Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il fuorigioco mi sta antipatico
di Luciano Bianciardi
Pubblicato su SITO


Anno 2006 - Editore Nuovi Equilibri
Prezzo € 17 - 380 pp.
ISBN 872269596

Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7085
Media 79.32 %



fuorigioco mi sta antipatico;Il

Ecco un libro importante prodotto da un editore controcorrente come Stampa Alternativa, su idea del figlio Ettore e con la collaborazione del giornalista Matteo Marani. Un volume che raccoglie gli interventi di Luciano Bianciardi sul Guerin Sportivo nelle rubriche Così è se vi pare (28 settembre 1970 – 12 luglio 1971) e Il salotto letterario (13 settembre – 17 novembre 1971). Il Guerin Sportivo diretto da Gianni Brera non era un periodico che si occupava di gossip sugli amori dei calciatori, al tempo non ancora in voga, ma faceva cultura popolare parlando di calcio. Era una rivista che riuniva firme importanti come quelle di Antonio Ghirelli, Manlio Cancogni e lo stesso Bianciardi, prima ospitato in terza pagina con alcuni racconti e infine utilizzato per rispondere alla posta dei lettori. Le rubriche che Bianciardi tiene sul Guerin Sportivo sono una finestra sul mondo perché lo scrittore maremmano non si occupa mai di calcio da un punto di vista tecnico e tattico, piuttosto fa letteratura con la scusa della chiacchierata sportiva. Bianciardi si mette a nudo davanti dei lettori, ci dice come la pensa sui premi letterari, su Dacia Maraini, Oriana Fallaci, Alberto Moravia, Carlo Cassola, Vasco Pratolini e soprattutto Carlo Emilio Gadda, per lui il più grande scrittore italiano contemporaneo. Porta avanti una particolare lotta contro il fuorigioco, preso a simbolo di tutte le regole e solo per questo antipatico al suo temperamento anarchico e ribelle. Parla di calcio e Risorgimento (chi lo fa più nell’Italia di oggi?) e paragona Nino Bixio, Garibaldi, Mazzini, Vittorio Emanuele II a Gigi Riva, Gianni Rivera, Ivanohe Fraizzoli e Mario Corso, dando vita a un’originale metafora storico - sportiva. La posta dei lettori è anche un modo per far conoscere Umberto Saba e le stupende poesie dedicate al calcio a un pubblico più avvezzo alle curve degli stadi che ai recital poetici. Bianciardi fa cultura popolare secondo il suo stile e segue alla lettera le tesi esposte ne Il lavoro culturale, dove teorizza il compito dell’intellettuale sempre vicino alla gente e mai astratto in una torre eburnea. Il bel volume edito da Stampa Alternativa nella collana Eretica è un modo per fare un tuffo nel passato e tornare con nostalgia agli anni Settanta e a un’atmosfera ruspante che caratterizzava ancora il mondo del calcio. Bianciardi poteva ammettere candidamente di guadagnare più di Mazzola e di Rivera perché lui come scrittore sarebbe durato più a lungo rispetto ai calciatori. Altri tempi. Ci si scandalizzava perché un campione come Luigi Riva guadagnava duecentomila lire al giorno, che sono niente paragonati agli stipendi da favola degli odierni calciatori. Le risposte di Bianciardi sono sferzanti, ironiche, ricche di umorismo e cinismo, ma soprattutto forniscono uno spaccato veritiero del periodo storico e sono un modo per ricordare l’Italia degli anni Settanta. Per Bianciardi la lotta per il divorzio è una battaglia di retroguardia, perché bisognerebbe impegnarsi a fondo contro il matrimonio ed è illuminante una risposta data a un lettore: “Fino a quando c’è l’amore la coppia deve rispettare il proprio dovere coniugale, quando l’amore passa l’unico dovere è quello di andarsene ognuno per la sua strada”. Bianciardi aveva capito tutto anche sulla televisione e sul potere dell’economia, forse immaginava come sarebbe andata a finire, perché la sua personale rivoluzione passa per occupare le banche e far saltare la televisione. Povero Bianciardi, se n’è andato che aveva soltanto quarantanove anni, consapevole di non aver adempiuto neppure in minima parte al suo progetto di lavoro culturale e convinto che la società italiana avrebbe fatto una brutta fine. Noi quella fine la stiamo ancora vivendo.


Una recensione di Gordiano Lupi






Recensioni ed articoli relativi a Luciano Bianciardi

(1) Luciano Bianciardi ovvero I bianciardini a cura di Gordiano Lupi - ARTICOLO
(2) Come si diventa un intellettuale di Luciano Bianciardi - RECENSIONE
(3) Il fuorigioco mi sta antipatico di Luciano Bianciardi - RECENSIONE

Testi di Luciano Bianciardi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) 8 e un quarto di Paquito Catanzaro - RECENSIONE
(2) Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo - RECENSIONE
(3) Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio - RECENSIONE
(4) Fermento di Falesia di Stefano Giannotti - RECENSIONE
(5) Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno - RECENSIONE
(6) Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar - RECENSIONE
(7) L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(8) Polaroid di Davide Rocco Colacrai - RECENSIONE
(9) Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli - RECENSIONE
(10) Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti - RECENSIONE
(11) Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell - RECENSIONE
(12) A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes - RECENSIONE
(13) Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno - RECENSIONE
(14) Le case del malcontento di Sacha Naspini - RECENSIONE
(15) Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2007-04-11
VISITE: 12843


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.