Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [20/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'ombra del vento
di Carlos Ruiz Zafón
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - Mondadori
Prezzo € 18 - 438 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Rosaria Ghilardi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8391
Media 78.7 %



ombra del vento;L'

In una Barcellona lugubre e piovosa, sospesa sotto una cappa di nebbia, oppressa dal cemento e dalla fuliggine, si sviluppa la storia di Daniel.
Ragazzino triste come la città in cui vive, egli si trascina in un’esistenza a metà. Né lui né il padre hanno assimilato la morte della madre, si parlano appena, non riescono a trovare l’uno nell’altro quel conforto amorevole che da solo sa lenire il male dell’anima. A peggiorare le cose si fa avanti in Daniel una cronica incapacità a ricordare il volto della madre scatenando in lui tutta una serie di comprensibili sensi di colpa.
Il genitore, che sente pesare su di se, tutta la sconfitta del rapporto con il figliolo decide di portarlo, nel 1945, in occasione del suo undicesimo compleanno, a visitare un posto meraviglioso. Ben nascosto, all’interno di un decadente palazzo della vecchia Barcellona, gelosamente custodito dalla massoneria dei librai, ha sede il paradiso di tutti quelli che amano la carta stampata: “Il cimitero dei libri dimenticati”. Una labirintica e misteriosa biblioteca nella quale sono raccolte copie di tutti i libri pubblicati ed in special modo vi vengono meticolosamente custoditi tomi rarissimi che nessuno ormai legge più con il preciso intento di preservarli dall’oblio, perché ogni libro è una vita a se.
Daniel sente da subito la magia del posto e si fa catturare da un libro che pare sistemato apposta per colpire la sua attenzione. Non è in bella vista, non è particolarmente attraente, ne colorato, ma attira magneticamente il ragazzo presso di se si fa adottare.
Daniel promette di averne cura oltre ogni limite e se ne va felice con il suo libro:
“L’ombra del vento” di Julian Carax.

Inutile dire che da subito la lettura del libro lo assorbe totalmente, in una sola notte lo divora e n’esce diverso, un altro Daniel che inizia ora il suo cammino verso la vita. Assimilare la morte della madre, recuperare il rapporto col padre, amare, diventare uomo, un cammino lungo e tortuoso che sarà segnato in ogni suo passo dal “l’ombra del vento”.
Ossessionato dal bisogno di saperne di più sull’autore del romanzo, Daniel mette in moto un meccanismo di distruzione e di morte dal quale egli stesso rischia di essere annientato.
Stranamente la sua vita sembra viaggiare nella stessa direzione di quella del protagonista del libro e le coincidenze si fanno molte e pericolose.
A vegliare su di lui, oltre al padre, compare un pittoresco e caratteristico personaggio, un vagabondo semialcolizzato, disincantato e coltissimo, dal misterioso passato che, colpito dall’umanità di Daniel, ne diverrà mentore e protettore.
Il personaggio del vagabondo serve ad immergerci ancor di più nell’atmosfera spagnola del dopoguerra, col franchismo che la fa da padrone e il popolo che non riesce mai veramente a scindere l’odio dall’amore verso il despota.
Anche nel resto dell’Europa, dove a tratti si sposta la scena che ci consente di seguite le vicissitudini del romanziere J. Carax, il clima non è dei migliori. Tutti sono perennemente in lotta per cercare di cancellare gli ultimi rimasugli dell’orrore razzista e riprendere a vivere dignitosamente.
Colpi di scena e situazioni estreme non mancano e, anche se il finale appare un po’ tirato nella ricerca dell’approvazione del lettore, e ancora, anche se poi tutto si risolve un’altra volta nell’anelito a quel meraviglioso carburante che da sempre fa girare il mondo e si chiama amore, il libro colpisce al cuore chi lo legge e consacra nell’olimpo degli scrittori di successo questo fino ad ora praticamente sconosciuto Carlos Ruiz Zafon.

Zafon sapientemente mescola realtà storica a fantasia e si distingue in maniera particolare per lo stile nel caratterizzare i personaggi ed i luoghi di cui narra. Il lettore si sente catapultato nel mondo di cui legge e partecipa attivo alle vicissitudini dei personaggi rappresentati che sono molti e variegati. Ama, soffre, piange, gira ramingo per i nebbiosi vicoli di Barcellona. Immagina la vita di un tempo che non c’è più, i colori delle case, l’acciottolato delle vie, lo sferragliare del tram, la magia dell’augusta biblioteca piena di sogni dimenticati.
E il passato s’intreccia al presente in un susseguirsi di vite e d’azioni che segnano inesorabilmente il futuro di coloro che verranno, le colpe dei padri ricadono sui figli gli errori degli uni si ripercuotono nella vita degli altri dando senso all’altalena della vita.
Soprattutto si mantiene sempre vivo, pagina dopo pagina, l’interesse dei lettori per il dramma che pian piano si dipana sotto la penna dello scrittore, il mistero che appare risolto si trasforma in un altro mistero e tutto l’insieme ci tiene inchiodati fino alla parola fine, col desiderio che tale parola non arrivi mai.
Un libro nel libro, una storia nella storia: da leggere.


Carlos Ruiz Zafón è nato a Barcellona nel 1964. Autore di libri per ragazzi, è al suo esordio nella narrativa per adulti. Vive a Los Angeles, dove è impegnato nell’attività di sceneggiatore, e dove sta lavorando al suo prossimo romanzo. Collabora regolarmente con le pagine culturali di “El País” e “La Vanguardia.


Una recensione di Rosaria Ghilardi






Recensioni ed articoli relativi a Carlos Ruiz Zafón

(1) La donna di vapore di Carlos Ruiz Zafòn trad.di Alice Gerratana - TRADUZIONE
(2) L'ombra del vento di Carlos Ruiz Zafón - RECENSIONE

Testi di Carlos Ruiz Zafón pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Rosaria Ghilardi

(1) Cantando dietro i paraventi di Rosaria Ghilardi - RECENSIONE
(2) Lettere contro la guerra di Tiziano Terzani - RECENSIONE
(3) Un indovino mi disse di Tiziano Terzani - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-05-11
VISITE: 15133


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.