Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [26/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
Cantando dietro i paraventi

ITALIA 2003


Recensione di Rosaria Ghilardi

Cantando dietro i paraventi

INTERPRETI PRINCIPALI:
Narratore/Vecchio capitano: BUD SPENCER
Vedova Ching: JUN ICHIKAWA
Confidente : SALLY MING ZEO NI
Nostromo: CAMILLO GRASSI
Ammiraglio Ching: MAKOTO KOBAYASHI
Cliente ignaro: DAVIDE DRAGONETTI

REGIA: Ermanno Olmi
SCENEGGIATURA: Ermanno Olmi
FOTOGRAFIA: Fabio Olmi

COLONNA SONORA:
- In pace, in canto di Fabio Vacchi
- L’Uccello di fuoco di Stravinsky
- Estratti dalla sinfonie nr. 14 (SYMPHONIE FANTASTIQUE) e nr. 18 (TRISTIA) di Berlioz
- Canti popolari cinesi

 

Ecco un film diverso dai soliti prodotti commerciali che ci sono propinati con promesse di spettacolarità poi spesso disattese.

E’ un prodotto di qualità, curato in tutti i suoi particolari. Musica, fotografia, sceneggiatura e regia viaggiano all’unisono per rendere il prodotto unico, impegnato.
Non è quindi un film facile ma è sicuramente un film magico, fantasioso, anzi, oserei quasi dire fiabesco.
Lo spettatore si trova, fin dall’inizio, proiettato in un’atmosfera surreale, nella quale realtà e fantasia si fondono fin quasi a diventare una cosa sola. Dopo una prima sensazione di stordimento, provocata dall’inusuale intersecazione fra gli scenari, s’entra nel vivo della storia e si gode in ogni attimo della poesia di questo film.
Anche la trama sa di favola. La sceneggiatura, curata dallo stesso Olmi, è attinta da antiche fonti cinesi che narrano le gesta della vedova Ching e mescola sapientemente fonti storiche, fonti leggendarie e fantasia del grande regista.

Un ignaro giovane studente occidentale, finisce casualmente all’interno di un teatro orientale a luci rosse, dove una compagnia d’improbabili attori, mette in scena la rappresentazione delle gesta della famosa piratessa Ching, oltre che a balli e pratiche oltremodo sensuali, anzi direi proprio sessuali. Le donne inscenano la loro sensualità da dietro i paraventi e la sessualità senza velo alcuno.
Un pittoresco Bud Spencer, la fa da narratore, approfittando dell’identità di un vecchio capitano di marina dalle origini vagamente spagnoleggianti.
La messa in scena si trasforma pian piano in realtà, il giovane spettatore naviga continuamente tra rappresentazione e sogno, i personaggi si spostano dal palcoscenico al mare e viceversa, creando l’illusione delle favole che prendono vita proprio mentre si vanno raccontando.
.
Siamo nella Cina imperiale, in un periodo in cui, le vele corsare, solcano indisturbate i tre mari di Cina ed agendo su commissione di un’anonima società d’azionisti, saccheggiano velieri e villaggi sulle coste.
Nel tentativo di porre fine alle scorrerie, il governo imperiale proclama un editto che obbliga tutti gli abitanti dei villaggi costieri a distruggere ed abbandonare le loro case per trasferirsi nell’entroterra, al sicuro dalle scorrerie. Contemporaneamente, al più pericoloso dei capi corsari, il capitano Ching, è offerta la carica di capo corsaro imperiale.
Atterriti dalla paura di rinunciare alle loro cospicue entrate, gli azionisti della società del mare, predispongono l’avvelenamento del Capitano Ching.
Non hanno però fatto i conti con l’addolorata vedova, che come ci farà notare il narratore/vecchio capitano (Bud Spencer) non manca di possedere attributi maschili più che quadrati.
Assecondando la propria furia d’amante beffata ed oltraggiata, la bella, assume il comando delle tre navi del marito, e buttando all’aria ogni remora sovverte le regole non scritte del codice piratesco. Non esita ad attaccare persino le navi sotto la protezione del vessillo imperiale ma allo stesso tempo stabilisce regole, sulla suddivisione del bottino e sul trattamento dei prigionieri, più eque ed umane.

- “E’ assolutamente vietato approfittare delle grazie delle prigioniere non consenzienti, chi viola questa regola sarà appeso alla forca di prua fino a quando non si sarà ravveduto” -,

urla imperterrita la piratessa alla sua ciurma ribelle, strappando il megafono dalle mani del suo narratore. (Particolare interessante quello del megafono perché, ad un certo punto, rimane l’unico elemento che ci ricorda che stiamo assistendo ad una trasposizione teatrale sconfinante con la realtà; dubito che all’epoca della vedova Ching esistessero megafoni come quello usato nel film, il megafono è lo strumento che tiene lo spettatore ancorato alla realtà della finzione)

Nello stesso tempo, la novella piratessa, s’assume appieno tutte le sue responsabilità di fuorilegge che agisce alla luce del sole. Il succo del suo pensiero è più o meno questo: noi siamo furfanti e come tali agiamo, di fronte a tutti, in piena consapevolezza non come coloro che compiono furberie al riparo da privilegi che essi stessi si procurano (sarà un’allusione al b?)

Il vecchio e saggio imperatore muore ed il nuovo capo imperiale, al fine di salvaguardare le finanze del tesoro statale, si vede costretto ad armare una flotta con l’incarico di spazzare via dalla faccia del mare le navi corsare, ma ahimè l’impresa fallisce. Il comandante della reale flotta, sconfitto e disonorato, si dà all’harakiri.
Il nuovo supremo comandante della flotta, il principe Think-Wei, si prepara con perizia e fine intelligenza allo scontro.

In un tranquilla giornata di riposo per la ciurma corsara (e qui il regista non ci costringe ad immaginare, come accade nella maggior parte dei film, da cosa sia costituito questo riposo; gli attori, dormono, cucinano, mangiano, si lavano, fanno il bucato, raccontano favole ai bimbi, giocano e amoreggiano proprio come accadrebbe nella realtà) l’orizzonte appare letteralmente coperto da un’innumerevole quantità di navi imperiali, tanto numerose che neppure l’orizzonte le può contenere, la nave ammiraglia avanza (se chiudete gli occhi, anche voi la potete vedere) senza né remi né vele, spinta solo dalla diavoleria del progresso.
E’ la fine. Nessuno può resistere ad una forza tanto impari. Tuttavia………….

Il principe Think-Wei, prima di attaccare, sembra voler combattere una guerra di nervi. Le sue navi stazionano all’orizzonte in attesa……

Ma ecco…….., tutt’un tratto………., il cielo si riempie di mille colori, aquiloni variopinti s’innalzano dall’ammiraglia imperiale e come lievi farfalle planano sulle navi corsare.
Ogni aquilone una frase scritta nell’antica lingua dei mandarini.
Ogni frase un pezzo della favola del “Drago e la farfalla”.
Nella favola l’epilogo di questa dolce storia.
Niente cannoni per la bellissima vedova ed il suo equipaggio, ma il dolce sapore del perdono, cui tutti attingono con calore e riconoscenza. Pronti ad iniziare una nuova vita nella legalità, pronti a guardare ancora le donne “cantare dietro i paraventi”.

Questa favola antica è ricca d’insegnamenti e la sua narrazione, nulla toglie alla magia del film. Lo potete guardare incantanti anche conoscendone l’epilogo.
Il regista coglie ogni attimo della poesia delle cose.
Gli sguardi fra i protagonisti, dicono più delle parole.
La posizione degli oggetti sulla scena suggerisce trame.
La colonna sonora anticipa l’evolversi delle scene, e scandisce i sentimenti, in particolare risultano molto suggestivi gli inserti della “Symphonie fantastique” di Berlioz.
La fotografia, sapientemente curata dal figlio d’Olmi, stimola la fantasia, trasferendo lo spettatore in posti da sogno (che stanno a due passi da casa nostra, in Montenegro).

Se ogni tanto sentite il bisogno di trarre, da un film, qualcosa di più profondo del semplice divertimento, allora la visione di “CANTANDO DIETRO I PARAVENTI” è fortemente consigliata.

PREMI E RICONOSCIMENTI RICEVUTI
Miglior Soggetto Nastro d'Argento Ermanno Olmi
Miglior Fotografia Nastro d'Argento Fabio Olmi
Miglior Scenografia Nastro d'Argento
Migliori Costumi Nastro d'Argento

Una recensione di Rosaria Ghilardi

 

Inserito 17-05-06
VISITE: 4281

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali