Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [25/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Via crucis po-polare
di Cinzia Baldini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2
Media 60 %



I racconti di Progetto Babele

Ho visto cose che nessuno di voi riuscirebbe nemmeno a immaginare.
Ho compiuto gesta che avrebbero fatto impallidire il Pelide Achille.
Ho valicato il limite orbe terraqueo e spazio-temporale oltre il quale neanche il capitano Kirk di Star Trek con l’Enterprise si sarebbe spinto.
Sì, invidiatemi pure, perché con il petto gonfio di orgoglio, potrò dire ai miei nipoti: io c’ero!
Predestinazione? Sorte? Fato? Destino? Non saprei…
L’unica certezza è che tutto è accaduto per colpa di una scolorita linea gialla di gomma bullonata. Oltrepassandola ho dato una svolta definitiva all’inutile esistenza che avevo condotto fino a quel momento.
Mai avrei immaginato di poter sopravvivere a esperienze invernali (ma, caldamente replicate al contrario, anche estive) così assideratamente esaltanti sulla ferrovia che collega il mare alla Capitale!
Ebbene sì, devo ammetterlo: vivere ben quaranta (se favoriti dalla sorte, altrimenti ancora di più!) minuti di ”animazione sospesa” non ha prezzo (… e te credo!)
No, no! Non è un esperimento di letargo collettivo scientificamente indotto per verificare gli effetti dell’adattamento umano alla quiescenza biologica in vista del prossimo lancio spaziale verso Marte, come qualcuno potrebbe immaginare.
E nemmeno un ammollo in misture di azoto liquido e qualche viscida e puzzolente soluzione chimica.
Neanche un ritorno virtualmente simulato all’era glaciale.
Spiacente di deludervi, ma non ci sono nemmeno effetti speciali.
Qui, e provare per credere, non c’è trucco alcuno. E’ tutto rigorosamente reale e concreto.
Di cosa parlo?
Ma dell’aria sparata, senza interruzione, a meno novantanove virgola novecentonovantanove gradi centigradi, per la delizia degli affezionati clienti del servizio ferroviario più sfigato della penisola.
C’è qualcuno, una sparuta e trascurabile minoranza di accaldati, che la definisce sfarzosamente aria condizionata…
Nulla da eccepire sul primo termine. Ma, è sul secondo che nutro qualche riserva… Salvo che non si sottintenda: condizionata da qualche malefico anatema che ne impedisce lo spegnimento!
Però, potreste rimproverarmi, che noia polemizzare su tali sottigliezze! Sempre a praticare il passatempo più in voga del Bel Paese: il mugugno, il lamento, l’ingratitudine.
E basta!
Avete ragione! Smettiamola una buona volta di cavillare sulle sciocchezze, di discutere sul sesso degli angeli. Invece di sprecare il fiato, approfittiamone per prendere confidenza con l’ambiente polare in vista della prossima gita ferragostana in Antartide prenotata con il cral aziendale! E se vi manca il fisico iscrivetevi al centro anziani “Villa Arzilla” e andate a Rimini
Dopo questo dovuto richiamo all’ordine, pensiamo positivo e predisponiamoci con animo lieto a riprendere il filo del discorso.
Dove eravamo rimasti? Ah, sì, che in fondo ma moooolto in fondo, è una piacevole esperienza, seppur solidificante, di congelamento rapido in assenza… di gravità penserete voi. Sbagliato! In assenza di freezer è la risposta esatta, una magia al cui cospetto Harry Potter fa la figura del pivello. E mentre battete i denti in un autentico e tribale rito apotropaico, lo spirito benigno di turno, come il caporale di giornata per il preappello, vi apparirà in una vera e propria visione mistica.
Che figata nevvero? Ammettetelo che state rosicando un pochino.
Per entrare nel circolo degli eletti del trenino Roma-Lido ci sono tre opzioni. Non chiedete raccomandazioni perché saranno i test attitudinali a decidere l’esatta collocazione.
Gruppo numero uno (in via di estinzione): obliteratori dei titoli di viaggio. Comprensibili termini tecnici neandertaliani usati dall’azienda dei trasporti capitolina per designare i compulsivi timbratori di biglietto.
Gruppo numero due (in quantità crescente): saltatori di tornelli, ossia i promotori dell’istituenda disciplina olimpionica.
Gruppo numero tre (la maggioranza): accodatori, ossia i gemelli siamesi degli obliteratori che, attaccati per le spalle a questi ultimi, come cozze agli scogli, sono inseparabili.
Ma è solo una volta entrati in vettura che inizia l’avventura (…carina la rima…), ed è proprio qui che la legge è salomonicamente uguale per tutti.
