Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La Famiglia Winshaw
di Jonathan Coe
Pubblicato su SITO


Anno 2003 - Feltrinelli
Prezzo € 8 - 480 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Laura Narcisi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7801
Media 78.55 %


Prima di convolare a giuste ferie, vi consiglio un libro non proprio recente (prima edizione italiana 1995), ma che prima o poi va assolutamente letto, così che arriverete più ferrati al prossimo anno mediatico. Manuale cult di storia (romanzata, ma non troppo) imprescindibile per chi gli anni ’80 se li ricorda con chiarezza, vivamente consigliato alle generazioni successive.
La manina dell’autore è quella inglese doc di Jonathan Coe, che aveva partorito la sua opera con un titolo più consono al genere: “What a carve up!”, cioè “Che casino!”, locuzione che allude a un vecchio film inglese del 1961 con Sid James, Kenneth Connor e Shirley Eaton, che accompagna il protagonista attraverso la trama del romanzo. Capisco che il lettore italiano possa sentirsi escluso da questo dialogo cinematografico in dialetto strettissimo tra l’autore e i suoi compaesani, ma le virtù del libro sono altre, perciò continuate con fiducia ad addentrarvi nell’intreccio, che si presenta più o meno così: il protagonista è un bravo ragazzo volenteroso e talentuoso, ma un po’ sfigato, con relazioni sociali mediamente assenti, relazioni affettive disastrose, un tessuto sociale che si ostina a ignorarlo, un sistema che lo sfrutta e una depressione incipiente alla soglia dei trenta; vale a dire uno di noi.
A un certo punto della sua normalissima esistenza, prima per caso e poi per destino, come si conviene, interseca il sentiero degli Winshaw, grande famiglia dynasty-ca che cavalca l’onda del potere e dei soldi da circa un secolo.
Possiamo considerare gli Winshaw come una metafora della storia sociale e politica del ‘900 e di conseguenza, i rapporti tra genitori e figli, fratelli e sorelle, zii, cugini, nipoti, e i relativi odi, simpatie, alleanze, vizi e virtù, altro non sono che la trasposizione in fabula di ciò che il mondo ha ordito mentre eravamo intenti altrove.

LEGENDA:
Henry = la politica senza arte né parte, senza bandiera, ma schierata sempre in prima fila, dietro il vincitore, sullo sfondo dei tacheriani anni ’80.
Thomas = la finanza spietata, che specula su tutto e inevitabilmente anche su se stessa.
Mark = l’economia dedita unicamente al profitto (delle classi dirigenti) e voltagabbana nell’anima, quella, per intenderci, che pasceva di armi Saddam.
Hilary = l’informazione volutamente svuotata di contenuti, resa gossip, per lo svago (dalle cose serie).
Dorothy = la sanità scissa in due: quella privata ed efficiente per l’elite, quella pubblica svenduta e sventrata per la massa.
Roddy = la cultura come veicolo di propaganda, buona solo per intrattenere gli ospiti negli incontri mondani dove si conducono gli affari.
Zia Tabitha = la bocca della verità tacciata di follia, che della follia si veste per difendersi.
Zio Mortimer = deus ex machina vendicatore che si risveglia dal torpore alla fine del dramma.

E così il professor Coe sale in cattedra e ci fa lezione di storia contemporanea, ma tentato dal fascino del punto di vista di “Capitano, o mio Capitano”, e desiderando per sé un uditorio attento e appassionato, sovverte la gerarchia letteraria e addolcisce l’amara pillola storica (e quanto amara!) nello zucchero di una narrazione fantastico-fantasiosa, che culmina con un classico dell’horror: un maniero isolato nella campagna inglese, una notte buia e tempestosa, gli ospiti convocati per la lettura di un testamento, un assassino dall’identità sconosciuta che da il via a una catena di delitti a tema grottesco, e addirittura – udite udite! – un maggiordomo della stessa scuola di Lerch e una vecchia armatura che si anima!
Morale della storia: di fatto non c’è. I cattivi muoiono, ma solo nella fantasia gotica di Coe, quindi giustizia non è fatta. Appunto. Dobbiamo rassegnarci, ma almeno abbiamo imparato la lezione.


Una recensione di Laura Narcisi






Recensioni ed articoli relativi a Jonathan Coe

(1) La Famiglia Winshaw di Jonathan Coe - RECENSIONE

Testi di Jonathan Coe pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Laura Narcisi

(1) Mitote di Patrizio Pinna- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:






-

dal 2005-10-10
VISITE: 18638


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.