Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [05/12/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il dono
di Umberto Maggesi
Pubblicato su PB1


Ascolta la versione audio Ascolta la versione audio di questo racconto!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6246
Media 78.77 %



L'ho portata vicino a me, alla mia sinistra. Sono i momenti più belli, vicini sul divano, la calma della sera intorno, le sfioro la mano, il contatto è morbido.
La pelle è la cosa migliore, tutto si ferma lì. Non ti osserva la pelle.

Le carezze mi ricordano mia madre, mani lunghe, sottili e delicate. Gli occhi di mia madre non ferivano, si sa, lo sguardo della mamma è sempre benevolo. Su quel fronte vai sicuro.

Stanno dietro agli occhi i pensieri più spietati. Lo specchio dell'anima, li chiamano.

E' niente bella l'anima, io ci vedo tutto negli occhi della gente. E' un lago pieno di cadaveri l'anima, un posto dove nuotano tutti i demoni che non vogliamo far vedere.

Io li vedo. Tutti ce li hanno, ogni essere vivente. Anche i ciechi. Ho provato a guardare nei loro occhi, erano tutti lì; ancora più cattivi per la mancanza di luce.

Li vedo da sempre, ho imparato a tenere lo sguardo inchiodato in basso, fissare il pavimento. Per me il mondo è un insieme di scarpe e gonne e pantaloni. Dicevano che ero strano, mia madre ripeteva che sarei finito da solo. E' niente bella la solitudine.

"Tieni su la testa." Mi sgridavano i professori. "Guarda che diventerai gobbo." Facile per loro. Facile per chi non vede, sanno niente dei demoni. Non li vedono.

Non li sognano.

A dodici anni l'ho visto. Ero già abituato a piegare lo sguardo a terra. Era un fagottino di pelo grigio a strisce nere, le zampe bianche. Un gattino di poche settimane, col naso rosa rivolto all'insù. Probabilmente travolto da una macchina, ucciso dallo schianto contro il marciapiede. Gli occhi aperti.

Ci vedevo il cielo in quegli occhi, solo il cielo e nient'altro. Allora ho capito cosa succede quando muori. E' per questo che si chiama pace eterna.

Non andai a scuola quel giorno, la mattina passò su quegli occhi e il loro miracolo.

Così cominciai a vagabondare in cerca di altri animali. Stavo in loro compagnia a volte parlavo, altre restavo solo a guardarli. Se avevano gli occhi chiusi, li aprivo delicatamente, senza disturbarli troppo, si sa mai.

E' così che ho incontrato il mio lavoro. Dicono che i miei animali sono i più belli, che hanno occhi così vivi ed espressivi.

Imbecilli!! Gli occhi dei vivi sono terribili, i miei animali hanno lo sguardo della pace eterna.

La sera chiudo il negozio, tagliando fuori i terribili sguardi. Chiudo tutto fuori bevendo pace e silenzio.

Le prendo la mano, l'ho portata vicino a me, alla mia sinistra. Carezze che mi ricordano mia madre. Ha occhi azzurri il mio amore, acqua che ho purificato, pelle morbida e bianca. La bacio sulle labbra a lungo. Il contatto è la cosa più bella.

Non ti osserva la pelle.

© Umberto Maggesi



Recensioni ed articoli relativi a Umberto Maggesi

(1) Nhan Bu il cuore della giovane tigre di Umberto Maggesi - RECENSIONE
(2) Nhan Bu - La scuola dello stagno di Umberto Maggesi - RECENSIONE

Testi di Umberto Maggesi pubblicati su Progetto Babele

(1) Il tizio della casa di Umberto Maggesi - RACCONTO
(2) Pazza di Umberto Maggesi - RACCONTO
(3) Il dono di Umberto Maggesi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2001-01-01
VISITE: 22589


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali