Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [26/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    Premio Svicolando scadenza 2019-07-01    Guido Gozzano - Augusto Monti scadenza 2019-07-08    Eduardo Di Loreto scadenza 2019-07-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Era la sua terra
di Fabio Battisti
Pubblicato su PB10


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5144
Media 79.01 %



Il momento tanto temuto era ormai giunto: ancora un minuto, forse due, e riluttante avrebbe voltato le spalle a ciò che rappresentava la sua giovinezza.
Un vento leggero accarezzava la terra, flettendo l'erba del prato tanto da ricordargli le carezze che dava agli affezionati gatti domestici.
Il destino gli lasciò alcuni legami con il teatro della sua fanciullezza prima e dell'adolescenza poi, ma questo poco incideva sulla sua riluttanza ad abbandonarlo.
La frenesia del resto della famiglia assomigliava ad una meticolosa fuga. Gli altri ultimavano i preparativi, lui finiva di riordinare i ricordi. Come per i bagagli, non si poteva portare via tutto, ma solo le cose ritenute migliori…le prime passeggiate vigilato dai nonni, la neve spazzolata da Gennaio sugli abeti, i compleanni festeggiati all'aperto, i Supertela calciati con gli amici che si avvicendavano a causa delle spine, la breccia vicino alla magnolia sulla quale si sbucciò il ginocchio, la corsa dietro le lucertole con quelle code che, staccate dal corpo, sembravano manifestare una vita propria…tutto quello che era visibile al di fuori del perimetro domestico era stato un buon compagno di giochi, amico discreto e fidato, od entrambi.

Il suo impegno per rimanere era stato encomiabile, ma inutile. Il lavoro per un padre di famiglia è il lavoro, e nel complesso la sua volontà valeva quanto il classico due picche. Poco più di niente, e da qualunque angolazione non abbastanza. Il suo status di studente universitario, regolarmente iscritto a Roma, sdoppiò il suo due di picche, trasformandolo in un jolly nelle mani del padre: la relativa vicinanza alla sua facoltà, la possibilità di non perdersi i corsi pomeridiani…discorsi ineccepibili, l'essenza del jolly.
La sua simmetria con "Il ragazzo della Via Gluck" di Celentano superava le distanze del tempo, gettandogli addosso un pizzico di ironia sul momento della partenza. L'unico.
Ancora un minuto, forse trenta secondi. No, non riusciva ancora a farsi una ragione. Nemmeno il flash di aver baciato Maria dietro l'abete poteva bastargli. Tanto meno bastavano le camelie e la rievocazione dei suoi boccioli. Trovandoli per terra tentava di risistemarli sulla pianta, magari aiutandosi con lo scotch. Ecco, forse provava a fare altrettanto con la sua esistenza e quel luogo. Per lui, il bocciolo che si stava staccando, non esisteva lo scotch od il nastro adesivo adeguato. Niente. Ci voleva un pensiero a parte per il giardino, per quella terra che giunto a quasi vent'anni riconosceva come sua…un filo comune la univa al viale e la casa, proiettandola fino ai prati e le colline circostanti. Li intendeva, più che una proprietà, come una simbiosi.
L'idea della nuova abitazione stentava a prendere posto tra i suoi progetti: una casetta niente male visitata un paio di volte, posta in un quartiere vivibile, che in ogni caso non reggeva il paragone.
Le distanze si sarebbero calcolate con un mero calcolo aritmetico: tre quarti d'ora da stazione Termini, un'ora di binari da lì a Priverno-Fossanova ed infine dieci minuti - un quarto d'ora di macchina od autobus, inconvenienti permettendo. Due ore grezze, una distanza parzialmente colmabile durante alcuni fine-settimana. Il punto medio ideale di incontro, per due diciannovenni, diventava la stazione di Campoleone. Un peccato che Maria non vi avesse più parenti.
Rischiava di non essere più la sua terra. La prossima volta, ritornando lì, sarebbe stato un ospite. La terra sarebbe stata ancora quella, la simbiosi no. La distanza incolmabile di una nuova vita altrove stava diventando realtà, e capì che forse alla sua collezione mancava ancora un ricordo: l'ultimo.
Si chinò fino a toccare il terreno con la mano, attutito dai folti fili d'erba. La terra stava sussurrando qualcosa, e lui lo sapeva. Qualcosa di talmente semplice da apparire evanescente, subliminale. Non aveva fretta di tradurne il senso: c'era tutta la vita per capirne il contenuto.

Dieci secondi, il tempo di rialzarsi e di sorridere. L'ultimo richiamo dei genitori non assomigliava più ad un fardello.
Mentre partiva, si accorse che il delicato pensiero di un elementare, lontano arrivederci avrebbe fatto il resto: la terra sarebbe rimasta lì, ad aspettare i suoi pensieri, i suoi ricordi, fino a quando avrebbe voluto.
La terra era ancora sua.

© Fabio Battisti



Recensioni ed articoli relativi a Fabio Battisti

(1) L'ultimo segreto di Atlantide di Fabio Battisti- Il Parere di PB

Testi di Fabio Battisti pubblicati su Progetto Babele

(1) Il cuore di Fabio Battisti - POESIA
(2) Era la sua terra di Fabio Battisti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2004-04-24
VISITE: 14723


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.