Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [28/11/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Le campane del morto
di Lorenzo Spurio
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 462
Media 80.95%



Don Don Don..Don

Aveva da sempre considerato il suono bronzeo di quelle campane estremamente fastidioso ma, in fin dei conti, le era sempre stato utile per ricordarsi che doveva alzarsi o che era troppo tardi e quindi doveva andare a dormire. Le campane della piccola canonica erano ancora collegate a un sistema di tipo arcaico a dispetto dell’imperante tecnologia oramai diffusa in ogni angolo della terra. Una spessa fune piuttosto rovinata e sfilacciata fungeva da tramite tra don Settimio (e le sue mani) ed il mezzo musicale. Ogni mattina le suonava con precisione, puntualità, con passione. Ogni mattina, nel primo pomeriggio e nella tarda serata. Non solo. Venivano suonate (forse con maggior ragione che negli altri momenti di una qualsiasi giornata) in presenza di particolari festività religiose, contadine e nei funerali. In quel caso era un suono amaro, cupo, ridondate. Era veramente strano come don Settimio riuscisse ad infondere nel suono armonico e metallico delle campane una dimensione superiore. Il suono delle campane non annunciava solo l’ora e che qualcuno era appena passato a miglior vita ma infondeva una serenità tale ed una pace interiore che si spandeva nell’aria a macchia di leopardo, contagiando tutti. A volte era un suono netto, aspro che rompeva un momento o lo contrassegnava in maniera vistosa, altre volte era un suono atteso e di compagnia, altre volte ancora era il ricordarsi della religione e che Dio era da quelle parti. Dio era in quelle zone. In tutti i casi, era un suono che marcava la presenza al mondo di chi lo udiva. Di chi era ancora in grado di percepirlo. E i pochi anziani che soffrivano di sordità, non potendo udire quel suono, non erano dei morti: erano in grado di percepirlo ugualmente, seppur in una maniera diversa. Lo percepivano perché sapevano della sua presenza, perché lo conoscevano, lo avevano sperimentato. Erano quindi vivi al pari degli altri. Secondo l’anziano curato, il reverendo Giordano, deceduto appena tre anni prima, anche il morto nell’atto della sua ultima funzione religiosa, ossia nel momento del funerale, sarebbe stato, a parer suo, capace di sentire l’effluvio sonoro di quelle campane. Se veramente era cosi, nessuno lo sapeva. E nessuno lo avrebbe mai saputo. Chi l’avrebbe saputo si sarebbe trovato in una situazione tale nella quale non avrebbe potuto farne parola con nessuno. Era un qualcosa che tutti, prima o poi, avrebbero sperimentato in prima persona. Tutti avrebbero scoperto però la stessa cosa. Che infondo il reverendo Giordano aveva ragione. Tutti avrebbero avuto il loro scampanare ultimo nel giorno più triste. Dunque, quello che a tutti sembrava morto e colui che, sfortunatamente, si trovava a riposare dentro uno strettissimo lettino con velo bianco a mo’ di zanzariera dentro di una cassa legnosa infondo non sarebbe stato un morto finchè il prete non avrebbe suonato nella sua funziona religiosa. Non l’organo, ma le campane.  Le campane erano un chiaro segno di vita, di presenza e di costanza. Ma sigillavano anche la fine. La vita terminava con un momento sonoro. In qualsiasi giorno si sarebbe celebrato un funerale, in qualsiasi ora, in qualsiasi stagione (sia col freddo vento dell’autunno che avrebbe fatto svolazzare la tonaca del curato che con il forte sole d’Agosto che avrebbe fatto sudare copiosamente i congiunti del morto) il morto avrebbe avuto la sua fine musicale. Con l’inizio dello scampanare il morto prevedeva la sua fine dato che unito ad esso riusciva ad ascoltare anche le lacrime ed i gemiti dei suoi congiunti. Poi, lentamente, con lo svolgersi dello scampanare il morto diventava lentamente sempre più morto e, gradualmente, riusciva ad ascoltare quel suono in maniera sempre meno intensa e vaga. Arrivava ad un punto in cui non riusciva a sentire più la minima nota. Quel momento corrispondeva alla fine dello scampanare, ma anche alla sua vera morte.

Le campane per lui non sarebbero più suonate. Né a festa, né a morto. Non avrebbe più partecipato ad un momento come quello. La sua vita s’era esaurita con un lento e ritmato Don Don.                                       

© Lorenzo Spurio



Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Spurio

(0) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE
(1) Flyte & Tallis di Lorenzo Spurio - RECENSIONE

Testi di Lorenzo Spurio pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calcestruzzo di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(2) La telefonata di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(3) Le campane del morto di Lorenzo Spurio - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-26
VISITE: 2006


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali