Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [09/12/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La Couleur d\'un Poeme scadenza 2021-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il manichino
di Vittorio luciano Banda
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3
Media 83.33 %



Luciano era un giovane asciutto aveva negli occhi una strana luce di sognatore e tutti lo irridevano per questa sua aria spaesata e distaccata dalla realtà di tutti i giorni.

Aveva conseguito il diploma di ragioniere ma la sua mentalità avulsa dall’ordine e dal rigore di tali studi gli avevano impedito, forse, di essere preso sul serio dal mondo del lavoro.

Aveva sostenuto diversi colloqui senza alcun esito sotto la spinta dei genitori che continuamente gli ripetevano la solita canzone: “ Cercati un lavoro e formati una famiglia tua noi non siamo eterni, datti da fare ! “

La sua vita scorreva su binari monotoni sempre a casa, a scuola non aveva saputo formarsi delle amicizie a causa sempre del suo carattere distaccato e fuori dalla ordinaria realtà.

A casa quando si abbandonava ai pensieri con un sottofondo musicale, spesso erano le vecchie canzoni di Lucio Battisti, la sua mente vagava in posti sconosciuti in cui lui si muoveva con familiarità, aveva molti amici che lo amavano e molte donne che lo desideravano, si sentiva appagato e felice.

Da questi “viaggi” della fantasia veniva spesso svegliato bruscamente dalla voce di suo padre che lo invitava ad uscire per cercarsi un lavoro.

Per non essere rimproverato dal vecchio padre decise di uscire tutti i giorni ritirandosi solo per il pranzo e per la cena.

Un giorno passo davanti alla vetrina di un grande magazzino vi era esposto un manichino di una bella ragazza con una bella minigonna nera ed una camicetta attillata rosa. Rimase colpito dalla bellezza di quel manichino tanto che non riusciva a staccarsene, anzi gli sembrò che facesse parte dei suoi sogni e che in essi già l’avesse incontrata e cercava di ricordarne il nome, gli sembrò che si chiamasse Luisa e senza badare a niente e a nessuno cominciò a raccontarle tutti i suoi sogni e le sue sofferenze, il costante sorriso di lei lo incoraggiava a narrarle tutte le sue angosce e tutti i suoi più intimi segreti.

Quel giorno tornò a casa felice,tanto che i suoi genitori pensavano che finalmente avesse trovato lavoro, ma lui con la testa era ancora davanti a quella vetrina a guardare la bella Luisa e ad ammirare il suo sorriso complice di tutti i suoi sogni.

Ai genitori che insistentemente chiedevano il motivo della sua gioia rispose di aver conosciuto una ragazza.

Il padre pensò che tutto sommato era una cosa positiva e che poteva aiutarlo a crescere assumendosi le responsabilità che l’essere adulti comporta.

Ogni giorno si ripetevano gli incontri con Luisa. Le sue soste e i suoi discorsi davanti a quella vetrina attirarono l’attenzione delle commesse del grande magazzino, tanto che una uscì per sentire che cosa dicesse.

Lo sentì mentre parlava del suo amore per Luisa dicendo:

“ Vedi Luisa, tutti pensano che io sono un sognatore, ma se nella vita finisci di sognare allora è segno che la vita è finita, non esiste vita senza i sogni sono questi a dare sapore alla vita.
Invece se mi guardo intorno, tutti corrono senza sapere dove, tutti si affannano mentre io vivo e ti amo perché tu come me sei viva, perché sorridi e stai ferma; per questo ho capito di amarti Luisa e non amer ò nessuna all’infuori di te!  Solo tu comprendi e solo tu conosci tutte le sofferenze di Luciano."

La commessa tornò dentro ridendo e raccontò alle altre quello che diceva quel tipo strano davanti alla vetrina, particolarmente si rivolse verso una sua collega che si chiamava Luisa, dicendole che tutti i discorsi di Luciano erano diretti a lei.

Luisa rimase scossa da questa affermazione, perché lei era un tipo timido e cercò di schernirsi dicendo che quello era un matto se parlava ad un manichino e che non le interessava per niente quello che diceva.

Intanto i giorni si susseguivano e Luciano non mancava mai al suo appuntamento quotidiano con Luisa . Intanto Luisa aveva indossato un cappotto nero ed un cappellino viola che ben s’intonava e lui le aveva fatto i complimenti per come era vestita.

Aveva continuato a dichiararle il suo amore e non pretendeva che lei gli rispondesse bastava solo il suo sorriso per confermare che anche lei lo amava.

Luisa, la commessa, ascoltava nascostamente quello che Luciano diceva davanti alla vetrina e sentendo che anche di notte lui, qualche volta, andava a trovarla per parlare con lei, si commosse e sentì che dentro di lei stava nascendo un sentimento verso quell’essere che con la sua costanza e la sua fedeltà testimoniava che la vera umanità non era una vecchia signora defunta della quale si serba a stento il ricordo, ma che era viva e palpitava d’amore.

Si fece strada dentro di lei il desiderio di incontrarlo, ma come rompere quell’incantesimo senza che la favola finisse bruscamente ?

Si era decisa e non voleva ritornare sui suoi passi, fece tutto subito dopo che lui se ne era andato per l’ora di pranzo, tolse dalla vetrina il manichino, indossò i suoi abiti ed aspettò che lui facesse ritorno nel pomeriggio.

Appena lo vide arrivare, uscì andandogli incontro e lui vedendola disse:

“ Luisa che cosa fai qui? “

Lei prendendolo sottobraccio gli disse:

“ Andiamo Luciano abbiamo molte cose da dirci!“

© Vittorio luciano Banda



Recensioni ed articoli relativi a Vittorio luciano Banda

Nessun record trovato

Testi di Vittorio luciano Banda pubblicati su Progetto Babele

(1) La Dottoressa Nelly di Vittorio Luciano Banda - RACCONTO
(2) Il manichino di Vittorio luciano Banda - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2020-04-09
VISITE: 351


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali