Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/09/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-09-18    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino     Ore 04.50 Giorno Primo di Consolato Mercuri     Ore 04.50 - Giorno terzo di Consolato Mercuri     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

O tutto o niente
di Jan Ullrich e Hagen Bosdrof
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Editore Libreria dello Sport
Prezzo € 18 - 316 pp.

Una recensione di Ninni Radicini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9707
Media 79.25 %



O tutto o niente

Nello sport professionistico tanti darebbero l'anima per diventare
campioni. Poche volte capita di vederne uno che pur essendolo
non si danna per sottolinearlo. Uno e' Jan Ullrich. Per chi avesse poca
dimestichezza con le due ruote e' bene sottolineare che si
tratta di uno di quei ciclisti a cui natura ha donato capacita' che
solo pochi altri hanno avuto.

Anche ai non addetti ai lavori, i nomi di Bartali, Merckx, e forse di
Hinault e Indurain dicono qualcosa. Sono quelli di atleti che fino a
quando sono rimasti in bicicletta hanno vinto moltissimo e su ogni
percorso. Per chiarire di che tipo di ciclisti si tratta e' bene fare
una premessa. Nel pugilato, come noto, si combatte per categorie di
peso, senza possibilita' di incroci: il peso leggero contro il peso
leggero; il peso massimo contro il peso massimo; etc. Non e' ammesso
che il peso leggero combatta contro il peso massimo. Nella
boxe ogni categoria ha sue specificita'. Il peso leggero sara' piu'
rapido del peso massimo nei movimenti ma meno devastante nei
colpi.

Anche nel ciclismo ci sono varie categorie: tre macro categorie:
scalatori, velocisti, passisti. Anche in questo caso ognuna ha proprie
particolarita' e, in un gioco di pesi e contrappesi, a un punto forte
corrisponde una debolezza. Lo scalatore, quello "puro" - con peso
intorno ai 60kg - lo si vede nelle salite, soprattutto quelle con
pendenze elevate, oltre il 7%. Tende a stare in piedi sui pedali, con un
rapporto abbastanza duro. Se non ci sono montagne non c'e' motivo che
ci sia lo scalatore. Nei percorsi in pianura sta nella "pancia
del gruppo", cioe' all'interno del gruppo compatto dei ciclisti, per
viaggiare a velocita' molto piu' elevate di quelle che egli - da solo -
riuscirebbe a raggiungere.

Nei percorsi in pianura, con arrivo in pianura, e' il velocista a stare
all'erta. Deve avere una potenza muscolare notevole, da
sprigionare negli ultimi trecento metri quando spinge il massimo
rapporto alla massima potenza. Il passista e' un treno che, nella
migliore delle ipotesi, deve sapere andare sempre alla stessa
velocita'. Se lo riesce a fare, in salita, in tutti i tratti, a tutte le
pendenze,
fara' la felicita' di qualunque direttore sportivo, e del capitano,
magari impegnato a conquistare o difendere il primo posto in una
grande corsa a tappe.

E' possibile che un ciclista sia tutte e tre cose insieme (scalatore,
passista, velocista)? Per logica la risposta e' "no". Un "no" da
sottolineare cinque volte. Un ciclista, insieme scalatore, passista e
velocista sta a un pugile che sia allo stesso tempo peso leggero,
peso medio e peso massimo. Per logica. Ma oggi lo sport non e' solo
logica e poiche' nessuno ormai si meraviglia che, attraverso
opportuni trattamenti genetici, un pomodoro possa avere il sapore di
arancia, c'e' da credere, con buona approssimazione, che non
passera' molto tempo dacche' un ciclista contemporaneamente scalatore,
passista e velocista non impressionera' piu' di tanto gli
addetti ai lavori e gli spettatori. In fondo gia' avviene...

Se non e' realistico essere insieme scalatore, velocista e passista e'
invece possibile integrare alla specializzazione primaria una delle
altre due. Ad esempio, il velocista, per natura sofferente in salita,
attraverso un maggiore allenamento su quel terreno puo' ottenere un
miglioramento. Cosi', ad esempio, se prima, in una tappa in montagna
arrivava con quaranta minuti di ritardo dai primi, dopo il
potenziamento in salita puo' arrivare con venti minuti di ritardo.

Per altro verso, il velocista che si allena di piu' in salita perde una
parte di quella potenza muscolare originaria e, di riflesso, negli
arrivi
in volata non sara' piu' cosi' forte come prima. Ne e' un esempio Eric
Zabel. In origine velocista "puro", nel corso degli anni e'
migliorato in salita, a costo di perdere parte delle sue
caratteristiche iniziali. Si e' trasformato in un altro tipo di velocista, non piu'
"puro" ma in grado di resistere nelle salite, molto meglio di tanti
suoi colleghi, e in grado di continuare a dire la sua nelle corse con
arrivo in leggera salita.

Pesi e contrappesi si diceva prima. Si guadagna in qualcosa e si perde
in qualcos'altro. Per le grandi corse a tappe (Giro d'Italia,
Tour de France, Vuelta di Spagna), a parte qualche eccezione, sono i
passisti a primeggiare. Passisti pero' di categoria superiore, in
grado di tenere in salita e di andare in fuga, dopo avere fatto cedere
gli avversari con un ritmo alto, e - condizione sempre piu'
ineludibile - di essere anche bravi nelle prove a cronometro.

Nella storia del ciclismo quei quattro di prima - Bartali, Merckx,
Hinault, Indurain - sono stati esempio di questo di tipo di ciclista.
Indurain, i suoi Tour li ha vinti infliggendo distacchi di minuti agli
avversari nelle tappe a cronometro e non mollando mai, o quasi,
nelle salite, dove era molto difficile staccarlo.

A questo quartetto di passisti-cronoman si puo' aggiungere Jan Ullrich.
Campione del mondo dilettanti nel '93; 2o al Tour del France
del '96; 1o a quello del '97; 2o a quello del '98; 1o alla Vuelta '99;
Campione del mondo, a cronometro, ai mondiali del '99; 2o al
Tour del 2000; Medaglia d'oro alle Olimpiadi di Sidney nella prova su
strada e Medaglia d'argento nella prova a cronometro; 2o al
Tour del 2001; 2o al Tour del 2003; 1o al Giro di Svizzera del 2004.
Oltre cinquanta corse vinte. Eppure resta il rammarico che il
numero di questi successi, in condizioni differenti, si sarebbe potuto
moltiplicare.

Nato nel 1973 a Rostok, nell'allora Ddr - Repubblica democratica
tedesca, Jan Ullrich dimostra subito che in sella a una bicicletta ha
pochi rivali. Professionista dal 1995 con la Deutshe Telekom, partecipa
al suo primo Tour de France nel 1996. Ha il compito di
aiutare il danese Bjorn Riis a conquistare la maglia gialla contro
l'allora imbattibile Indurain. Come si sa il compito del gregario e'
molto difficile. Il lavoro consiste nello spendersi per il capitano.
Nelle tappe in salite deve tenere un ritmo alto, almeno per un certo
tratto del percorso, poi si stacca e quell'incarico passa ad un altro
dei gregari della squadra.

Ullrich invece, svolto il suo compito, non si staccava. Cosi' in quel
Tour del '96, arriva al secondo posto a poco piu' di minuto di
distacco. Gia' allora tutti si accorgono del potenziale enorme di quel
giovane ciclista tedesco. Le previsioni si confermano l'anno
successivo, quando, oltre al Tour, vince il campionato nazionale
tedesco e per qualche qualche mese e' primo nella classifica dell'Uci
(Unione ciclistica internazionale).

Per la "locomotiva dell'Est", per "Kaiser Jan Ullrich", il '98 deve
essere l'anno della conferma. Non e' cosi, per una serie di motivi.
Quella edizione del Tour, segnata dall'inchiesta sul doping, passa alla
storia come la peggiore per la immagine della corsa francese,
che ad un certo punto stava per essere fermata. Quanto rimane della
competizione si incentra sul duello tra Ullrich e Pantani. In una
tappa in montagna, Ullrich va in crisi di fame e perde nove minuti. Il
romagnolo prende la maglia gialla e la tiene fino a Parigi,
nonostante il ritorno del tedesco che riesce a recuperare vari minuti.

Nulla di grave. Ma quella che era considerata una specie di macchina
invincibile mostra di avere alcune umanissime debolezze. E'
proprio in questo momento che Jan Ullrich dimostra definitivamente di
essere un grande ciclista. Perche' rifiutando la maschera di
"imbattibile" afferma la volonta' di essere, prima di tutto, un giovane
del suo tempo. Non un automa senza emozioni, costruito per
vincere a vantaggio del business, ma una persona normale con una forza
atletica non comune che sa vincere ma che accetta anche la
sconfitta, come negli ultimi anni al Tour, dove ha incontrato il
"fenomeno" Armstrong.

Per questo motivo Jan Ullrich e' un ciclista benvoluto. Perche' non
vive in modo ossessivo per il ciclismo e non e' disposto a fare
qualunque cosa per vincere. Un'affermazione di personalita' e cultura
che in tempi di sport-spettacolo e sport-business e' prova di
carattere e di indipendenza sempre piu' difficile da trovare nei grandi
campioni.


Una recensione di Ninni Radicini






Recensioni ed articoli relativi a Jan Ullrich e Hagen Bosdrof

(1) O tutto o niente di Jan Ullrich e Hagen Bosdrof - RECENSIONE

Testi di Jan Ullrich e Hagen Bosdrof pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Ninni Radicini

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-05-16
VISITE: 14024


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.