mentre, con civetteria, si apprestava a sistemare quel trucco cascante.

E lui spavaldo, come orrenda fiera in attesa di concupire sua sventurata preda, si avvicinava guardingo e, senza proferir parola, le sfiorava la tremante mano. Le sorrideva ammiccando proposte indecenti, fino a quando era sicuro che quelle fragili barriere di difesa non fossero state pronte a crollare in modo definitivo.

Lars aveva vinto un’altra volta! Come godeva il Bastardo dentro di sé! Quel parassita dell’amore aveva trovato un’altra volta la chiave giusta per scalfire l’ennesimo cuore bisognoso d’amore! E adesso festa! Con una mano impudente le accarezzava la chioma corvina e con quell’altra libera le sbottonava, uno ad uno, quei bottoni di madreperla che impreziosivano quella camicetta bianca in san gallo.

E lei ubriacata, più che mai, da quella freccia di Cupido; dipingeva quella tela ancora vergine! Scivolava lento, ma deciso il velluto della sua giovane mano, che, come in una danza propiziatoria di un popolo lontano, esplorava goduriosa quel possente corpo semi nudo di un Lars trionfante, alla scoperta di una rinascita personale, nell’atrio più segreto di un’ Afrodite ritrovata!

Ricordi brevi, istanti atrofizzati in quelle rugose pieghe di uno specchio mendacio!

Lars era stanco, tremendamente stanco! La sua immagine riflessa lo infastidiva a tal punto da succhiargli  linfa vitale a tradimento!

Era ormai una specie di larva umana, che, per pigrizia e per paura di restare solo con se stesso, si attaccava, con morbosa ossessione, all’amore di lei, sperando in una pesca miracolosa!

Ma proprio quel dannato san Valentino gli era stato fatale! Lei vedeva lui per la prima volta; lei finalmente lo poteva percepire per quello che realmente era. E subito, quei mille e mille castelli, in aria di armoniosa progettualità, andavano sgretolandosi in un doloroso addio, vestito di rimpianti e di verità inconfessabili.

Lui, libero da ogni vincolo e mortificato nella sua vanità, accompagnava, mesto,  lei verso quel treno di libertà! Nessuna parola nell’aria, solamente mani che si stringevano forti e sciami di lacrime impazzite, che scendevano copiose nel silenzio di una colossale sconfitta, che sanciva di fatto la fine di una farsa lunga una stagione.

Lars, sfinito e vinto, si allontanava da quello specchio maledetto, e girandosi, di scatto, verso il suo sécretaire, secondo impero, si versava un cognac d’annata, premio consolatorio di un addio malinconico. All’improvviso, il ragazzotto vizioso afferrava un pesante posacenere in pietra e, con una grande veemenza, lo scagliava contro quel vetro profetico. Biancaneve aveva avuto un’altra volta ragione! Si lasciò cadere a terra come un peso morto e si raggomitolò nell’angolo più buio di quella stanza opprimente, proprio come era solito fare da bambino, per sfuggire i tuoni e i lampi.

Una macchia di sangue, lentamente, andava sfumando mesta su quelle quattro pareti bianche di una gabbia senza uscita. Forse l’Angelo della Morte, di lì a poco, avrebbe fatto la sua comparsa!

© Marcello Caccialanza



Recensioni ed articoli relativi a Marcello Caccialanza

Nessun record trovato

Testi di Marcello Caccialanza pubblicati su Progetto Babele

(1) I Figli di Dio di Glen Cooper - RECENSIONE
(2) L置omo che non sapeva amare di Marcello Caccialanza - RACCONTO
(3) Il principe di hombourg di Heinrich Von Kleist - RECENSIONE
(4) La marchesa di O... di Heinrich Von Kleist - RECENSIONE
(5) Egmont di Goethe tra fascino e lacune storiche;L' a cura di Marcello Caccialanza - ARTICOLO
(6) L'uso delle parole in Emilio Gadda a cura di Marcello Caccialanza - ARTICOLO
(7) Le affinit elettive di Wolfgang Goethe - RECENSIONE
(8) Il fuoco di Gabriele D'Annunzio - RECENSIONE
(9) Ernesto di Umberto Saba - RECENSIONE
(10) Donne in poesia: Bice Benvenuti, usignolo di provincia a cura di Marcello Caccialanza - ARTICOLO
(11) Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2019-06-11
VISITE: 106


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.