Il getto crioterapico, infatti, non è razzista, sessista, femminista, animalista, populista, insomma non c’è “ista” che lo trattenga! Probabilmente è pure mezzo daltonico perchè: bianco, nero o giallo, verde di bile o rosso di collera, ti colpisce in pieno.
Inutile cercare un angolino riparato, il tecnologico vento catabatico t’insegue e ti circonda, ti prende le misure come un professionalissimo addetto alle pompe funebri e ti si spiaccica addosso come una seconda pelle (ho evitato di proposito il termine sudario per non incorrere in sgraditi effetti collaterali quali scaramantici sfregamenti corporali di zone periferiche).
A nulla serve battere i piedi, alitarsi sulle dita o nascondere le mani sotto le ascelle.
La luminescenza opalina emanata dal pallore dei pochi centimetri di pelle esposta si riflette nel vagone e segnala ai miscredenti che la trasformazione da banalissimo pendolare a pregiato stoccafisso dell’Atlantico è, ormai, irreversibilmente compiuta.
Gli studiosi di tale fenomeno, hanno accertato che esso si ripete senza interruzione e si mantiene costante, senza interventi esterni (sigh!), da capolinea a capolinea.
La loro strabiliante conclusione è stata (e qui il sottofondo musicale della sigla di Super Quark ci sta tutto!) che il getto criogeno terapico -con buona pace del secondo principio della termodinamica- è la dimostrazione provata del moto perpetuo! Una vera e propria sfida alle conoscenze della fisica odierna (CERN di Ginevra capita mi hai?).
Scalzando gli appiedati pastori dei sette colli, i pendolari della linea vincitrice del Premio Nazionale Caronte d’oro 2016-17-18 e piazzatasi al 2° posto nel 2019 (pensa i primi classificati come stanno!), stringendosi al petto gli ambiti trofei, sono ormai entrati a pieno titolo nei libri di storia.
Essi, irrigiditi –e non potrebbe essere diversamente!- nei rari seggiolini azzurri (più frequentemente in piedi) sono gli Highlanders, gli Immortali, i gajardi e tosti eroi del servizio pubblico nostrano.
Quando, alla fine del tunnel si scorgono le luci, mentre l’aria persecutrice impazza imperterrita con pinne e testacoda da brividi (mai termine fu più azzeccato), Capitan Findus alla guida del Titanic (vi avevo avvisati delle possibili visioni mistiche!) con voce evocativa annuncia: «Prossima fermata: Porta San Paolo, uscita lato sinistro. I signori viaggiatori sono pregati di scendere, la corsa è terminata» è il segnale della riscossa… pardon, del disgelo!
All’apertura delle porte, persino il possente vento di Tramontana che, tronfio e borioso, aveva spazzato la banchina fino a un minuto prima, umiliato e con la coda tra le gambe, si trasforma in un mesto refolo di Ponentino estivo.
Taaa daaaaa!!! Per il pendolare, invece è l’inizio di una nuova vita!
Ci si scrolla di dosso il permafrost e, con il volto rossopaonazzofosforescente e pruriginoso per il rifluire del sangue, si schizza verso l’uscita.
Conquistato l’approdo, come Colombo l’America, s’innalzano con un senso di patriottico orgoglio i vessilli da irriducibili paladini ferroviari: lo zaino, il trolley, i dieci borsoni che si hanno al seguito e si santificano, in vernacolo romanesco, gli dei Manco (abbreviazione evoluta del più arcaico “manco a li cani”), ossia tutte le meglio anime dei defunti dei responsabili dell’azienda dei trasporti per il fantasmagorico servizio ricevuto.

© Cinzia Baldini



Recensioni ed articoli relativi a Cinzia Baldini

(1) Non Nobis Domine - I custodi della verità di Cinzia Baldini e Simone Draghetti - RECENSIONE
(2) Il veleno di Circe di Cinzia Baldini e Michele Zefferino - RECENSIONE
(3) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(4) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE

Testi di Cinzia Baldini pubblicati su Progetto Babele

(1) Una vita da bipolare di Paola Gentili - RECENSIONE
(2) La bestia di Cinzia Baldini - RACCONTO
(3) Via crucis po-polare di Cinzia Baldini - RACCONTO
(4) La roulette di Cinzia Baldini - RACCONTO
(5) Il mostro di Cinzia Baldini - RACCONTO
(6) In nome della legge di Cinzia Baldini - RACCONTO
(7) Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro - RECENSIONE
(8) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Ukemì di Cinzia Baldini - RACCONTO
(10) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(11) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(12) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(13) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(14) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(15) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2020-04-24
VISITE: 110


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali