Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [04/12/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Shadows (Ombre)
regia di John Cassavetes
Pubblicato su SITO


Anno 1959 - USA


Una recensione di Federico Fastelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7456
Media 80.03 %


Shadows (Ombre)

SCENEGGIATURA: J. Cassavetes
MUSICA: S. Hadi
FOTOGRAFIA: E. Kollmar
MONTAGGIO: J. Cassavetes, M. McEndree
REGIA: J. Cassavetes
PRODUZIONE: U.S.A 1959
CON: L. Goldoni, B. Carruthers, H. Hurd, A. Ray

La crisi cinematografica iniziata negli anni cinquanta con il calo repentino del numero di spettatori e la difficoltà della produzione filmica organizzata in maniera verticale dagli studios hollywoodiani, comporta un cambiamento di rotta notevole che conduce in una decina di anni a quel fenomeno da molti denominato Hollywood Reinaissance. La Nuova Hollywood cede parte del potere di produzione all’inventiva di registi e star della recitazione anche nel tentativo di coinvolgere quel pubblico dalle vedute politiche e sociali più radicali che caratterizzeranno gli Stati Uniti degli anni ‘60. I registi, di contro, prendono progressivamente coscienza, anche attraverso l’influenza delle teorie autoriali provenienti dalla Francia della Nouvelle Vague e delle produzioni indipendenti dei film-maker d’avanguardia, del loro valore precipuo. In questo panorama Ombre è da considerarsi, come indica Morandini, un film manifesto della nuova tendenza. Inizialmente girato in 16mm, di modo che la cinepresa potesse essere agile e maneggevole, come saggio di recitazione improvvisata, viene poi rigirato in 32mm e presentato alla mostra di Venezia nel 1961. È la storia di Lelia (L. Goldoni) giovane ragazza di colore, ma “che potrebbe essere scambiata con una bianca” (Morandini), e dei suoi due fratelli: nella New York degli anni 50 i tre devono convivere con i pregiudizi razziali e le proprie inquietudini. Ma, per la verità, non è tanto la trama, in sé, a costituire il perno del film, quanto, invece, “le emozioni che il soggetto poteva suscitare negli attori” (Grazzini). Si tratta infatti di un film senza sceneggiatura, ma, si direbbe in ambito jazzistico con una tonalità definita in partenza, sopra la quale poter improvvisare. Cassavetes lavora esattamente come un compositore jazz, permettendo poi ad ogni interprete il proprio assolo. La rottura della tradizione hollywoodiana è esibita: il montaggio classico invisibile è abolito a favore di una posizione non più ideale dell’occhio che riprende gli eventi. Il tempo e lo spazio si modificano alla ricerca di una realtà quotidiana che non può seguire, per definizione, gli schematismi del decoupage classico. Il reale è fatto di “catene di avvenimenti anche dissennati” (Grazzini) che non si chiudono al termine di una narrazione. Abitudini e accidenti caratterizzano la vita di ogni giorno in maniera tale che questa assomiglia di più ad una partitura su cui improvvisare, piuttosto che ad un reticolo ordinato di rapporti causa-effetto. E questo vale perciò anche per l’arte, in questo caso per il cinema, bisognoso di liberarsi da pesanti condizionamenti tecnici ed economici. Infine il grande uso dei primi piani disvela un’ulteriore livello diegetico: un approfondimento psicologico, secondo quanto indica ancora Grazzini, in grado di far adattare la storia agli attori e al loro sentimento piuttosto che il contrario.


Una recensione di Federico Fastelli





Recensioni ed articoli relativi a John Cassavetes

Nessun record trovato

Testi di John Cassavetes pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Federico Fastelli

Nessun record trovato

 

Altre recensioni:



-

dal 2007-10-02
VISITE: 19737


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali